CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ablazione in caso di primo storm elettrico: migliore la qualità di vita senza aumentare la sopravvivenza!

Fonte: Europace (2012) doi: 10.1093/europace/eus186.

I dati di questo studio condotto da Maite Izquierdo e dai suoi colleghi suggeriscono che nella maggior parte dei pazienti con SE (storm elettrico), soprattutto quelli con una LVEF (frazione di eiezione del ventricolo sinistro) > 25%, l'ablazione transcatetere dopo un primo episodio, diminuisce il rischio di recidiva, senza aumento della sopravvivenza. E’ noto infatti che lo SE è una minaccia per la vita ed è predittore di cattiva prognosi e che in questi casi il trattamento di scelta comprende AAD (farmaci antiaritmici ) e/o CA (ablazione transcatetere). Alla luce di questi dati i ricercatori si sono proposti di confrontare retrospettivamente la prognosi in termini di sopravvivenza e di recidiva di SE in 52 pazienti consecutivi che presentavano un primo episodio di SE. Nello studio sono stati ammessi tutti i pazienti ricoverati per un primo episodio di SE dal 1995 al 2011 e che erano sottoposti a trattamento: in 29 casi con terapia conservativa, farmacologica ed in 23 casi con CA, in base alle preferenze del medico ed al tempo di insorgenza. I trattamenti conservativi sono stati più frequentemente applicati durante i primi anni dello studio, mentre la CA divenne sempre più frequenti col passare degli anni. Ad un follow-up mediano di 28 mesi, non sono state osservate differenze sia in termini di sopravvivenza (32% vs 29% p=0,8), che di recidiva di SA (38% in caso di CA versus 57% in pazienti in trattamento conservativo, P=0,29) tra i gruppi. La bassa LVEF è stata l'unica variabile associata a recidiva di SE nei pazienti sottoposti ad intervento. Quando sono stati considerati anche i pazienti con LVEF> 25%, le recidive di SE sono state significativamente inferiori nei pazienti sottoposti ad ablazione: a 24 mesi il rischio stimato di recidiva di SE è stato del 21% in pazienti ablati vs 62% nei pazienti non ablati, ma non è stato osservato alcun beneficio in termini di sopravvivenza.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA