CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L'inibizione cronica di cGMP fosfodiesterasi migliora la cardiopatia diabetica

Fonte: Circulation 2012; 125: 2323-2333.

La proteina cGMP fosfodiesterasi di tipo 5 è sovraregolata nell’ipertrofia miocardica. Tuttavia, non è mai stato accertato se una inibizione della fosfodiesterasi di tipo 5 eserciti un effetto antirimodellante nella cardiopatia ischemica negli esseri umani. Sono state indagate le proprietà cardioriparative di un inibitore selettivo della fosfodiesterasi di tipo 5, sildenafil, in un modello di cardiomiopatia diabetica. È stata effettuata una risonanza magnetica cardiaca su 59 uomini diabetici (60,3 ± 7,4 anni) con cardiopatia ischemica, cardiomiopatia diabetica non scompensata (minore sollecitazione circonferenziale [σ], -12,6 ± 3,1; aumento della torsione del ventricolo sinistro [LV] [θ] , 18,4 ± 4,6° e il rapporto di aumento della massa ventricolare sinistra al volume, 2,1 ± 0,5 g/mL) ed i pazienti sono stati randomizzati a ricevere placebo o sildenafil (100 mg/d). Al basale, gli indici metabolici sono stati correlati con torsione, trazione, peptide natriuretico N-terminale di tipo pro-B, fattore di crescita endoteliale vascolare, proteina chemiotattica dei monociti-1, e la pressione sanguigna. Dopo 3 mesi, sildenafil ha prodotto un miglioramento significativo rispetto al placebo in torsione LV (Δθ: sildenafil, -3,89 ± 3,11° rispetto al placebo, 2,13 ± 2,35°; P<0,001) e la tensione (Δσ: sildenafil, -3,30 ± 1,86 versus placebo, 1,22 ± 1,84, P<0,001). Sildenafil ha indotto un miglioramento della contrazione LV, che è stata accompagnata da una corrispondente variazione della geometria della camera e della performance, con un 6,5 ± 11 miglioramento di massa-volume rapporto rispetto al placebo (P=0,021). La proteina chemotattica dei monoliti tipo-1 ed il fattore di crescita trasformante-β sono stati i marcatori influenzati dal solo trattamento attivo (Δ proteina chemotattica dei monoliti tipo-1: -75,30 ± 159,28 pg/mL, P=0,032; Δ fattore di crescita trasformante-β: 5,26 ± 9,67 ng/mL , P=0,009). Nessuna modifica è stata riscontrata per funzione endoteliale, post-carico, o metabolismo.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA