CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Telmisartan + amlodipina: accoppiata vincente per combattere l’ipertensione

Fonte: J Clin Hypertens  2012;14:206–215.

Il trattamento con una singola compressa di T/A (Telmisartan ed Amlodipina) in soggetti con BP (pressione arteriosa sistemica) elevata determina un’ampia e significativamente maggiore riduzione della BP, un raggiungimento in una maggiore percentuale di soggetti del valore goal di BP ed una più elevata percentuale di risposta rispetto alle singole monoterapie. Inoltre, la terapia di combinazione T/A risulta essere ben tollerata. In questo studio randomizzato, in doppio-cieco, placebo-controllato i ricercatori hanno voluto confrontare l'efficacia e la tollerabilità di T/A in una unica formula rispetto alle rispettive monoterapie. In questo studio sono stati inclusi 858 pazienti con ipertensione grave (BPS (sistolica)/ BPD (diastolica) [SBP / DBP] ≥ 180/95 mm Hg), sono stati randomizzati ad assumere T/A o la sola A o solo T e sono stati seguiti a follow-up per 8 settimane in terapia. La formula combinata T/A ha prodotto, ad 8 settimane, riduzioni significativamente maggiori dei valori basali di SBP/DBP (-47,5 mmHg/-18.7 mmHg) rispetto a quanto ottenuto con le singole monoterapie: T (P<.0001) e A (P=0,0002); una maggiore efficacia versus le monoterapia era comunque evidente anche a 1, 2, 4, e 6 settimane. Comunque il trattamento di combinazione T/A è stato ben tollerato ed in questo gruppo di pazienti è emersa una minor frequenza di eventi avversi trattamento-correlati rispetto alla monoterapia A (12,6% vs 16,4%) e una incidenza numericamente inferiore di edema periferico e necessità di interruzione del trattamento.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA