CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

AVERROES: apixaban vs ASA....sotto-analisi in pazienti con fibrillazione atriale e malattia cerebrovascolare pregressa

Fonte: Lancet Neurol. 2012;11(3):225-31.

I risultati dello studio AVERROES hanno dimostrato che l’apixaban riduce il rischio di stroke ed embolizzazione sistemica in soggetti con fibrillazione atriale non candidabili a terapia con antagonisti della vitamina K. Questa nuova sottoanalisi ha valutato il confronto tra apixaban ed ASA in soggetti con fibrillazione atriale e pregressa diagnosi di stroke o attacco ischemico cerebrale transitorio. In totale 5.599 pazienti con età media di 70 anni sono stati randomizzati ad apixaban od ASA. L’outcome di interesse è stato il rischio di stroke ed embolizzazione sistemica. Rispetto all’ASA, l’apixaban ha ridotto significativamente il rischio dell’outcome principale del 71% (HR 0,29, IC 95%. 0,15-0,60). Il rischio di sanguinamenti maggiori è risultato non dissimile tra i 2 gruppi di trattamento. Gli Autori concludono che l’efficacia dell’apixaban nel prevenire lo stroke e l’embolizzazione sistemica è confermata anche in soggetti ad elevato rischio di ictus per la concomitante presenza di fibrillazione atriale e malattia cerebro-vascolare pregressa.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA