CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Pronti con la lente d'ingrandimento? La durata della vita dipende dalla durata del QRS all’ECG!

Fonte: Circulation 2012 May 21.

Valutare la relazione tra durata del QRS all’ECG di superficie e morte cardiaca improvvisa: questo lo scopo di una analisi di popolazione pubblicata da Circulation. Complessivamente sono stati inclusi 2.049 uomini di età compresa tra 42 e 60 anni. Durante un follow-up di 19 anni si sono osservate 156 morti improvvise. Per ogni incremento pari a 10 millisecondi della durata del QRS all’ECG di superficie si è osservato un aumento del rischio di morte improvvisa pari al 27% (rischio relativo 1,27, IC 95%: 1,14 – 1,40, p<0,001). L’analisi per quintili ha dimostrato che i soggetti con durata del QRS superiore a 110 msec hanno un rischio di morte improvvisa 2,5 volte più alto dei soggetti con durata inferiore a 96 msec (rischio relativo 2,50; IC 95%: 1,38 – 4,55; p=0,002) anche dopo aggiustamento per fattori confondenti come l’età, cardiopatia ischemica, fumo di sigaretta, colesterolo LDL ed HDL, proteina C reattiva, diabete, pressione arteriosa sistolica ed indice di massa corporea.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA