Promuovi un tuo evento
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in BEST PRACTICE

Calendario Congressi

Nuove Linee Guida ACLS
Fonte: Circulation 2010. Online.

ACLSFinalmente pubblicato su Circulation il nuovo protocollo ACLS (Advanced Cardiac Life Support) , con numerose novità dopo quelle pubblicate ormai 5 anni fa, ad opera dell’American Heart Association. Questa pubblicazione è sempre molto attesa per l’ovvio impatto che ha sul paziente colpito da arresto cardiaco per l’ottimizzazione e la standardizzazione delle manovre rianimatorie. Il principale scopo di queste Linee guida è quello di attuare tutte le misure per l’ottimizzazione per la gestione dell’arresto cardiaco (ad iniziare dalla sua prevenzione) iniziando dalla corretta gestione delle vie aeree, il supporto ventilatorio, il trattamento dell’arresto cardiaco, delle bradi e delle tachiaritmie. Nella sezione n°8 di queste Linee guida si affrontano i temi forse più caldi della gestione del paziente in arresto cardiaco.
Le principali novità riguardano:
1 - La raccomandazione dell’uso estensivo della capnografia nell’IOT
2 - L’algoritmo universale dell’arresto è stato semplificato e ridesignato per enfatizzare l’importanza di un massaggio cardiaco (CPR) di alta qualità
3 - L’atropina è sostanzialmente “uscita” nel suo uso di routine nei casi di asistolia o attività elettrica senza polso (PEA)
4 - L’infusione di farmaci cronotropi sono maggiormente raccomandati come alternativa al pacing durante le bradicardie estreme o comunque sintomatiche
5 - L’adenosina è divenutoo un farmaco di sicuro utilizzo nel management iniziale delle tachiaritmie stabili sia a QRS stretto (se tachiaritmie regolari) sia largo (>0.12 sec, purchè monomorfiche e regolari).
Di seguito riportiamo l’algoritmo universale dell’ultimo ACLS. La lettura sarà certamente lunga… Ma davvero bella..

Scarica allegato in PPTX - Download


condividi contenuto


 
1. SANTE FERRARELLO
mi sembra più logico e efficace
inserito il: 25-05-2014 01:30
 
  • SOLID-TIMI 52 - Darapladib delude ancora – La terapia antinfiammatoria fallisce nella prevenzione di eventi cardiovascolari
    Fonte: ESC Congress 2014 Hot Line II: Coronary artery disease and lipids. Al congresso ESC 2014 attualmente in corso a Barcellona sono stati presentati i risultati di uno studio (pubblicati contemporaneamente sul Journal of the American Medical Association ) di fase III sull’efficacia di una nuova molecola, darapladib, nella prevenzione di eventi cardiovascolari in pazienti con sindrome coronarica acuta (SCA), IMA o angina instabile. Il trial, condotto in doppio-cieco, con gruppo di controllo in terapia con placebo, ha coinvolto 868 centri in 36 diversi paesi...leggi la news
  • ODYSSEY FH I & II: alirocumab, una nuova arma contro l’ipercolesterolemia
    Fonte: ESC Congress 2014 Hot Line II: Coronary artery disease and lipids. Alirocumab, un anticorpo monoclonale totalmente umanizzato appartenente ad una nuova famiglia di agenti ipolipemizzanti noti come inibitori del PCSK9 (proproteina convertasi subtilisin / kexin type 9) e’ stato testato nei trials ODYSSEY FH I & II sui pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare (forma eterozigote, heFH) con valori di low‐density lipoprotein‐cholesterol (LDL‐C) inadeguatamente controllati dalla terapia con statine o altri agenti ipolipemizzanti. I dati dei trials ODYSSEY FH I & II sono stati presentati...leggi la news
  • ODYSSEY COMBO II: una nuova stella nel firmamento dei farmaci ipolipemizzanti oscura l’ezetimibe
    Fonte: ESC Congress 2014 Hot Line II: Coronary artery disease and lipids. Il 31 agosto 2014 a Barcellona durante il Congresso ESC nella Hot Line Session sulla “Malattia Coronarica e Dislipidemia” sono stati presentati i risultati del trial ODYSSEY COMBO II. Lo studio ha evidenziato l’efficacia dell’alirocumab, nuovo ipolipemizzante inibitore del PCSK9, nella riduzione dei livelli sierici di colesterolo LDL (LDL-C) rispetto all’ezitemibe nei pazienti affetti da ipercolesterolemia con elevato rischio di eventi cardiovascolari (CVD). Dr Cannon, dell’ Harvard Clinical Research Institute, Boston, Massachusetts, USA,...leggi la news
  • ATLANTIC: benefici della somministrazione di farmaci antiaggreganti in ambulanza, in pazienti con STEMI
    Fonte: ESC Congress 2014 Acute Coronary Syndromes (ACS). La somministrazione del farmaco antiaggregante ticagrelor in ambulanza, a pazienti con infarto miocardico STEMI non è risultata migliore di quella ospedaliera, in termini di ripristino del flusso ematico nei vasi interessati dalle lesion “culprit” prima di una procedura di rivascolarizzazione, secondo un nuovo studio, ATLANTIC (Administration of Ticagrelor in the cath Lab or in the Ambulance for New ST elevation myocardial Infarction to open the Coronary artery), presentato al Congresso ESC 2014. I risultati di tale studio...leggi la news
  • LISTEN: Rosuvastatina batte Atorvastatina nella riduzione dei livelli di colesterolo in pazienti affetti da diabete mellito tipo 2
    Fonte: ESC Congress 2014 Hot Line II: Coronary artery disease and lipids. Le statine hanno dimostrato di aumentare leggermente il rischio di insorgenza del diabete, ma pochi studi sono stati condotti per indagare il loro impatto neipazienti che ne sono gia’ affetti. Tali dati contribuirebbero notevolmente a modificare il management terapeutico quando questi pazienti vengono trattati di tale popolazione di pazienti, ha dichiarato Hisao Ogawa, MD, PhD, Principal investigator del trial LISTEN (che ha valutato l’effetto ipolipemizzante delle statine a piu’ potente azione, in pazienti...leggi la news
Ricerca nelle nostre news



Primo Piano

Loading images
loading
CardioLink
DiabeLink\'
Fibrillazione Atriale e...
NAO
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk