CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Macrofagi attivati dall'obesità

Fonte: Circulation 2012; 125: 2892-2903.

L’attivazione dei macrofagi svolge un ruolo cruciale nel regolare l'infiammazione del tessuto adiposo ed è un importante contributo alla patogenesi delle malattie cardiovascolari associate all'obesità. A vari tipi di stimoli i macrofagi rispondono con la via classica, (M1) o alternativa (M2). Vie di segnalazione mediate M1 e M2 ed i corrispondenti profili di produzione di citochine non sono ancora completamente compresi. La scoperta dei microRNA offre una nuova opportunità di comprendere questa rete complessa, ma cruciale per l'attivazione dei macrofagi e la funzione del tessuto adiposo. È stata esaminata l'attività di microRNA-223 (miR-223) ed il suo ruolo nel controllo delle funzioni dei macrofagi in corso di infiammazione del tessuto adiposo e insulino-resistenza sistemica. Topi miR-223 - / - sottoposti ad una dieta ricca di grassi presentavano una maggiore severità di insulino-resistenza sistemica rispetto ai topi wild-type; questa era accompagnata da un marcato aumento di infiammazione del tessuto adiposo. Gli effetti di regolazione cellulo-mediata in linee mieloidi specifiche per miR-223 riguardavano infiammazione del tessuto adiposo e insulino-resistenza e sono stati poi confermati da analisi di trapianto. Inoltre, usando macrofagi dal midollo osseo, è stato dimostrato che il miR-223 è un regolatore di polarizzazione dei macrofagi, che sopprime i classici percorsi pro-infiammatorie e migliora le risposte alternative antiinfiammatorie. Inoltre, è stato identificato Pknox1 come un gene bersaglio di miR-223 e regolatore essenziale per la polarizzazione dei macrofagi.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA