CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Prevenire la recidiva di fibrillazione atriale dopo la cardioversione: utilizzare i farmaci antiaritmici a breve o lungo termine?

Fonte: Lancet 2012 Jun 15.

Pazienti con fibrillazione atriale persistente sottoposti a cardioversione elettrica esterna efficace sono stati randomizzati a placebo, flecainide per 4 settimane o flecainide per 6 mesi. Dopo aver verificato che il trattamento attivo riduce in modo significativo le recidive di fibrillazione atriale rispetto al placebo durante un follow-up iniziale di 4 settimane, sono stati confrontati 261 pazienti trattati con flecainide a breve termine e 263 pazienti con flecainide a lungo termine. Seppur i due schemi di trattamento siano risultati complessivamente simili nel prevenire le recidive di fibrillazione atriale o la morte (46% vs 39%; p=0,21), una analisi post-hoc ha suggerito che nei pazienti che non hanno avuto recidive nel primo mese, il trattamento a lungo termine riduce in modo significativo il rischio di recidiva o morte rispetto a quello a breve termine (HR 0,31, p=0,0001).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA