CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

La terapia con testosterone potrebbe non essere efficace in presenza di depressione nei soggetti con diabete mellito di tipo 2 e ipogonadismo

Fonte: World Meeting on Sexual Medicine.

Per valutare se l’efficacia del trattamento con testetorone a basse dosi sia influenzata dalla depressione, questi ricercatori hanno condotto lo studio BLAST, studio randomizzato e controllato, su 200 uomini con diabete mellito di tipo 2 e ipogonadismo. Lo studio è durato 30 settimane, con circa la metà dei soggetti che ha proseguito per altre 52 settimane. I partecipanti sono stati trattati con 1.000 mg di testosterone o placebo al basale e a 6 e 18 settimane. La prevalenza di ipogonadismo è stata del 50%. Circa un quarto della popolazione con diabete mellito di tipo 2 (23%) era depresso, e i depressi tendevano ad essere più giovani e obesi. Per gli uomini non depressi il testosterone ha significativamente ridotto i livelli di HbA1c (P=0.045), di peso corporeo (P=0.038), l'indice di massa corporea (P=0.02), e la circonferenza vita (P=0.02). Questo non si è verificato nei pazienti depressi. Quindi porre diagnosi di depressione è importante quando si inizia una terapia con testosterone.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA