CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Test con farmaci bloccanti i canali del sodio nel pattern Brugada tipo 2 e 3: quali pazienti è utile sottoporre al test?

Heart Rhythm. 2012 Feb 11. [Epub ahead of print].

Il pattern Brugada tipo 1 è caratterizzato da un sopraslivellamento del punto J e del tratto ST in V1-V2/V3 con il caratteristico aspetto “coved”. Tale pattern può essere spontaneamente presente all'ECG di superficie o può esser slatentizzato grazie al test con i farmaci bloccanti i canali del sodio (flecainide e ajmalina) nei soggetti con pattern Brugada non diagnostico (tipo 2 e 3). In base all'esito di tale test è possibile una stratificazione del rischio di eventi aritmici nei pazienti sintomatici, ma non in quelli asintomatici. Il Dott. Zorzi ed i suoi colleghi si sono posti l'obiettivo di valutare il valore prognostico del test con i farmaci bloccanti i canali del sodio nei pazienti con pattern Brugada non diagnostico. In questo studio sono stati arruolati 153 pazienti consecutivi (128 maschi, età media 41,7 ± 14,0 anni) con pattern Brugada tipo 2 e 3 sottoposti a test con flecainide (48%) o con ajmalina (52%). il pattern Brugada non diagnostico era stato riscontrato durante la valutazione di un arresto cardiaco in 5 pazienti (3%), di un evento sincopale in 36 (24%), durante screening famigliare in 48 soggetti (31%) e come riscontro occasionale all'ECG in 64 (42%). Un eventuale pattern ECG Brugada tipo 1 spontaneo è stato escluso valutando sistematicamente i pazienti con ECG seriati e con registrazione delle derivazioni precordiali V1 e V2 anche nel secondo e terzo spazio intercostale. Al test con farmaci bloccanti i canali del sodio sono risultati positivi 76 pazienti (50%). Durante un follow-up medio di 59 ± 33 mesi, 9 (5,9%) pazienti hanno presentato eventi tra cui sincopi (n = 4), interventi appropriati del defibrillatore (n = 4) o morte improvvisa (n = 1). Un risultato positivo al test era associato ad un tasso di eventi significativamente più alto nei pazienti sintomatici (p=0,01), ma non in soggetti asintomatici (p=0,18). In particolare, si segnala che non si sono verificati eventi nei soggetti asintomatici con un riscontro occasionale di pattern ECG Brugada non diagnostico. In conclusione, in soggetti asintomatici con una diagnosi di pattern Brugada tipo 2 e 3 l'incidenza di eventi avversi è bassa indipendentemente dall'esito del test con farmaci bloccanti i canali del sodio. Al contrario, nei pazienti sintomatici un test positivo è associato ad una prognosi negativa per quel che riguarda eventi aritmici e può, quindi, contribuire alla stratificazione del rischio in questo gruppo di soggetti.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA