Trattamento dell’insufficienza mitralica severa nell’anziano: chirurgia vs terapia conservativa
Fonte: Kang DH et al. Heart. Epub ahead of print 2017, Oct 5. doi: 10.1136/heartjnl-2017-311759.

Nell’anziano con insufficienza mitralica (IM) severa, il beneficio derivante dal trattamento chirurgico non sempre è superiore al rischio operatorio. Nel 2006, le linee guida dell’American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) sottolineavano i rischi associati all’intervento nel paziente anziano e raccomandavano che il trattamento chirurgico venisse riservato a soggetti gravemente sintomatici. Negli ultimi anni, i progressi nella chirurgia della valvola mitrale hanno portato ad una riduzione della mortalità operatoria, per cui questa raccomandazione non è stata riportata nella revisione delle linee guida del 2014. Ad oggi, però, esistono pochi dati che confrontino il trattamento chirurgico precoce con un approccio basato sull’osservazione clinica fino al peggioramento della sintomatologia. Questo studio prospettico coreano ha confrontato gli outcome a lungo termine del trattamento chirurgico precoce e della terapia conservativa, in pazienti ultrasettantenni con IM severa su base degenerativa. Nello studio sono stati valutati 157 pazienti di età media pari a 74±4 anni, con IM severa lievemente sintomatica (dispnea da sforzo lieve); i pazienti arruolati erano tutti asintomatici nella deambulazione in piano e nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, l’STS score medio era 1.9±1.0%; sono stati esclusi i pazienti con disfunzione ventricolare sn o età superiore a 85 anni. 79 pazienti sono stati sottoposti a trattamento chirurgico mediante riparazione o sostituzione valvolare, mentre nei restanti 78 pazienti è stata attuata una strategia di trattamento conservativa, sulla base della decisione del medico. Le caratteristiche dei due gruppi erano sovrapponibili in termini di comorbidità (diabete mellito, ipertensione), rischio operatorio e funzione e dimensioni tele-sistoliche del ventricolo sinistro, ma i pazienti trattati chirurgicamente erano in media più giovani (72.9±2.9 vs 74.6±4.1 anni, p=0.004). Durante un follow-up mediano di 5.4 anni, nei pazienti sottoposti a trattamento chirurgico è stata osservata una ridotta mortalità, complessiva (HR 0.39; 95% CI 0.21-0.74; p=0.004) e da cause cardiache (HR 0.31; 95% CI 0.13-0.73; p=0.007), ed una riduzione degli eventi cardiaci (HR 0.26; 95% CI 0.13-0.53; p<0.001). Pertanto, in questo studio, nell’anziano con IM severa e sintomi lievi, un trattamento chirurgico precoce era associato ad una significativa riduzione della mortalità e degli eventi cardiaci a lungo termine rispetto alla terapia conservativa.

leggi anche
 
GIOVANNI STORTO
L’argomento è interessante ma mi sarei aspettato alcuni dati ecocardiografici sulla biomeccanica cardiaca
inserito il: 06-09-2021 05:34
 
  • Morte cardiaca improvvisa nello sportivo: il doping non c’entra!
    Fonte: Hansen, et al. 10.1016/j.jacep.2023.11.006. La conoscenza tra morte cardiaca improvvisa correlata allo sport (sport-related sudden cardiac death, SrSCD) e i risultati degli esami tossicologici negli atleti è scarsa. In questo studio gli autori hanno quindi analizzato i risultati tossicologici post mortem in una coorte multinazionale di giovani vittime di SrSCD. A tale scopo, i casi di SCD con età compresa tra i 12 e i 49 anni con esame post mortem completo sono stati inclusi, coinvolgendo Danimarca, Spagna e Australia. I risultati sono stati confrontati tra SrSCD e non-SrSCD, valutando il ruolo dei risultati tossicologici nei casi di SrSCD. Sono stati inclusi 3.189 casi di SCD, di cui 219 (7%) erano correlati allo sport....leggi la news
  • Terapia anti-aritmica associata a rischio accresciuto di sincope e installazione di pacemaker in pazienti con fibrillazione atriale
    Fonte: Kim YG, Lee HS, Kim H, et al. J Am Coll Cardiol. 2024;83:1027-1038. Uno studio pubblicato sul “Journal of the American College of Cardiology” ha rivelato che i pazienti con fibrillazione atriale di nuova insorgenza e trattati con farmaci antiaritmici presentano un rischio significativamente maggiore di richiedere l’impianto di un pacemaker o di presentare episodi sincopali. La ricerca, basata sui dati del sistema di assicurazione sanitaria nazionale coreano, ha esaminato le diagnosi di fibrillazione atriale di nuova insorgenza tra il 2013 e il 2019, focalizzandosi sui pazienti trattati con farmaci antiaritmici entro un anno dalla diagnosi. Tra i 770.977 casi, 142.141 sono stati trattati con antiaritmici. Dopo aver tenuto conto di possibili fattori confondenti,...leggi la news
  • Benefici delle gliflozine: la risposta è nel muscolo scheletrico?
    Fonte: Wood, et al. 10.1002/ejhf.3192. I pazienti con scompenso cardiaco a frazione d’eiezione ridotta (HFrEF) spesso presentano alterazioni strutturali a livello del muscolo scheletrico, che contribuiscono ai sintomi e alla riduzione della qualità della vita. Gli inibitori del cotrasportatore sodio–glucosio 2 (SGLT2i) migliorano gli endpoint clinici nei pazienti con HFrEF, ma il loro meccanismo d'azione rimane poco compreso. In questo studio, gli autori hanno quindi valutato l’influenza degli SGLT2i sul muscolo scheletrico nei pazienti con HFrEF. A tale scopo, sono stati confrontati campioni di biopsia muscolare di 28 pazienti maschi con HFrEF (classe NYHA I–III) trattati con SGLT2i (>12 mesi) o senza SGLT2i. Sono state eseguite analisi di immunocitochimica, trascrittomica, metabolomica e dei markers infiammatori....leggi la news
  • Un’occhiata al rene: edema maculare predice l’insufficienza renale nel diabete
    Fonte: Ou S, JCEM. 2024; doi.org/10.1210/clinem/dgad581. Nonostante i progressi nel trattamento del diabete mellito (DM), le complicanze persistono, tra cui la retinopatia diabetica (DR), l'edema maculare diabetico (DME) e la nefropatia diabetica (DKD), derivanti dal danno vascolare indotto da iperglicemia cronica. Il DME si verifica a seguito della rottura della barriera emato-retinica, causando accumulo di liquidi e perdita della vista. Studi precedenti collegano la gravità della DR con la progressione della DKD, ma la relazione tra DME e DKD rimane inesplorata. Uno studio retrospettivo ha indagato se il DME predice l'insufficienza renale nei pazienti affetti da DM e CKD. Lo studio ha analizzato i dati di circa 90 milioni di pazienti provenienti da 120 organizzazioni...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk