CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Nell’iperteso obeso non diabetico la Metformina non ha alcun effetto sulla glicemia e sulla pressione ma riduce il colesterolo totale, l'obesità addominale e la PCR

Fonte: J Hypertens. 2012 Jul; 30(7): 1430-9.

Nell’iperteso obeso non diabetico la Metformina non ha alcun effetto sulla glicemia e sulla pressione ma riduce il colesterolo totale, l'obesità addominale e PCR. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da He Hongbo del Daping Hospital, Cina. Essendo l'obesità e l'ipertensione arteriosa associati ad un profilo metabolico ed infiammatorio negativo e considerando che la metformina riduce il peso corporeo e migliora lo stato infiammatorio nei pazienti con diabete, tuttavia non è  ancora chiaro se tale farmaco possa essere di beneficio nei pazienti senza diabete. Pertanto i ricercatori hanno voluto valutare se un trattamento a base di metformina possa avere effetti positivi sull'obesità, ipertensione correlata e sullo stato infiammatorio in pazienti non diabetici. Lo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, è stato condotto su 360 pazienti obesi ipertesi senza diabete. Dopo 1-2-settimana di run-in, i pazienti sono stati randomizzati a metformina (500 mg una volta al giorno) o placebo, nonché a un farmaco antiipertensivo. Variazione della pressione arteriosa, dell'obesità e misurazioni del profilo metabolico sono stati valutate all’arruolamento. A 24 settimane, la metformina, rispetto al placebo, non ha avuto effetti significativi sulla pressione arteriosa, sulla glicemia, sulla colesterolemia HDL ed LDL, ma ha ridotto la colesterolemia totale (0.27mmol/l, P=0.038). La metformina, inoltre, ha ridotto significativamente il peso (-0,7 kg, p=0.006), il BMI (-0,2 kg/m2, p=0,024), la circonferenza vita (-0,9 cm, P=0.008), l’adiposità sia sottocutanea (-6,1 cm2, P=0,043) che viscerale (-5,4 cm2, P=0,028) come misurato dalla tomografia computerizzata e abbassato la PRC ad alta sensibilità (-0,6 mg / dl, P<0,001). Non vi era alcuna differenza significativa degli eventi avversi (p=0,785).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA