CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

QTc allungato?....ora anche a maggior rischio di Stroke!!!

Fonte: J Am Coll Cardiol, 2012; 59:1460-1467, doi:10.1016/j.jacc.2012.01.025.

Un prolungamento dell'intervallo QTc è associato ad un aumento significativo del rischio di ictus indipendente dei tradizionali fattori di rischio ictus. Queste sono le evidenze portate alla luce dal dott. Elsayed Z. Soliman e dai suoi colleghi che nello studio REGARDS (REasons for Geographic and Racial Differences in Stroke) si sono proposti di esaminare l'associazione tra il prolungamento dell'intervallo QTc (QT corretto per la frequenza cardiaca) e l’incidenza di stroke. Nel REGARDS Study sono stati inclusi un totale di 27.411 partecipanti, senza pregresso ictus, di età > 45 anni. Nello studio a tutti i partecipanti è stato calcolato il QTc utilizzando la formula di Framingham (QTcFram) ed i casi di ictus sono stati identificati e registrati durante un follow-up fino a 8,2 anni (mediana, 5.1 anni). I risultati ottenuti hanno evidenziato che il rischio di ictus nei partecipanti con QTcFram prolungato è stato quasi 3 volte il rischio nei pazienti con QTcFram normale (hazard ratio [HR] [intervallo di confidenza 95% (CI)]: 2,88 [2,12-3,92], p<0,0001). Dopo aggiustamento per caratteristiche demografiche (età, razza e sesso), i tradizionali fattori di rischio per l'ictus (impiego di farmaci antipertensivi, pressione arteriosa sistolica, abitudine al fumo, diabete, ipertrofia ventricolare sinistra, la fibrillazione atriale e precedente malattia cardiovascolare), l'uso di warfarin, l'uso di aspirina, durata del QRS e l'uso di farmaci che prolungano il QTc, il rischio di ictus è rimasto significativamente elevato (HR [95% CI]: 1,67 [1,16-2,41], p=0,0061). Risultati simili sono stati ottenuti quando il rischio di ictus è stato stimato per un aumento QTcFram di 1-SD, (HR [95% CI]: 1,12 [1,03-1,21], p=0,0053 in un modello di analisi multivariata aggiustata) e quando altre formule di correzione QTc come la quella di Hodge, di Bazett e di Fridericia sono state utilizzate.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA