CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Morte improvvisa in pazienti con infezione da HIV

Fonte: J Am Coll Cardiol, 2012; 59:1891-1896.

Lo scopo di questo studio è stato di determinare le caratteristiche cliniche e l'incidenza di morte cardiaca improvvisa (SCD) in pazienti affetti da virus dell'immunodeficienza umana (HIV). 2.860 pazienti consecutivi con infezione da HIV sono stati studiati a San Francisco tra l'aprile 2000 e l'agosto 2009. Dei 230 morti nel corso di un periodo medio di 3.7 anni di follow-up, 30 (13%) è avvenuto per cause compatibili con morte improvvisa, 131 (57%) è stato dovuto a sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), 25 (11%) sono stati dovuti ad altre cause (naturale) e nel 19% sono state dovute a overdose, suicidi, o cause sconosciute. Le SCDs rappresentavano l'86% di tutte le morti cardiache (30 su 35). Il tasso medio di SCD è stato del 2,6 per 1.000 anni-persona (intervallo di confidenza 95%: 1,8 a 3,8), 4,5 volte più alta del previsto.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA