CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Il diabetico è più a rischio di emorragie!

Fonte: JAMA 2012; 307(21): 2286-2294.

Questo studio ha valutato se l’incidenza di sanguinamenti gastrointestinali e intracraniale sia diversa in pazienti diabetici e non diabetici che assumono aspirina. Sono stati arruolati 186.425 pazienti trattati con basse dosi di aspirina e186.425 controlli senza aspirina. Durante un follow-up di 5.7 anni, l’incidenza di eventi emorragici è stata 5.58 (95% CI, 5.39-5.77) per 1.000 persone-anno per i pazienti che assumevano aspirina e 3.60 (95% CI, 3.48-3.72) per 1.000 persone-anno per quelli che non assumevano aspirina (tasso di incidenza [IRR], 1.55; 95% CI, 1.48-1.63). L’uso di aspirina è stato associato con un maggiore rischio di sanguinamenti maggiori tranne che nei diabetici (IRR, 1.09; 95% CI, 0.97-1.22). Indipendentemente dall’uso di aspirina, il diabete è stato associato con un aumentato rischio di sanguinamenti maggiori (IRR, 1.36; 95% CI, 1.28-1.44). Quindi l’uso di aspirina è significativamente associato con un maggior rischio di sanguinamenti; tuttavia i pazienti diabetici hanno un aumentato rischio di sanguinamento indipendentemente dall’uso o meno di aspirina.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA