CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Studio DeFACTO: Determinazione della Fractional Flow Reserve mediante angiografia TC

Fonte: ESC Congress 2012, Munich - Germany.

L'angiografia coronarica CT (CT) è un test non invasivo per la diagnosi di stenosi coronarica ma non determina se la stenosi è causa di ischemia. Al contrario, la fractional flow reserve (FFR) costituisce una misura fisiologica della stenosi coronarica che esprime la quantità di flusso coronarico ancora presente nonostante la presenza della placca, ma per determinarla richiede una procedura invasiva. La FFR non-invasiva ottenibile dalla CT (FFRCT) è un nuovo metodo per la determinazione della malattia coronarica (CAD), ma la possibilità di questa metodica di identificare pazienti ischemici non è stata esaminata adeguatamente. Lo studio DeFACTO (Diagnostic Accuracy of Fractional Flow Reserve from Anatomic Computed TOmographic Angiography), presentato all'ESC di Monaco di Baviera, ha coinvolto 17 centri in 5 diversi paesi che hanno raccolto una casistica di 252 soggetti, con sospetta o nota CAD stabile, sottoposti a CT, angiografia coronarica (ICA), FFR e FFRCT tra ottobre 2010 e ottobre 2011. I risultati delle indagini sono stati interpretati in cieco da un laboratorio indipendente. L'accuratezza della FFRCT e della CT nella diagnosi della CAD è stata confrontata con la FFR invasiva, presa come standard. L'ischemia è stata definita come una FFR o FFRCT <0.80, mentre una CAD anatomicamente ostruttiva è stata definita come una stenosi >50% alla CT o all'ICA. Tra i partecipanti allo studio, 137 (54.4%) avevano una FFR anomala. Sulla base di una analisi  "per-patient", l'accuratezza diagnostica, la sensitività, la specificità, il valore predittivo positivo e il valore predittivo negativo della FFRCT erano 73% (95% [CI] 67-78%), 90% (95% CI 84-95), 54% (95% CI 46-83%), 67% (95% CI 60-74%) e 84% (95% CI 74-90%) rispettivamente. Confrontata con l'analisi di CAD effettuata con CT da sola, la FFRCT era associata con una maggiore possibilità di discriminazione (AUC 0.81, 95% CI 0.75-0.86) [p<.001]. In conclusione, nonostante lo studio non abbia raggiunto l'end poni pre specificato a causa dell'accuratezza diagnostica, l'uso della FFRCT più CT era associato ad una maggiore accuratezza diagnostica e discriminatoria rispetto alla sola CT in soggetti con malattia nota o sospetta coronarica.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA