CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ripolarizzazione precoce: cerca gli indizi nell’ECG!

Fonte: Europace (2012) 14 (6): 877-881.doi: 10.1093/europace/eur390.

Nei soggetti con ripolarizzazione precoce (ER) il riscontro di una maggiore dispersione trans murale della depolarizzazione (TDR) può essere correlata con un rischio aritmico aumentato. Partendo dal presupposto che la TDR è stata proposta come meccanismo aritmogenico nelle cosiddette “sindromi dell’onda J”, il Dott. Letsas ed i suoi colleghi hanno condotto questo studio con lo scopo di analizzare, negli individui con ER, i marker specifici all’ECG che riflettono TDR, tra cui durata dell’intervallo Tpeak-Tend ed il rapporto (Tpeak-Tend)/QT. Sono stati analizzati gli ECG di 47 individui sani (43 maschi, età media: 45,7 ± 13,1 anni) con ER in sede laterale (n=15) o infero-laterale (n=32) sottoposti con successo ad un test da sforzo e valutati a riposo, al picco di lavoro e nel recupero. Il pattern ER è stato definito come una parte terminale del complesso QRS (punto J) con aspetto “slurred” o “notched” ≥ 1 mm, in almeno due derivazioni contigue. Un gruppo di 35 soggetti sani senza ER, matchati per età e sesso, (28 maschi, età media: 48,6 ± 10,2 anni) è servito come  gruppo di controllo. Dalle analisi è emerso che i soggetti con ER presentavano un aumentato intervallo Tpeak-Tend in V2, una maggior dispersione Tpeak-Tend nelle derivazioni precordiali ed un maggior rapporto (Tpeak-Tend)/QT in V2, confrontati con quelli senza ER, in tutte e tre le fasi del test da sforzo (P<0.05 ). Inoltre, la dispersione Tpeak-Tend ed il rapporto (Tpeak-Tend)/QT in V2 risultavano significativamente aumentate nella fase di recupero rispetto al picco di esercizio solo nei soggetti con ER (P<0,05). Non c'erano differenze significative tra i parametri studiati all’ECG per quanto riguarda la localizzazione della ER (laterale vs infero-laterale), il tipo di ER (slurrred o notched) o il massimo sopraslivellamento del punto J (≥ 1,5 vs <1,5 mm) all’ECG basale. Per concludere, gli  individui con ER risultano avere una  TDR maggiore che può essere correlato ad un aumentato rischio di aritmie maligne in questi soggetti.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA