Trattamento dell’insufficienza mitralica severa nell’anziano: chirurgia vs terapia conservativa
Fonte: Kang DH et al. Heart. Epub ahead of print 2017, Oct 5. doi: 10.1136/heartjnl-2017-311759.

Nell’anziano con insufficienza mitralica (IM) severa, il beneficio derivante dal trattamento chirurgico non sempre è superiore al rischio operatorio. Nel 2006, le linee guida dell’American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) sottolineavano i rischi associati all’intervento nel paziente anziano e raccomandavano che il trattamento chirurgico venisse riservato a soggetti gravemente sintomatici. Negli ultimi anni, i progressi nella chirurgia della valvola mitrale hanno portato ad una riduzione della mortalità operatoria, per cui questa raccomandazione non è stata riportata nella revisione delle linee guida del 2014. Ad oggi, però, esistono pochi dati che confrontino il trattamento chirurgico precoce con un approccio basato sull’osservazione clinica fino al peggioramento della sintomatologia. Questo studio prospettico coreano ha confrontato gli outcome a lungo termine del trattamento chirurgico precoce e della terapia conservativa, in pazienti ultrasettantenni con IM severa su base degenerativa. Nello studio sono stati valutati 157 pazienti di età media pari a 74±4 anni, con IM severa lievemente sintomatica (dispnea da sforzo lieve); i pazienti arruolati erano tutti asintomatici nella deambulazione in piano e nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, l’STS score medio era 1.9±1.0%; sono stati esclusi i pazienti con disfunzione ventricolare sn o età superiore a 85 anni. 79 pazienti sono stati sottoposti a trattamento chirurgico mediante riparazione o sostituzione valvolare, mentre nei restanti 78 pazienti è stata attuata una strategia di trattamento conservativa, sulla base della decisione del medico. Le caratteristiche dei due gruppi erano sovrapponibili in termini di comorbidità (diabete mellito, ipertensione), rischio operatorio e funzione e dimensioni tele-sistoliche del ventricolo sinistro, ma i pazienti trattati chirurgicamente erano in media più giovani (72.9±2.9 vs 74.6±4.1 anni, p=0.004). Durante un follow-up mediano di 5.4 anni, nei pazienti sottoposti a trattamento chirurgico è stata osservata una ridotta mortalità, complessiva (HR 0.39; 95% CI 0.21-0.74; p=0.004) e da cause cardiache (HR 0.31; 95% CI 0.13-0.73; p=0.007), ed una riduzione degli eventi cardiaci (HR 0.26; 95% CI 0.13-0.53; p<0.001). Pertanto, in questo studio, nell’anziano con IM severa e sintomi lievi, un trattamento chirurgico precoce era associato ad una significativa riduzione della mortalità e degli eventi cardiaci a lungo termine rispetto alla terapia conservativa.

leggi anche
 
GIOVANNI STORTO
L’argomento è interessante ma mi sarei aspettato alcuni dati ecocardiografici sulla biomeccanica cardiaca
inserito il: 06-09-2021 05:34
 
  • L'associazione tra ipertensione arteriosa e fragilità nel paziente anziano
    Fonte: EUGMS 2021. La fragilità è una condizione caratterizzata dall'accumulo di deficit e disfunzioni biologiche che si verifica con l'età e compromette l'equilibrio omeostatico degli organismi. La fragilità conferisce un'estrema vulnerabilità allo stress e aumenta il rischio di esiti negativi per la salute, tra cui mortalità, disabilità, scarsa qualità della vita, ospedalizzazione e istituzionalizzazione. Questa condizione ha un'alta prevalenza, che va dall'8% al 16% negli anziani residenti in comunità. È stato dimostrato che la fragilità è correlata con morbilità e mortalità nelle persone affette da malattie cardiovascolari, ed è stato suggerito che il riconoscimento dello stato di fragilità può aiutare i medici a stabilire la prognosi, determinare i rischi procedurali e guidare i trattamenti. In...leggi la news
  • Gli obiettivi dell'ospedalizzazione nel paziente fragile: le attuali cure ospedaliere abbracciano i bisogni degli anziani?
    Fonte: EUGMS 2021. Il numero di persone di età pari o superiore a 65 anni nel mondo è in aumento. Di conseguenza, il numero di persone anziane che saranno ricoverate in ospedale aumenterà nei prossimi anni. Ci sono alcune evidenze attuali che indicano che il ricovero ospedaliero possa avere effetti dannosi per le persone anziane. Ad esempio, il ricovero ospedaliero porta a un declino funzionale dal 30% al 60% degli anziani ospedalizzati in fase acuta. Inoltre, l'attuale assistenza ospedaliera è spesso orientata alla malattia e focalizzata principalmente su pazienti con singole malattie. Questo approccio specifico per malattia, che si concentra su linee guida specifiche per malattia e risultati specifici per malattia, potrebbe non essere applicabile...leggi la news
  • L'associazione tra scompenso cardiaco e demenza nel paziente anziano
    Fonte: EUGMS 2021. Durante il congresso dell’European Geriatric Medicine Society di quest’anno, si sono affrontati vari argomenti, tra cui anche la relazione tra le malattie cardiovascolari, ed in particolare lo scompenso cardiaco (SC) e la demenza. Lo SC è un pesante fardello per il sistema sanitario e per i pazienti che ne sono affetti, e le comorbidità sono un fattore aggravante significativo, che influenza sia la prognosi che la qualità della vita. In Europa occidentale, i pazienti hanno una media di cinque comorbidità al momento di diagnosi di SC. In questo contesto, lo SC assomiglia alle malattie oncologiche maligne, dove anche le comorbidità giocano un ruolo importante. Come lo SC e il cancro, la demenza...leggi la news
  • La valutazione ecocardiografica nella stratificazione del rischio aritmico nei pazienti con mutazione del fosfolambano
    Fonte: TAHA et al doi:10.1093/ehjci/jeab178. Il fosfolambano (PLN) è una fosfoproteina nel cardiomiocita che svolge un ruolo chiave nella regolazione dell'omeostasi del calcio intracellulare. Varie mutazioni correlate a cardiomiopatia sono relative al gene del PLN. Una particolare mutazione è p.Arg14del, che è stata trovata in un ampio sottoinsieme di cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro (ARVC) e in pazienti con cardiomiopatia dilatativa (DCM). I portatori della mutazione PLN p.Arg14del sono a rischio di sviluppare aritmie ventricolari maligne (VA) e/o insufficienza cardiaca allo stadio terminale.7-9 Per prevenire la morte cardiaca improvvisa in questi portatori di mutazione, un defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD ) può essere impiantato. Tuttavia, a causa della penetranza incompleta e dell'espressività variabile della malattia, il...leggi la news
  • L'associazione temporale tra gli episodi di fibrillazione atriale ed il rischio di stroke ischemico
    Fonte: Singer doi:10.1001/jamacardio.2021.3702. Comprendere l'associazione temporale tra fibrillazione atriale (FA) e ictus ischemico migliora la nostra comprensione del meccanismo dell'ictus e del trattamento della FA parossistica. Recentemente, Singer et al hanno effettuato uno studio per definire l'associazione temporale tra episodi di FA e ictus in pazienti portatori di dispositivi elettronici cardiaci impiantabili (CIED). In questo studio case-crossover, i dati di un ampio database nazionale sono stati analizzati. Sono stati inclusi i pazienti con CIED che hanno subito un ictus ischemico e che hanno avuto 120 giorni di monitoraggio continuo del ritmo cardiaco prima dell’ictus, attraverso il dispositivo impiantabile. I dati sono stati raccolti da gennaio 2007 a marzo 2017. Sono stati identificati 891 pazienti con...leggi la news