CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Misurare anche la circonferenza vita aiuta a valutare meglio il rischio cardiovascolare

Fonte: Arch Pediatr Adolesc Med. 2012; 0: 20121261-6.

Lo scopo di questo studio è stato determinare se l’interazione tra percentile di circonferenza vita e del rapporto vita/altezza (WHtR) con l’indice di massa corporea (BMI) può servire a meglio prevedere il rischio per la valutazione del profilo lipidico e dei valori pressori negli adolescenti. Sono stati valutati 4.104 pazienti (51% maschi) e 3.248 (79%) hanno completato lo studio. Il profilo lipidico non a digiuno e i valori pressori sono stati categorizzati sulla base del rapporto BMI/percentile circonferenza vita e BMI/WHtR. L’associazione tra valori pressori, profilo lipidico e misure di adiposità (BMI da solo, BMI/percentile di circonferenza vita, e BMI/WHtR) sono risultate statisticamente significative, ma avevano una forza limitata e non differivano tra loro. Per i pazienti sovrappeso e obesi, le categorie con WHtR aumentato sono risultate associate con un peggiore profilo lipidico e aumentati valori pressori rispetto ai soggetti con BMI normale e normale WHtR. Quindi, le misure di circonferenza vita dovrebbero essere incluse nello screening e nella valutazione del rischio nei soggetti sovrappeso e obesi.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA