CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Il consumo di bevande zuccherate aumenta il rischio di malattia coronarica

Fonte: Circulation 2012; 125: 1735-1741.

Il consumo di bevande zuccherate è associato ad aumento di peso e rischio di diabete di tipo 2, ma pochi studi hanno valutato la presenza di un rapporto tra tale consumo e lo sviluppo di malattia coronarica o la presenza di biomarcatori intermedi. Neanche il ruolo di bevande zuccherate artificialmente risulta chiaro. È stata quindi effettuata un'analisi dell’Health Professionals Follow-Up Study, uno studio di coorte prospettico comprendente 42.883 uomini ed è stata valutata l’associazione tra il consumo cumulativo di bevande zuccherate ed edulcorate (per esempio, bibite dietetiche) con l’incidenza di malattia coronarica fatale e non fatale (infarto del miocardio). Si sono verificati 3.683 casi di malattia coronarica in oltre 22 anni di follow-up. I partecipanti al quartile superiore di consumo di bevande zuccherate avevano un rischio relativo del 20% più elevato di malattia coronarica rispetto a quelli del quartile inferiore (rischio relativo = 1,20, intervallo di confidenza al 95%, 1,09-1,33, p<0.01) dopo correzione per età, fumo, attività fisica, consumo di alcol o di multivitaminici, storia familiare, qualità della dieta, introito calorico, indice di massa corporea, modificazione del peso e della dieta. Il consumo di bevande edulcorate artificialmente non è risultato significativamente associato alle malattie coronariche (rischio relativo = 1,02, intervallo di confidenza al 95%, 0,93-1,12, p per trend = 0.28). La correzione per valori auto-riferiti di ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, ipertensione arteriosa e diabete mellito di tipo 2 hanno leggermente attenuato queste associazioni. Il consumo di bevande zuccherate, ma non di quelle edulcorate artificialmente, risultava significativamente associato a un aumento dei trigliceridi plasmatici, della proteina C-reattiva, dell’interleuchina-6 e dei recettori del fattore di necrosi tumorale 1 e 2, portando invece a diminuzione dei valori di colesterolo HDL, lipoproteina(a) e leptina (P<0,02). In conclusione, il consumo di bevande zuccherate è stato associato ad aumento del rischio di malattia coronarica e di alcune modifiche sfavorevoli dei parametri lipidici, dei fattori infiammatori e della leptina. Al contrario, tali associazioni non si sono manifestate con l’assunzione di bevande edulcorate artificialmente.

Scarica la Figura in GIF - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA