CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Controllo glicemico ed influenza sulla reattività piastrinica

Fonte: American Journal of Cardiology Volume 110, Issue 3 , Pages 331-336, 1 August 2012.

Il mancato controllo glicemico (GC) è una condizione preoccupante e con importanti ripercussioni sull'outcome clinico dei pazienti diabetici. Ancora di più, è noto come uno scarso GC sia prognosticamente sfavorevole durante sindromi coronariche acute. La domanda a cui questo studio ha provato a rispondere è se un cattivo controllo glicemico possa influenzare la risposta alla terapia antiaggregante (in particolare alle tienopiridine), mantenendo una elevata residua attività piastrinica. Sono stati valutati 60 pazienti con IMA acuto e diabetici, trattati con angioplastica primaria. Tutti i pazienti hanno ricevuto aspirina e clopidogrel. Tutti i pazienti sono stati valutati al basale, a 24 ore, a 7 giorni e a 30 giorni dopo la PCI. L'elevata glicemia (> 8,5 mmol/L al momento del ricovero) si è rivelato un predittore indipendente ad una risposta alterata al clopidogrel sia al basale (OR 7.8, 95% CI 1,4-17,7, p<0.02) sia a 24 ore dopo PCI (OR 13.1, 95% CI 3,4-28,1, p<0,01). In conclusione, i pazienti diabetici con STEMI e glicemia >8,5 mmol/L al momento del ricovero possono avere una alterata risposta alla terapia con clopidogrel ed una più elevata attività piastrinica residua.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA