Trattamento dell’insufficienza mitralica severa nell’anziano: chirurgia vs terapia conservativa
Fonte: Kang DH et al. Heart. Epub ahead of print 2017, Oct 5. doi: 10.1136/heartjnl-2017-311759.

Nell’anziano con insufficienza mitralica (IM) severa, il beneficio derivante dal trattamento chirurgico non sempre è superiore al rischio operatorio. Nel 2006, le linee guida dell’American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) sottolineavano i rischi associati all’intervento nel paziente anziano e raccomandavano che il trattamento chirurgico venisse riservato a soggetti gravemente sintomatici. Negli ultimi anni, i progressi nella chirurgia della valvola mitrale hanno portato ad una riduzione della mortalità operatoria, per cui questa raccomandazione non è stata riportata nella revisione delle linee guida del 2014. Ad oggi, però, esistono pochi dati che confrontino il trattamento chirurgico precoce con un approccio basato sull’osservazione clinica fino al peggioramento della sintomatologia. Questo studio prospettico coreano ha confrontato gli outcome a lungo termine del trattamento chirurgico precoce e della terapia conservativa, in pazienti ultrasettantenni con IM severa su base degenerativa. Nello studio sono stati valutati 157 pazienti di età media pari a 74±4 anni, con IM severa lievemente sintomatica (dispnea da sforzo lieve); i pazienti arruolati erano tutti asintomatici nella deambulazione in piano e nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, l’STS score medio era 1.9±1.0%; sono stati esclusi i pazienti con disfunzione ventricolare sn o età superiore a 85 anni. 79 pazienti sono stati sottoposti a trattamento chirurgico mediante riparazione o sostituzione valvolare, mentre nei restanti 78 pazienti è stata attuata una strategia di trattamento conservativa, sulla base della decisione del medico. Le caratteristiche dei due gruppi erano sovrapponibili in termini di comorbidità (diabete mellito, ipertensione), rischio operatorio e funzione e dimensioni tele-sistoliche del ventricolo sinistro, ma i pazienti trattati chirurgicamente erano in media più giovani (72.9±2.9 vs 74.6±4.1 anni, p=0.004). Durante un follow-up mediano di 5.4 anni, nei pazienti sottoposti a trattamento chirurgico è stata osservata una ridotta mortalità, complessiva (HR 0.39; 95% CI 0.21-0.74; p=0.004) e da cause cardiache (HR 0.31; 95% CI 0.13-0.73; p=0.007), ed una riduzione degli eventi cardiaci (HR 0.26; 95% CI 0.13-0.53; p<0.001). Pertanto, in questo studio, nell’anziano con IM severa e sintomi lievi, un trattamento chirurgico precoce era associato ad una significativa riduzione della mortalità e degli eventi cardiaci a lungo termine rispetto alla terapia conservativa.

leggi anche
 
GIOVANNI STORTO
L’argomento è interessante ma mi sarei aspettato alcuni dati ecocardiografici sulla biomeccanica cardiaca
inserito il: 06-09-2021 05:34
 
  • Bastano pochi minuti per ridurre il consumo di alcol
    Fonte: Chi et al, BMJ Open. 2023 doi:10.1136/bmjopen-2022-064088. Quanto tempo bisogna impiegare per ridurre il consumo di alcol dei pazienti? Lo studio di Chi e colleghi ha mirato a rispondere a questa semplice domanda. Gli autori hanno valutato l’associazione tra l'intervento breve (IB) sul consumo di alcol (per intervento breve si intende una serie di domande e consigli mirati a ridurre il consumo di alcol, generalmente della durata di 5-10 minuti) nelle cure primarie e i risultati di consumo di alcol a 12 mesi tra adulti con ipertensione (N=72.979) e diabete di tipo 2 (DT2, N=19.642) con storia di eccessivo consumo di alcol. Fra i pazienti con ipertensione, coloro che avevano ricevuto un IB hanno...leggi la news
  • Gestione del dolore toracico acuto: una questione di genere?
    Fonte: Dawson, et al. 10.1016/j.jacc.2022.12.025. Sebbene molte differenze siano state descritte tra gli uomini e le donne con dolore toracico acuto, le eventuali differenze nella gestione di tali pazienti rimangono poco chiare. In questo studio sono stati quindi analizzati i dati di 246.910 pazienti adulti riferiti al sistema di emergenza territoriale di Victoria (Australia) tra il 2015 e il 2019. Tra questi, il 50.3% erano donne, con un’età media di 62 anni. Il tasso di incidenza standardizzato per età è stato lievemente più alto per le donne (1.19 vs. 1.14 per 100.000 persone/anno). All’analisi multi-variabile, le donne hanno ricevuto meno frequentemente le strategie di cura raccomodate dalle linee guida, incluso il trasporto in ospedale, la...leggi la news
  • La multimorbilità cardiovascolare e il rischio di demenza
    Fonte: Dove et al - https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehac744. Le malattie cardiometaboliche (CMD), incluso diabete, malattie cardiache e ictus, sono fattori di rischio stabiliti per la demenza, ma il loro impatto combinato è stato studiato solo di recente. Recentemente è stato pubblicato uno studio che mirava a esaminare l'associazione tra la multimorbidità cardiometabolica di mezza e tarda età e la demenza ed esplorare il ruolo del background genetico in questa associazione. All'interno dello Swedish Twin Registry, 17.913 individui senza demenza di età ≥60 anni sono stati seguiti per 18 anni. I CMD [inclusa l'età di esordio a 60 anni o tardiva (≥60)] e la demenza sono stati accertati dalle cartelle cliniche. La multimorbilità cardiometabolica è stata definita con...leggi la news
  • L'associazione tra il momento della giornata in cui si effettua l'attivita' fisica e il rischio cardiovascolare
    Fonte: albalac et al https://doi.org/10.1093/eurjpc/zwac239. Poco si sa sull'impatto del momento in cui si effettua l'attività fisica quotidiana (qui indicati come "cronoattività") sul rischio di malattie cardiovascolari (CVD). Recentemente è stato pubblicato uno studio che ha esaminato le associazioni tra cronoattività e molteplici outcomes CVD. I dati sull'attività fisica sono stati raccolti nella UK-Biobank attraverso un accelerometro triassiale per un periodo di misurazione di 7 giorni. Sono stati utilizzati il clustering K-mean per creare cluster di partecipanti con cronoattività simile indipendentemente dall'intensità media giornaliera dell'attività fisica. Sono stati utilizzati modelli di rischio proporzionale di Cox aggiustati per più variabili per stimare i rapporti di rischio (HR) confrontando i diversi cluster aggiustati per età e sesso...leggi la news
  • L'associazione tra l'assunzione di prodotti caseari e il rischio di malattie cardiovascolari
    Fonte: Van Parys et al https://doi.org/10.1093/eurjpc/zwac217. L'associazione dei prodotti lattiero-caseari con le malattie cardiovascolari e il rischio di mortalità rimane fortemente dibattuta. Recentemente è stato pubblicato uno studio il cui scopo era indagare l'associazione tra l'assunzione di latticini totali e prodotti lattiero-caseari e il rischio di infarto miocardico acuto (IMA), ictus e mortalità cardiovascolare e per tutte le cause. Sono stati inclusi 1.929 pazienti (80% uomini, età media 62 anni) con angina pectoris stabile dal Western Norway B-vitamin Intervention Trial. I dati dietetici sono stati ottenuti tramite un questionario sulla frequenza alimentare di 169 voci. Le associazioni di rischio sono state stimate utilizzando i modelli di regressione del rischio proporzionale di Cox aggiustati per le...leggi la news