CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ossido nitrico sintasi: regolazione e funzione

Fonte: European Heart Journal Volume 33, Issue 7Pp. 829-837.

L'ossido nitrico (NO), la più piccola molecola di segnalazione nota; è prodotta da tre isoforme di NO sintasi (NOS; CE 1.14.13.39). Esse utilizzano tutte L-arginina e ossigeno molecolare come substrati e richiedono i cofattori nicotinammide-adenina-dinucleotide fosfato (NADPH), flavina adenina dinucleotide (FAD), flavina mononucleotide (FMN), e (6 R -) 5,6,7,8-tetraidrobiopterina (BH 4). Tutti i NOS legano calmodulina e contengono eme. NOS neuronali (nNOS, NOS I) sono costitutivamente espresse in neuroni centrali e periferici e alcuni altri tipi di cellule. Le sue funzioni comprendono la plasticità sinaptica nel sistema nervoso centrale (SNC), centrale di regolazione della pressione sanguigna, rilassamento della muscolatura liscia e vasodilatazione tramite i nervi periferici nitrergici. Tali nervi sono di particolare importanza nel rilassamento del corpo cavernoso e in corso di erezione del pene. Inibitori della fosfodiesterasi 5 (sildenafil, vardenafil e tadalafil) richiedono almeno una residua attività nNOS per la loro azione. NOS inducibile (NOS II) può essere espressa in molti tipi di cellule in risposta a lipopolisaccaridi, citochine, o altri agenti. NOS inducibile genera grandi quantità di NO che hanno effetti citostatici sulle cellule bersaglio parassitarie. NOS inducibili contribuiscono alla fisiopatologia delle malattie infiammatorie e shock settico. NOS endoteliale (eNOS, NOS III) è per lo più espressa in cellule endoteliali. Mantiene i vasi sanguigni dilatati, controlla la pressione sanguigna, e dispone di numerosi altri effetti vasoprotettivi e anti-aterosclerotiche. Molti fattori di rischio cardiovascolare possono portare a stress ossidativo, disaccoppiamento eNOS, e disfunzione endoteliale nel sistema vascolare. Farmacologicamente, lo stress ossidativo vascolare può essere ridotto e la funzionalità eNOS restituita con inibitori del sistema renina-angiotensina e dell'enzima di conversione, con antagonisti del recettore dell'angiotensina, e con le statine.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA