CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Per la prognosi dell'insufficienza mitralica degenerativa utile il BNP ed i suoi determinanti!

Fonte: Heart 2012 Feb 18. [Epub ahead of print].

In pazienti con IM (insufficienza mitralica) degenerativa asintomatica, la funzione ventricolare sinistra longitudinale ed il volume dell’AL (atrio sinistro) si sono dimostrati determinanti principali di rilascio di BNP (peptide natriuretico cerebrale), un potente predittore indipendente di eventi cardiaci. Inoltre, sembra che il valore plasmatico del BNP possa contribuire a migliorare la stratificazione del rischio e la gestione di questa categoria di pazienti. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti il dott. Magne J ed i suoi colleghi che hanno voluto identificare i determinanti e l'impatto del valore di BNP in pazienti asintomatici con IM degenerativa in termini di incidenza di eventi cardiaci. 135 pazienti consecutivi asintomatici (60 ± 14 anni, 56% uomini) con IM degenerativa da moderata a grave e con funzione del LV (ventricolo sinistro) conservata sono stati sottoposti ad un’ecocardiografia transtoracica con quantificazione funzionale mediante speckle tracking e ad un prelievo di campioni di sangue, raccolti al momento della ecocardiografia, mediante i quali veniva misurato il livello plasmatico di BNP. Dai risultati dello studio è emerso che il livello plasmatico di BNP è stato correlato con l'età, il diametro tele sistolico del LV indicizzato, il volume dell’AL indicizzato, la pressione di riempimento del LV stimata dal rapporto E/Ea, la pressione arteriosa polmonare sistolica e la GLS (deformazione longitudinale globale). Nell'analisi di regressione multipla, il volume AL indicizzato (p=0,008), il tempo di decelerazione mitralico (p=0.003) e la GLS (p<0.0001) erano indipendentemente direttamente associati con il valore di BNP. Durante il follow-up (media 23 ± 19 mesi), si sono verificati 54 eventi ed a 4 anni la sopravvivenza libera da eventi è stata del 50 ± 6%. Inoltre, c'era una relazione tra l'aumento graduale di BNP (cioè, secondo quartile) ed una ridotta sopravvivenza libera da eventi (p<0,0001). All'analisi Cox multivariata, il volume AL indicizzato (HR 1,04, p=0,003), la GLS (HR 1.14, p=0,007) ed il 3 ° e 4 ° quartile di BNP (HR 8.5, p=0,002 e HR 8.8, p=0.002) si sono dimostrati determinanti indipendenti di sopravvivenza libera da eventi.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA