CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Depressione e ansia...quando calano, migliora l'aderenza terapeutica a 360 gradi!!

Fonte: American Journal of Cardiology Volume 109, Issue 9 , Pages 1266-1271, 1 May 2012.

Quanto "pesano" ansia e depressione nei pazienti colpiti da sindromi coronariche acute, sull'aderenza terapeutica non solo intesa come assunzione di farmaci ma anche come comportamenti quotidiani corretti di prevenzione (attività fisica, dieta, abolizione del fumo ecc...)? Pare molto, almeno stando a questo piccolo studio (134 pazienti) a cui sono stati somministrati, dopo SCA, diversi questionari (al basale, dopo 6, 12 settimane e a 6 mesi) per la quantificazione dei gradi di ansia, di depressione e di "aderenza" terapeutica intesa appunto a 360 gradi. In generale, il miglioramento dei livelli di ansia e di depressione è stato associato ad un miglioramento dell'aderenza, anche se, la riduzione della depressione ha determinato un miglioramento dell'aderenza molto più veloce rispetto alla riduzione di ansia (miglioramento significativo già a 6 settimane). Quindi, dopo SCA, non sottovalutiamo i fattori ansia e depresssione visto che sembrano essere implicati nella buona riuscita della prevenzione secondaria.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA