Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Promuovi un tuo evento
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
DOAC REal Life Practice
Leggi il documento
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Speciale AHA 2018
Speciale ESC 2018
Speciale ACC 2018
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

Per visualizzare il contenuto richiesto devi essere registrato al sito.


Se hai gia' effettuato la registrazione inserisci il tuo INDIRIZZO E-MAIL e la tua PASSWORD nei campi sotto riportati.





Se non ti sei ancora registrato puoi farlo gratuitamente compilando il form di registrazione.


Per qualsiasi problema scrivi a redazione@cardiolink.it
  • L'uso dell'aspirina in prevenzione primaria è associato a un minor rischio di eventi cardiovascolari e ad un aumentato rischio di sanguinamento maggiore
    Fonte: Zheng SL - JAMA. 2019 gen 22; 321 (3): 277-287. Queste sono le conclusioni della metanalisi eseguita da Zheng SL e da Roddick AJ3. del King's College di Londra United Kingdom. Il ruolo dell'aspirina nella prevenzione primaria cardiovascolare rimane controverso, con potenziali benefici limitati da un aumentato rischio di sanguinamento pertanto i ricercatori hanno voluto valutare l'associazione dell'aspirina in prevenzione primaria con eventi cardiovascolari e sanguinamento. Sono stati ricercati studi clinici randomizzati che hanno arruolato almeno 1000 partecipanti senza patologie cardiovascolari note e un follow-up di almeno 12 mesi e che confrontavano l'uso di aspirina vs placebo o nessun trattamento. L'outcome cardiovascolare primario era composto da mortalità cardiovascolare, infarto miocardico non fatale e ictus...leggi la news
  • Nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva sintomatici la terapia con trimetazidina non migliora la capacità di esercizio
    Fonte: Coats CJ - JAMA Cardiol. 2019 Feb . doi: 10.1001/jamacardio.2018.4847. [Epub ahead of print]. Queste sono le conclusioni a cui sono arrivati i ricercatori coordinati da Coats CJ dell’University College di Londra, UK. La cardiomiopatia ipertrofica causa sintomi limitanti nei pazienti anche per un meccanismo che provoca un uso di energia miocardica inefficiente. Dal momento che esistono prove contrastanti sull’utilizzo di una terapia con inibitori del metabolismo degli acidi grassi miocardici in pazienti con cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva, i ricercatori hanno voluto determinare l'effetto della terapia orale con trimetazidina, un inibitore diretto della β-ossidazione degli acidi grassi, sulla capacità di esercizio in pazienti con cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva sintomatica. E’ stato eseguito uno studio...leggi la news
  • L'uso di digossina è associato ad un aumento della mortalità in pazienti con fibrillazione atriale o scompenso cardiaco.
    Fonte: Mate Vamos - AJC 2019, 123, 1, 69 – 74. Queste sono le conclusioni della metanalisi coordinata da Mate Vamos della Goethe University di Francoforte, Germania. Nel 2015, 3 metanalisi indipendenti hanno sollevato dubbi sulla terapia con digitale mettendo in evidenza un aumento del rischio di mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) e insufficienza cardiaca (HF). Anche se da allora sono stati pubblicati numerosi altri studi che evidenziano tale aspetto, le più recenti linee guida europee per la FA raccomandano ancora questa terapia come indicazione di classe I. A tal riguardo i ricercatori hanno eseguito una revisione sistematica aggiornata e una meta-analisi su pubblicazioni fino al marzo 2018 che riportavano dati sulla mortalità...leggi la news
  • Rispetto al warfarin, nello studio PIONEER AF-PCI entrambe le strategie di trattamento con rivaroxaban hanno avuto costi maggiori per il farmaco
    Fonte: Korjian S - Am J Cardiol. 2019; 123 (3): 355-360. Ma questi sono stati più che giustificati da un minor numero di ricoveri ospedalieri riducendo nel complesso i costi. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da Korjian S della Harvard Medical School, Massachusetts.USA Lo studio PIONEER AF-PCI ha dimostrato che somministrando nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a stenting coronarico rivaroxaban 15 mg al giorno più monoterapia con inibitore P2Y 12 (gruppo 1) o 2,5 mg rivaroxaban due volte al giorno più terapia duplice antiaggregante (DAPT) (gruppo 2) hanno presentato un minor numero di ricoveri ospedalieri ricorrenti, principalmente per sanguinamento e eventi cardiovascolari, rispetto a antagonisti della vitamina K...leggi la news
  • La riparazione della valvola mitralica è da prediligere rispetto alla sostituzione della stessa nei pazienti con rigurgito mitralico da origine degenerativa indipendentemente dall'età dei pazienti in termini di mortalità per tutte le cause
    Fonte: Jung JC - Am J Cardiol. 2019; 123 (3): 446-453. Queste sono le conclusioni dello studio coordinato da Jung JC della Seoul National University College of Medicine, Sud Corea. Sebbene le attuali linee guida raccomandino la riparazione della valvola mitrale (MVr) rispetto alla sostituzione della stessa (MVR) per i pazienti con rigurgito mitralico (MR), non è chiaro tuttavia se tale indicazione sia valida anche nei pazienti anziani con aspettativa di vita limitata. Questo studio è stato condotto per confrontare i risultati di MVr con quelli di MVR per determinare l'opzione di trattamento ottimale per i pazienti con MR degenerativa, in particolare in base all'età del paziente. È stata eseguita una ricerca bibliografica su 5...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2019
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk