CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Ipertensione resistente: il blocco sequenziale del nefrone più efficace del blocco sequenziale del sistema renina-angiotensina

Fonte: Journal of Hypertension: August 2012 - Volume 30 - Issue 8 - p 1656–1664.

L'obiettivo dello studio era confrontare due regimi terapeutici per il trattamento dell'ipertensione resistente. In uno studio prospettico, randomizzato, in cieco, 167 pazienti con un livello basale diurno di pressione arteriosa ambulatoriale media sistolica >135 mmHg o diastolica >85 mmHg, nonostante il trattamento di 4 settimane con irbesartan 300 mg/die, idroclorotiazide 12,5 mg/die e amlodipina 5 mg/die, sono stati randomizzati alla terapia di blocco sequenziale del nefrone (gruppo 1, n=85) o blocco del sistema renina-angiotensina (gruppo 2, n=82). Sono stati aggiunti per 4 settimane spironolattone 25 mg/die nel gruppo 1 o ramipril 5 mg/die nel gruppo 2. Il trattamento è stato aumentato alle settimane 4, 8 o 10 se la pressione sanguigna a domicilio era >135 mmHg per la sistolica o >85 mmHg per la diastolica, introducendo in modo sequenziale  furosemide 20 mg/die, furosemide 40 mg/die e amiloride 5 mg/die nel gruppo 1, o ramipril 10 mg/die, bisoprololo 5 mg/die e bisoprololo 10 mg/die nel gruppo 2. L'end point primario era il cambiamento della pressione arteriosa sistolica ambulatoriale giornaliera alla settimana 12. Alla settimana 12, la differenza media tra i gruppi era di 10/4 mmHg (intervallo di confidenza al 95%: 7-14/2-7; P<0,001 / p=0,0014) a favore del gruppo 1. La pressione arteriosa (pressione sanguigna ambulatoriale diurna <135/85 mmHg) è stata ottenuta nel 58% dei casi nel gruppo 1 e 20% nel gruppo 2 (p<0,0001). La sospensione della terapia per eventi avversi correlati al farmaco è stata bassa (gruppo 1, n=7; gruppo 2, n =6). In conclusione, in soggetti con ipertensione resistente, il blocco sequenziale del nefrone consente una ampia e ben tollerata riduzione della pressione arteriosa attraverso il progressivo aumento della deplezione di sodio. Questa strategia terapeutica si è dimostrata più efficace del blocco sequenziale del sistema renina-angiotensina.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA