CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Marcatori di aterosclerosi subclinica in soggetti con familiarità per aterosclerosi prematura

Fonte: Atherosclerosis. 2012 Jun;222(2):537-40.

Tra i vari marcatori di aterosclerosi subclinica, solo il CSI (indice di rigidità carotidea Beta) era significativamente più alto negli adolescenti che avevano una storia familiare di aterosclerosi prematura. Queste sono le conclusioni del dott. Celik e dei suoi collaboratori che hanno voluto valutare se fosse possibile identificare un’aterosclerosi subclinica con biomarcatori e metodi eco-guidati in un gruppo di adolescenti che hanno padri con aterosclerosi prematura. A tale scopo in questo studio sono stati arruolati 33 soggetti i cui padri avevano una storia di malattia coronarica prematura e 30 controlli i cui padri non avevano una storia di malattia coronarica. In tutti i partecipanti sono stati valutati i livelli di omocisteina, i livelli di proteine ​​C-reattiva ad alta sensibilità, le dimensioni e le funzioni cardiache, che non differivano alla base tra i due gruppi. La CSI, CIMT (lo spessore intima-media) e la velocità PW (pulse wave) aortica sono risultati più elevati nel gruppo con una storia familiare di malattia coronarica, anche se solo la differenza di CSI è risultata statisticamente significativa (CSI 3,07 ± 1,33 vs 3,88 ± 1,25, P=0,015; CIMT 0,53 ± 0,09 millimetri vs 0,57 ± 0,08 millimetri, P=0,068; la velocità PW aortica 3,49 ± 0.53m / s vs 3,78 ± 0.63m / s, P=0,053).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA