CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Minore è l’esposizione al colesterolo LDL in tutta la vita, minore è il rischio di malattia coronarica

Fonte: American College of Cardiology Congress 2012, Chicago.

Il controllo precoce, nella vita di una persona, del C-LDL conduce a sostanziali benefici nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Queste sono state le conclusioni dei ricercatori guidati da Brian Ference, della Wayne State University di Detroit. In una analisi genetica, le persone con un allele che marca bassi livelli di C-LDL fin dalla nascita hanno un rischio di malattie coronariche più basso del 54% ogni 38.7 mg/dL in meno di C-LDL. Di contro, soggetti che hanno iniziato la terapia con statine all’età media di 63 anni, raggiungendo lo stesso livello di C-LDL di chi non è mai stato esposto a livelli elevati, avevano una riduzione del rischio di malattie coronariche “solo” del 24%. Sulla base di queste rilevazioni, i soggetti a rischio CV esposti a lungo nella vita ad elevati livelli di colesterolo LDL avrebbero necessità di riduzioni di 3 volte superiori di tali livelli per raggiungere una riduzione del rischio pari a quella di soggetti mai esposti al C-LDL elevato in tutta la vita. Guardando il bicchiere mezzo pieno, si potrebbe dire che prima si inizia il controllo del C-LDL elevato meglio è. L’analisi ha incluso 9 polimorfismi su 6 diversi geni associati con livelli bassi di C-LDL ma non con altre lipoproteine o rischio cardiovascolare correlato a fattori non lipidici. Gli outcome di malattia coronarica erano un composto di morte cardiovascolare, infarto miocardico e rivascolarizzazione coronarica. In una metanalisi separata, comprendente circa 190.000 pazienti, ciascun polimorfismo genetico è stato associato con i livelli di C-LDL più bassi dal 2,6 a 16,9 mg/dL e a rischio CV relativo più basso dal 6% to 27%. Dopo aggiustamenti per ogni unità di abbassamento del C-LDL, ogni 38,7 mg/dL di abbassamento di C-LDL nel corso della vita è stato associato con una riduzione del rischio di malattia coronarica compreso tra il 51% ed il 59% (54% medio nell’analisi pooled)

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA