CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Attività fisica: uno strumento per ridurre l’aterosclerosi coronarica età-correlata!!

Fonte: American Journal of Cardiology Volume 109, Issue 6, Pages 839-843, 15 March 2012.

Una maggiore attività fisica aerobica è associata con una minor prevalenza dell’ aterosclerosi coronarica avanzata in una popolazione maschile asintomatica. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti il dott. Jidong Sung ed i suoi collaboratori che hanno voluto indagare se l’attività aerobica fosse correlata al grado di aterosclerosi coronarica. A tale scopo un totale di 8.565 uomini apparentemente sani sono stati sottoposti a screening di routine, comprendente sia test di funzionalità cardiopolmonare che punteggi di calcio coronarico. I soggetti con malattia cardiovascolare clinica o anormali risultati elettrocardiografici al test da sforzo sono stati esclusi. Il test da sforzo al treadmill è stato fatto utilizzando il protocollo di Bruce modificato e lo score Agatston per la valutazione della calcificazione delle arterie coronarie (CAC) è stato misurato utilizzando la tomografia computerizzata multidetettore. Una CAC avanzata è stata definita come un punteggio >75° percentile in base alla fascia di età. L'età media era di 51 ± 7 anni, il consumo di ossigeno massimo era in media di 32 ± 5 ml/kg/min ed il 34% dei soggetti aveva avuto uno score CAC positivo. All'analisi univariata, l'età, la pressione arteriosa, il profilo lipidico, l’indice di massa corporea, l'emoglobina A1c, la glicemia a digiuno, il rischio calcolato per la malattia coronarica a 10 anni ed il massimo consumo di ossigeno sono risultati significativamente associati con una CAC avanzata. Nel modello di regressione logistica multipla, dopo aggiustamento per età, ipertensione, emoglobina A1c, abitudine al fumo, indice di massa corporea ed abitudine regolare all’esercizio fisico, i soggetti nel quartile più alto per consumo di ossigeno massimo per età avevano meno probabilità di avere CAC età-correlata rispetto a quelli nel più basso quartile (OR = 0,60, intervallo di confidenza al 95%,48-0,73).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA