Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Promuovi un tuo evento
Speciale ACC 2017
Speciale AHA 2016
Speciale ESC 2016
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink
Nuove Linee Guida ACLS
Fonte: Circulation 2010. Online.

ACLSFinalmente pubblicato su Circulation il nuovo protocollo ACLS (Advanced Cardiac Life Support) , con numerose novità dopo quelle pubblicate ormai 5 anni fa, ad opera dell’American Heart Association. Questa pubblicazione è sempre molto attesa per l’ovvio impatto che ha sul paziente colpito da arresto cardiaco per l’ottimizzazione e la standardizzazione delle manovre rianimatorie. Il principale scopo di queste Linee guida è quello di attuare tutte le misure per l’ottimizzazione per la gestione dell’arresto cardiaco (ad iniziare dalla sua prevenzione) iniziando dalla corretta gestione delle vie aeree, il supporto ventilatorio, il trattamento dell’arresto cardiaco, delle bradi e delle tachiaritmie. Nella sezione n°8 di queste Linee guida si affrontano i temi forse più caldi della gestione del paziente in arresto cardiaco.
Le principali novità riguardano:
1 - La raccomandazione dell’uso estensivo della capnografia nell’IOT
2 - L’algoritmo universale dell’arresto è stato semplificato e ridesignato per enfatizzare l’importanza di un massaggio cardiaco (CPR) di alta qualità
3 - L’atropina è sostanzialmente “uscita” nel suo uso di routine nei casi di asistolia o attività elettrica senza polso (PEA)
4 - L’infusione di farmaci cronotropi sono maggiormente raccomandati come alternativa al pacing durante le bradicardie estreme o comunque sintomatiche
5 - L’adenosina è divenutoo un farmaco di sicuro utilizzo nel management iniziale delle tachiaritmie stabili sia a QRS stretto (se tachiaritmie regolari) sia largo (>0.12 sec, purchè monomorfiche e regolari).
Di seguito riportiamo l’algoritmo universale dell’ultimo ACLS. La lettura sarà certamente lunga… Ma davvero bella..

Scarica allegato in PPTX - Download

 
1. SANTE FERRARELLO
mi sembra più logico e efficace
inserito il: 25-05-2014 00:30
 
  • Mortalità da eventi ischemici ed emorragici insorti dopo un anno dall’angioplastica coronarica: ulteriori dati dallo studio DAPT
    Fonte: Secemsky EA, et al. JAMA Cardiol. 2017 Mar 15. PubMed PMID: 28297015. Gli eventi ischemici ed emorragici che avvengono dubito dopo una procedura di stenting coronarico sono associati ad alto rischio di morbilità e mortalità. Questa analisi secondaria dello studio DAPT ha valutato la prognosi associata ad eventi ischemici ed emorragici che si verificano più di un anno dopo l'impianto di stent coronarico. Nello studio principale i pazienti che avevano subito stenting coronarico e completato dodici mesi di doppia terapia antiaggregante con aspirina ed una tienopiridina senza eventi ischemici o emorragici sono stati randomizzati a continuare la tienopiridina per altri diciotto mesi o a sospenderla. Lo studio ha randomizzato 11.648 pazienti. Dopo la randomizzazione,...leggi la news
  • CHA2DS2-VASC score e mortalità nei pazienti portatori di ICD
    Fonte: Christopher Hong, BS - http://dx.doi.org/10.1016/j.amjcard.2017.03.257. In questo studio sono stati esaminati 2.258 pazienti sottoposti ad impianto di ICD, in cui sono stati valutati l'impatto del punteggio CHA2DS2-VASC al momento dell'impianto sulla mortalità. Il punteggio medio CHA2DS2-VASC era 3.15 ± 1.52 (range 1-8, modalità 3) e prediceva la mortalità per tutte le cause in modo significativo e dose-dipendente. Analizzando la popolazione in quartili , è stato rilevato una crescente mortalità per qualsiasi causa da Q1 a Q4 (p <0.001). Attraverso modelli multivariati di Cox aggiustati per la frazione di eiezione, BMI, creatinina sierica, livello di emoglobina, e la larghezza del QRS, il punteggio CHA2DS2-VASC restava un forte predittore di mortalità (HR = 1,26 per 1...leggi la news
  • La procalcitonina è predittore del burden aterosclerotico nella coronaropatia stabile
    Fonte: Alparslan Kurtul - http://dx.doi.org/10.1016/j.ijcard.2017.02.061. Un totale di 400 pazienti (età media 62,8 ± 10,6 anni) con evidenza di significativo coronaropatia stabile sono stati inclusi in questo studio. Sono stati determonati i livelli di procalcitonina (PCT) sierica e proteica C reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP). Pazienti con SxS (Syntax score) <23 (n = 320) sono stati classificati come gruppo a basso burden aterosclerotico e quelli con un SxS ≥ 23 (n = 80) sono stati classificati come gruppo di alto burden. I livelli sierici di PCT erano più elevati nel gruppo ad alto SxS rispetto al gruppo a SxS basso (p <0.001). Il valore di cut-off di PCTin grado di predire altro rischio aterosclerotico era...leggi la news
  • Impatto dell'età e sesso sulla funzione ventricolare destra nei soggetti sani
    Fonte: Antonello D’Andrea, MD, PhD - http://dx.doi.org/10.1016/j.jjcc.2016.12.005. 1.168 soggetti caucasici sani [età media 45,1 ± 15,6 anni, range 16-92; 555 (47,5%) degli uomini] sono stati sottoposti a ecocardiografia transtoracica per valutare i seguenti parametri del ventricolo destro: picco velocità di afflusso precoce (E), velocità anulare (e') ed atriale (a'), rapporto E/e'. Il rapporto E/e' aumenta costantemente con l'età nelle donne, ma non cambia sostanzialmente nei maschi. Il rapporto E/A diminuisce costantemente con l'età in entrambi i sessi. L'analisi di regressione lineare multipla sottolineava una stretta associazione significativa della funzione diastolica con entrambe le misurazioni del cuore destro e sinistro morfologiche (zona atriale destra, diametri RV, volume atriale sinistro) e gli indici funzionali (TAPSE, Doppler tissutale,...leggi la news
  • Dispersione del QTc e prognosi di morte improvvisa nella cardiomiopatia ipertrofica
    Fonte: Magrì D - J Cardiol. 2017 Mar 22. pii: S0914-5087(17)30059-X. doi: 10.1016/j.jjcc.2017.01.006. Questo studio ha valutato la possibile capacità di diverse variabili ECG ​nella stratificazione improvvisa rischio di morte cardiaca (MCI) nella cardiopatia ipertrofica. Un totale di 221 pazienti sono stati sottoposti a ECG a 12 derivazioni per calcolare la dispersione del QTc per i seguenti intervalli: QRS, fine Q-T (QT), picco Q-T (QTP), picco-fine T (TpTe), picco J-T (JTP), e fine J-T (JT). L'end point composito era MCI, MCI abortita , e opportuni interventi dell'ICD. Durante un follow-up medio di 4,4 anni (25°- 75 ° interquartile: 2.4-9.4 anni), 23 pazienti hanno raggiunto l'end point a 5 anni (3 MCI, 3 abortite, 17 adeguati...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
2-2017
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk