CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L’automonitoraggio glicemico è utile nel diabetico di tipo 2 che non usa insulina?

Fonte: Cochrane Database Syst Rev 2012; 1:CD005060; doi: 10.1002/14651858.CD005060.pub3.

L’automonitoraggio glicemico (SMBG) ha dimostrato di essere efficace nei pazienti con diabete mellito di tipo 1 e in quelli di tipo 2 in terapia insulinica. Questa efficacia non è così chiara nei soggetti di tipo 2 che non assumono insulina. Questi autori hanno valutato proprio questo aspetto. Questa meta-analisi ha analizzato 12 studi randomizzati e controllati per un totale di 3.259 pazienti randomizzati. La durata degli studi variava da 6 a 12 mesi. La metanalisi degli studi che includevano pazienti diabetici con un diabete che durava da un anno o più, ha mostrato una significativa riduzione del valore di emoglobina glicata indotta da SMBG dopo 6 mesi di follow-up (-0.3; 95% intervallo di confidenza (CI) da -0.4 a -0.1), mentre a 12 mesi tale decremento non è risultato statisticamente significativo (-0.1; 95% CI da -0.3 a 0.04). Valutando anche la qualità della vita e i costi del SMBG, gli autori concludono che quando la durata del diabete è superiore ad un anno, l’effetto dell’SMBG sul controllo glicemico nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 che non stanno usando insulina è basso fino a 6 mesi e addirittura scompare a 12 mesi. Inoltre, non c’è evidenza che SMBG influenzi il grado di soddisfazione del paziente ed il suo benessere generale.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA