CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Assunzione di frutta e verdura e rischio di ipertensione arteriosa nelle donne: qual'è la verità?

Fonte: American Journal of Hypertension (2012); 25 2, 180–189. doi:10.1038/ajh.2011.186.

Nonostante i risultati promettenti di trial con follow-up di breve durata, l'effetto a lungo termine del consumo abituale di frutta e verdura sulla pressione sanguigna rimane incerto. In considerazione di ciò, la Dott.ssa Wang ed i suoi colleghi si sono posti l'obiettivo di valutare la potenziale associazione tra l'assunzione di frutta e verdura ed il rischio di ipertensione arteriosa in un'ampia coorte di donne di mezza età e di età avanzata. Sono state arruolate nello studio 28.082 donne, impiegate nel settore sanitario, di età ≥ 39 anni, con anamnesi negativa per malattie cardiovascolari, cancro ed ipertensione arteriosa. L'assunzione di frutta e verdura è stata valutata utilizzando questionari di frequenza alimentare semiquantitativi. L'incidenza di ipertensione arteriosa in suddetta popolazione è stata identificata tramite questionari annuali di follow-up. Rispetto al campione totale, 13.633 donne hanno sviluppato ipertensione arteriosa durante i 12.9 anni di follow-up medio. Dopo aggiustamenti in base all'età, la razza e l'intake di energia totale, l'hazard ratio (HR) ed il 95% dell'intervallo di confidenza (IC) di ipertensione erano rispettivamente 0,97 (0,89-1,05), 0,93 (0,85-1,01), 0,89 (0,82-0,97) e 0,86 (0,78-0,94), confrontando le donne che consumavano quotidianamente porzioni di frutta e verdura comprese tra 2  e <4, tra 4 e <6, tra 6 e <8, e ≥ 8 rispetto a quelle che ne consumavano <2 porzioni al giorno. Tali associazioni non sono cambiate prendendo in considerazione nelle analisi anche fattori quali lo stile di vita, ma sono state attenuate dopo ulteriore aggiustamento per altri fattori dietetici. Analizzando separatamente la frutta e la verdura, è emerso che un intake maggiore di frutta di tutti i tipi, ma non di tutti quelli di verdura, risultava persistentemente e significativamente associato con un rischio ridotto di ipertensione arteriosa, dopo aggiustamento per fattori di stile di vita e di dieta. Includendo l'indice di massa corporea (BMI) nei modelli analitici si eliminavano tutte le suddette associazioni. In conclusione, si può affermare che un consumo maggiore di frutta e verdura, parte integrante di un modello alimentare sano, può contribuire con un modesto effetto benefico nella prevenzione dell'ipertensione arteriosa, probabilmente e principalmente attraverso il miglioramento nel controllo del peso corporeo.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA