CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Insufficienza renale stadio 3 e 4: attenzione ai trigliceridi!

Fonte: Nephrol. Dial. Transplant. (2012) doi: 10.1093/ndt/gfs058.

Un livello sierico di trigliceridi ≥ 200 mg/dL risulta essere indipendentemente associato con la mortalità per tutte le cause in pazienti con CKD (malattia renale cronica) allo stadio 3 e 4 di età inferiore ai 65 anni, ma non in pazienti di età ≥ 65 anni. E’ noto che nella popolazione generale un livello elevato di trigliceridi è associata a mortalità cardiovascolare e per tutte le cause, mentre l’associazione tra trigliceridi e la mortalità per tutte le cause in pazienti con CKD non sono chiare. A tale scopo è stato condotto questo studio che ha incluso tutti i pazienti con CKD allo stadio 3 e 4 (velocità di filtrazione glomerulare stimata 15-59 mL/min/1.73 m2) ai quali venivano misurati i livelli di trigliceridi sierici prima di essere classificati rispetto alla malattia renale cronica. Sono state indagate le associazioni dei livelli di trigliceridi con tutte le cause di mortalità in 25.641 pazienti con CKD in Fase 3 e 4, utilizzando modelli Cox di rischio proporzionale e le curve di sopravvivenza di Kaplan-Meier. Dall’analisi mediante il modello COX, dopo aggiustamento per le covariate rilevanti, compresi altri parametri lipidici, il livello di trigliceridi nel siero 150-199 mg/dL non è stato associato con la morte [hazard ratio (HR) 1,00, intervallo di confidenza 95% (95% CI), 0,92-1,10] rispetto ad un livello di trigliceridi <150 mg/dL, mentre trigliceridi ≥ 200 mg/dL è risultato essere associato ad un rischio di morte maggiore dell’ 11% (95% CI 1,01-1,22). La presenza di livelli di trigliceridi ematici ≥200 mg/dL è risultata essere associata ad un rischio di morte maggiore del 38% in pazienti <65 anni, mentre non è associata ad alcun aumento del rischio di morte nei soggetti di età >65 anni (HR 0.97, 95% CI 0.88–1.08, P for interaction <0.001). Quando i trigliceridi sierici sono stati esaminati come una variabile continua log-trasformate, sono state osservate associazioni simili di mortalità.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA