CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

ST sopra non riperfusi... Quale la mortalità?

Fonte: American Journal of Cardiology Volume 110, Issue 4 , Pages 509-514, 15 August 2012.

E' noto che la terapia di riperfusione riduce la mortalità nei pazienti con infarto con elevazione del tratto ST (STEMI). Tuttavia, è altrettanto noto che alcuni pazienti non possono ricevere la terapia trombolitica o essere sottoposti ad intervento coronarico percutaneo. Il processo decisionale e gli esiti clinici di questi pazienti non sono stati ben descritti. In questo studio, 139 pazienti sono stati identificati tra un totale di 1.126 pazienti con STEMI che non sono stati sottoposti a terapia di riperfusione in un centro ad alto volume di intervento coronarico percutaneo da ottobre 2006 a marzo 2011. I dati clinici, le ragioni per nessuna riperfusione, la gestione e la mortalità sono stati ottenuti dalla revisione delle cartelle cliniche. L'età media era di 80 ± 13 anni (61 per cento di donne, 31% diabetici e il 37% malattia coronarica nota). Dei 139 pazienti, 72 (52%) presentavano diagnosi primaria diversa da STEMI e 39 (28%) hanno sviluppato STEMI> 24 ore dopo il ricovero. I motivi più comuni per nessuna riperfusione sono stati: età avanzata, co-morbilità importanti, danno renale acuto o cronico, presentazione tardiva, preferenze del paziente e un quadro conclamato di demenza. Ottantaquattro pazienti (60%) avevano ≥ 3 ragioni per la non riperfusione. I fattori associati alla mortalità ospedaliera sono stati lo shock cardiogeno e l'intubazione. La mortalità ospedaliera e ad un anno sono stati rispettivamente del 53% e del 69%. In conclusione, in un centro ad alto volume di intervento coronarico percutaneo, la decisione di non riperfusione è multifattoriale, con l'età avanzata segnalato come il fattore più comune. I risultati sono stati poveri in questa popolazione, e meno della metà di questi pazienti sono sopravvissuti alla dimissione ospedaliera.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA