Sacubitril/valsartan nel paziente con insufficienza mitralica funzionale: i dati dello studio PRIME
Fonte: Kang DH et al. Circulation. Epub ahead of print, Dec 2018. doi: 10.1161/CIRCULATIONAHA.118.037077.

Lo studio PRIME ha valutato l’impiego dell’associazione sacubitril/valsartan nei pazienti con insufficienza mitralica (IM) funzionale, nell’ipotesi che il doppio blocco del sistema renina-angiotensina e della neprilisina possa dare risultati migliori rispetto all’impiego del solo sartano. Lo studio PRIME è stato condotto in doppio cieco in 118 pazienti con scompenso cardiaco e IM funzionale secondaria alla disfunzione del ventricolo sinistro, che sono stati randomizzati a ricevere sacubitril/valsartan o il solo valsartan, in aggiunta al trattamento standard per la patologia di base. L’endpoint primario dello studio era rappresentato dalla variazione dell’area valvolare interessata dal rigurgito a 12 mesi dalla valutazione basale. Gli endpoint secondari includevano le variazioni del volume di rigurgito valvolare, del volume telesistolico e telediastolico del ventricolo sinistro e dell’area di incompleta chiusura dei lembi valvolari. I risultati a 12 mesi hanno mostrato una riduzione dell’area valvolare di rigurgito significativamente maggiore nel gruppo trattato con l’associazione sacubitril/valsartan (-0.058±0.095 vs -0.018±0.105 cm2; p=0.032). Inoltre, in questo sottogruppo è stata osservata anche una riduzione del volume del rigurgito valvolare, significativamente maggiore rispetto a quella osservata nei pazienti trattati con il solo valsartan (differenza media -7.3 ml, 95% CI -12.6 - 1.9; p=0.009). Non sono state riscontrate differenze significative tra i due gruppi per quanto riguarda la variazione dell’area di incompleta chiusura di lembi valvolari, i volumi del ventricolo sinistro e la variazione dei valori pressori. Reazioni avverse di rilievo sono state osservate solo in 7 pazienti in trattamento con sacubitril/valsartan (12%) e 9 trattati con valsartan (16%) (p=0.54). Pertanto, nei pazienti con IM funzionale, sacubitril/valsartan sembra ridurre l’insufficienza valvolare in misura maggiore rispetto al solo valsartan. L’associazione di un sartano e un inibitore della neprilisina potrebbe quindi essere presa in considerazione nel contesto della terapia medica ottimale di questi pazienti, per i quali le opzioni di trattamento sono attualmente molto limitate.

leggi anche
 
GIOVANNI STORTO
Quest’articolo sull’entresto è del 2018 (dicembre). Perché non riprendere il filo del discorso del ruolo del saccubitril valsartan nella cardiomiopatia dilatativa a funzione sistolica preservata? Sono a caccia di vecchi ma non meno interessanti articoli di cardiolink, ma le conclusioni debbono essere pratiche ed interessanti, perché il tempo stringe
inserito il: 22-06-2024 15:09
 
  • Sacubitril-valsartan e cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva: né bene, né male
    Fonte: Velicki L, et al. 10.1002/ejhf.3291. Il trattamento con sacubitril/valsartan riduce la mortalità e le ospedalizzazioni nell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, ma ha un'applicazione limitata nella cardiomiopatia ipertrofica (CMI). L'obiettivo di questo studio era valutare l'effetto di sacubitril/valsartan sul consumo massimo di ossigeno (VO2) nei pazienti con CMI non ostruttiva. In particolare, si è trattato di uno studio di fase II, randomizzato, multicentrico e open label, che ha arruolato pazienti adulti con CMI non ostruttiva sintomatica (classe NYHA I-III), assegnati in modo casuale (2:1) a ricevere sacubitril/valsartan (dose target 97/103 mg) o controllo per 16 settimane. L'endpoint primario era la variazione del VO2 massimo. Gli endpoint secondari includevano misure ecocardiografiche della struttura e...leggi la news
  • Pilsicainide: possibile nuovo antiaritmico per la Fibrillazione atriale
    Fonte: Kumagai K., Nakashima H., Tojo H., et al. DOI: 10.2165/00003495-200666160-00003. La pilsicainide è un farmaco antiaritmico di classe IC, che ha un'azione bloccante pura dei canali del sodio con una farmacocinetica a lento recupero. In studi sperimentali, la pilsicainide ha un effetto depressivo sulla conduzione intra-atriale e un effetto di prolungamento del periodo refrattario effettivo (ERP) atriale. Nei pazienti con fibrillazione atriale parossistica (FA), la pilsicainide ha prolungato significativamente l'ERP della vena polmonare distale (PV), della giunzione PV-atrio sinistro (LA) e del LA, nonché il tempo di conduzione dalla PV distale alla giunzione PV-LA. In alcuni pazienti, è stato osservato un blocco di conduzione PV-LA appena prima della cessazione della FA indotta dalla pilsicainide;...leggi la news
  • Tirzepatide per il trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno e dell'obesità
    Fonte: Malhotra A., Grunstein R. R., Fietze I., et al. DOI: 10.1056/NEJMoa240488. L'apnea ostruttiva del sonno (OSAS) è caratterizzata da una respirazione disturbata durante il sonno ed è associata a importanti complicazioni cardiovascolari; l'eccesso di adiposità è un fattore di rischio eziologico. La tirzepatide può essere un potenziale trattamento. Sono stati condotti due studi di fase 3, in doppio cieco, randomizzati e controllati, che hanno coinvolto adulti con OSAS da moderata a grave e obesità. I partecipanti che al basale non erano in trattamento con la pressione positiva delle vie aeree (PAP) sono stati arruolati nello studio 1, mentre quelli che al basale erano in terapia con la PAP sono stati arruolati nello studio 2....leggi la news
  • Trattamento dell'ipercolesterolemia familiare: esistono differenze tra i due sessi?
    Fonte: Iulia Iatan, Leo E Akioyamen, Isabelle Ruel, et al. https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehae417. L'ipercolesterolemia familiare (FH) è una malattia monogenica altamente diffusa, caratterizzata da elevati livelli di colesterolo LDL (LDL-C) e da una precoce malattia cardiovascolare aterosclerotica. In tutto il mondo sono emerse disparità di sesso nella diagnosi, nella terapia di riduzione dei lipidi e nei livelli lipidici raggiunti, con conseguenti ostacoli alla cura della FH. È stata condotta una review sistematica per indagare le disparità legate al sesso nel trattamento, nella risposta e nel raggiungimento dei target lipidici.In 16 studi clinici interventistici (otto randomizzati e otto non randomizzati; 1.840 partecipanti, 49,4% femmine), non sono state riscontrate differenze tra maschi e femmine nella risposta a dosi fisse...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk