Promuovi un tuo evento
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in BEST PRACTICE

Calendario Congressi

Nuove Linee Guida ACLS
Fonte: Circulation 2010. Online.

ACLSFinalmente pubblicato su Circulation il nuovo protocollo ACLS (Advanced Cardiac Life Support) , con numerose novità dopo quelle pubblicate ormai 5 anni fa, ad opera dell’American Heart Association. Questa pubblicazione è sempre molto attesa per l’ovvio impatto che ha sul paziente colpito da arresto cardiaco per l’ottimizzazione e la standardizzazione delle manovre rianimatorie. Il principale scopo di queste Linee guida è quello di attuare tutte le misure per l’ottimizzazione per la gestione dell’arresto cardiaco (ad iniziare dalla sua prevenzione) iniziando dalla corretta gestione delle vie aeree, il supporto ventilatorio, il trattamento dell’arresto cardiaco, delle bradi e delle tachiaritmie. Nella sezione n°8 di queste Linee guida si affrontano i temi forse più caldi della gestione del paziente in arresto cardiaco.
Le principali novità riguardano:
1 - La raccomandazione dell’uso estensivo della capnografia nell’IOT
2 - L’algoritmo universale dell’arresto è stato semplificato e ridesignato per enfatizzare l’importanza di un massaggio cardiaco (CPR) di alta qualità
3 - L’atropina è sostanzialmente “uscita” nel suo uso di routine nei casi di asistolia o attività elettrica senza polso (PEA)
4 - L’infusione di farmaci cronotropi sono maggiormente raccomandati come alternativa al pacing durante le bradicardie estreme o comunque sintomatiche
5 - L’adenosina è divenutoo un farmaco di sicuro utilizzo nel management iniziale delle tachiaritmie stabili sia a QRS stretto (se tachiaritmie regolari) sia largo (>0.12 sec, purchè monomorfiche e regolari).
Di seguito riportiamo l’algoritmo universale dell’ultimo ACLS. La lettura sarà certamente lunga… Ma davvero bella..

Scarica allegato in PPTX - Download


condividi contenuto


 
1. SANTE FERRARELLO
mi sembra più logico e efficace
inserito il: 25-05-2014 01:30
 
  • QRS frammentato e rischio aritmico nella cardiomiopatia ipertrofica
    Fonte: Heart Rhythm.Volume: 11.Issue: 8.August 01, 2014. Lo scopo di questo studio era di valutare se QRS frammentati (fQRS) si associano con eventi aritmici ventricolari (EAV) in pazienti con CMI. Di una coorte iniziale di 273 pazienti (57% maschi, età media 55 anni) con diagnosi di CMI, 167 pazienti sono stati inclusi e divisi in due gruppi: quelli con fQRS (n = 67) e quelli senza fQRS (n = 100). fQRS è stato definito come dentellatura dell' onda R o S in 2 derivazioni contigue....leggi la news
  • Principali cause aritmiche di arresto cardiaco nella SCA: prevalenza e outcomes
    Fonte: Heart Rhythm.Volume: 11.Issue: 8. August 01, 2014. In questo studio sono state analizzate registrazioni Holter in 24 h di 132 pazienti morti (n = 88) o con morte resuscitata (n = 44). In 97 pazienti (73%), una SCA si associava con tachiaritmie ventricolari e in 35 (27%) con bradiaritmie. I pazienti con SCA e bradiaritmie erano più anziani rispetto a quelli con una SCA e tachiaritmie (70 ± 13 anni vs 58 ± 19 anni, p<0.001). La tacharitmia più comune era la tachicardia ventricolare...leggi la news
  • Ruolo prognostico della disfunzione diastolica nella cardiomiopatia ischemica: confronto con dati RMN
    Fonte: American Heart Journal. Volume 168, Issue 2, Pages 220-228.e1, August 2014. È stata valutata la funzione diastolica in pazienti cardiomiopatia ischemica (ICM) (FE ≤ 40% e ≥ 70% con almeno una stenosi coronarica) sottoposti a ecocardiogramma transtoracico e RMN con late enhancement entro 7 giorni. L'associazione di disfunzione diastolica (DDF) con l'endpoint combinato è stata valutata anche dopo aggiustamento con modelli di rischio proporzionali di CoX. Su 360 pazienti con grave disfunzione ventricolare sinistra (FEVS = 24 ± 9%) ed estesa cicatrice miocardica (MSB)...leggi la news
  • Gestione di eventi emorragici nei pazienti trattati con rivaroxaban vs warfarin: risultati del trial ROCKET AF
    Fonte: Eur Heart J (2014) 35 (28): 1873-1880. doi: 10.1093/eurheartj/ehu083 First published online: March 21, 2014. Si tratta di un sottostudio del ROCKET AF che ha valutato l'incidenza di sanguinamento in pazienti trattati con rivaroxaban vs warfarin. Nel corso di un follow-up medio di 1,9 anni, 779 (5,5%) pazienti hanno presentato un sanguinamento maggiore con un tasso di 3,52 eventi/100 pazienti-anno simile per ciascun braccio (n = 395 rivaroxaban vs n = 384 warfarin). Il numero medio di trasfusione di emazie (PRBC) era simile in...leggi la news
  • SopraST e danno miocardico valutato alla RMN cardiaca in pazienti sottoposti a rivascolarizzazione
    Fonte: Heart 2014;100:1257-1263 doi:10.1136/heartjnl-2013-305462. In questo studio multicentrico sono stati analizzati i dati ECG 90 minuti dopo PCI in 763 pazienti con STEMI. Un peggioramento residuo del sopra ST (WL-STE) è stata definita come ST sopra massimo sul ECG post-PCI. I pazienti sono stati suddivisi in tre gruppi (<1 mm, 1-2 mm, e ≥ 2 mm). È stata eseguita una RMN entro 1 settimana dopo l'infarto per la valutazione globale del danno miocardico utilizzando un protocollo standardizzato. L'end point clinico primario era rappresentato da morte,...leggi la news
Ricerca nelle nostre news



Primo Piano

Loading images
loading
CardioLink
DiabeLink\'
Fibrillazione Atriale e...
NAO
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk