CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Costi e benefici della terapia anti-diabetica

Fonte: Am J Med 2012; 125: 302.e1-302.e7.

Ad oggi sono state approvate sei classi di ipoglicemizzanti orali per la cura del diabete. Anche se tutti questi agenti abbassano la glicemia, ci sono sostanziali differenze di costo tra i vari agenti. Questo studio ha valutato il rapporto costo beneficio dei vari farmaci. È stata analizzata una coorte di 254.973 pazienti, di età tra 18 e 100 anni, in terapia con ipoglicemizzanti orali in monoterapia tra gennaio 2006 e dicembre 2008. Nel corso del tempo, la percentuale di pazienti inizialmente trattati con metformina è aumentata dal 51% al 65%, mentre quelli in trattamento con sulfoniluree si sono ridotti dal 26% al 18% (P<0.001 per entrambi). C’è stato un significativo declino nell’uso dei tiazolidinedioni (da 20.1% a 8.3%, P<.001) e un aumento dell’uso degli inibitori della dipeptidil peptidasi-4 (da 0.4% a 7.3%, P<.001). Il costo per i pazienti in trattamento con inibitori dell’alfa-glucosidasi, tiazolidinedioni, meglitinidi o inibitori della dipeptidil peptidasi-4 è stato di 677$ in un periodo di 6 mesi e 116$ e 118$ per i pazienti in trattamento con metformina o sulfoniluree per una differenza di costi di 1.120$ all’anno per paziente. Approssimativamente circa il 35% dei pazienti iniziati ad un ipoglicemizzante orale non hanno ricevuto il dosaggio raccomandato di metformina. Questa pratica influenza, non poco, anche i costi.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA