CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L'insulina intranasale riduce l'appetito se somministrata nella fase post-prandiale

Fonte: Diabetes 2012; 61(4): 782-789.

Questi autori hanno ipotizzato che l’insulina a livello cerebrale contribuisca alla regolazione dell’appetito e hanno valutato gli effetti sull’introito alimentare della somministrazione post-prandiale vs una somministrazione a digiuno di insulina intranasale sul cervello in donne sane. Sono state somministrate 160 IU di insulina per via intranasale a digiuno o dopo pranzo. Due ore più tardi è stato misurato il consumo di cibi di varia appetibilità. Rispetto a placebo, la somministrazione di insulina nel post-prandiale, ma non a digiuno, ha ridotto l’appetito, così come l’introito di cibi al cioccolato (il cibo più appetibile offerto). L’insulina intranasale ha portato una lieve riduzione della glicemia ma non ha condizionato le concentrazioni sieriche di insulina. I dati indicano che l’insulina a livello cerebrale ha un effetto rilevante sulla sazietà nel periodo post-prandiale e ha un impatto sull’omeostasi periferica del glucosio. Quindi l’insulina intranasale post-prandiale potrebbe essere utile per ridurre l’introito alimentare.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA