CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Caro vecchio warfarin!....beneficio netto della terapia anticoagulante nella FA

Fonte: Circulation 2012; 125: 2298-2307.

I fattori di rischio noti per sanguinamento durante il trattamento anticoagulante sono in gran parte gli stessi di quelli per predire gli eventi tromboembolici nei pazienti con fibrillazione atriale (AF). L'obiettivo dello studio che vi presentiamo è stato di studiare come massimizzare la probabilità di evitare ictus e sanguinamento. Tutti i 182.678 soggetti con fibrillazione atriale nel registro svedese Hospital Discharge sono stati studiati per una media di 1,5 anni (260.000 pazienti-anno a rischio). I pazienti sono stati stratificati in base al rischio di sanguinamento e di cardioembolismo. L' end point primario è stata la valutazione del beneficio netto della terapia dicumarolica definito come numero di ictus ischemici evitati con l'anticoagulazione meno il numero di un eccesso di sanguinamenti intracranici con un peso di 1,5 per compensare il risultato generalmente più grave con emorragie intracraniche. Il beneficio clinico netto della terapia con warfarin si è osservato per quasi tutti i pazienti con fibrillazione atriale. Le eccezioni erano pazienti a rischio molto basso di ictus ischemico con un punteggio CHA2DS2-Vasc di 0 e concomitante rischio emorragico moderatamente elevato (-1,7%). In conclusione, in quasi tutti i pazienti con fibrillazione atriale, il rischio di ictus ischemico in assenza di trattamento anticoagulante è superiore al rischio di emorragia intracranica con la terapia anticoagulante. L'analisi del beneficio netto indica che più pazienti possono trarre beneficio dal trattamento con anticoagulanti.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA