CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Metanalisi di 23 studi: enoxaparina vs eparina frazionata in pazienti con STEMI sottoposti a PCI

Fonte: BMJ 2012; 344 doi: 10.1136/bmj.e553 Published 3 February 2012.

Si tratta di una analisi di dati ottenuti da 23 studi randomizzati e non randomizzati di confronto tra enoxaparina ed eparina non frazionata somministrate durante intervento coronarico percutaneo. Sono state registrate le segnalazioni sia di mortalità (end point di efficacia) che i sanguinamenti maggiori (end point di sicurezza). La dimensione del campione, le caratteristiche e gli esiti sono stati estratti ed analizzati in modo indipendente. Sono stati identificati 30.966 pazienti, di cui 10.243 pazienti (33,1%) sottoposti ad intervento coronarico percutaneo primario per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST, 8.750 (28,2%) sottoposti ad intervento coronarico percutaneo secondario dopo fibrinolisi e 11.973 (38,7%) con sindrome coronarica acuta non-ST o stabili in attesa di intervento coronarico percutaneo. Un totale di 13.943 pazienti (45,0%) hanno ricevuto enoxaparina e 17.023 (55,0%) eparina non frazionata. Enoxaparina è stata associata a riduzione significativa di morte (rischio relativo 0,66 intervallo di confidenza 95% 0,57-0,76, p<0,001), il composito di morte o infarto miocardico (rischio relativo 0,68 CI 95% 0,57-0,81, P<0,001) e le complicazioni di infarto miocardico (rischio relativo 0.75 CI 95%  da 0.6 a 0,85; P<0,001), e una riduzione dell'incidenza di sanguinamenti maggiori (rischio relativo 0,80 CI 95%  0,68-0,95, p=0,009). In pazienti sottoposti ad intervento coronarico percutaneo primario, la riduzione della mortalità (rischio relativo 0,52 CI 95% 0,42-0,64, p<0,001) è stata particolarmente significativa e associata ad una riduzione dei sanguinamenti maggiori (rischio relativo 0,72 CI 95%  0,56-0,93, p=0,01). In conclusione, enoxaparina è risultata superiore all'eparina non frazionata nel ridurre mortalità e sanguinamenti durante intervento di PCI specialmente in pazienti affetti da infarto miocardico ST elevato (STEMI).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA