La TC coronarica identifica la stenosi o l'ateromasia coronarica?
Fonte: EHJ 2011; 32, 637-645.

La TC multistrato ha un valore predittivo positivo limitato per l’identificazione di stenosi coronariche. E’ noto, infatti, che la TC coronarica sia in grado di visualizzare l’ateromasia coronarica ma anche che sia imprecisa nella quantificazione delle stenosi coronariche. In questo studio sono stati confrontati i risultati della TC coronarica con l’angiografia coronarica e l’ecografia intravascolare (IVUS) in 100 pazienti. La TC ha correttamente escluso la presenza di stenosi significative (definite come stenosi >50% alla coronarografia) in 53/53 pazienti; tuttavia in 9 (19%) pazienti sono state identificate stenosi significative, non confermate alla coronarografia. Globalmente la sensibilità, la specificità, il valore predittivo positivo e negativo sono risultati pari a 100, 85, 81 e 100%. La TC ha invece identificato correttamente la presenza di aterosclerosi (presenza di placche >40% all’IVUS) in 93/93 pazienti (100%). La TC coronarica sembra quindi una valida metodica per l’identificazione dell’aterosclerosi coronarica, mentre è ancora imprecisa nella valutazione del grado delle stenosi coronariche.

 
1. CESARE ALBANESE
Da questi dati sembra potersi confermare quella che è a tutt'oggi forse la principale indicazione all'esecuzione della cardioTAC: l'esclusione di patologia aterosclerotica e stenosi coronariche significative in soggetti con test provocativi non invasivi di ischemia (da eseguire preliminarmente in tutti i casi) dubbi o positivi in soggetti con bassa probabilità pretest di malattia coronarica
inserito il: 09-03-2011 12:04
 
 
2. FILIPPO DELRIO
Citazione cesare albanese:
Da questi dati sembra potersi confermare quella che è a tutt'oggi forse la principale indicazione all'esecuzione della cardioTAC: l'esclusione di patologia aterosclerotica e stenosi coronariche significative in soggetti con test provocativi non invasivi di ischemia (da eseguire preliminarmente in tutti i casi) dubbi o positivi in soggetti con bassa probabilità pretest di malattia coronarica

concordo al 100%
inserito il: 09-03-2011 12:39
 
 
3. MASSIMO BOLOGNESI
Albanese dice cose già note agli esperti che devono decidere se l'ischemia inducibile da sforzo nel test ergometrico è segno di aterosclerosi coronarica ostruttiva critica, soprattutto in caso di soggetti asintomatici, paucisintomatic i o oligosintomatic i. Sia Batkoff su Cath Cardiovac Diagn 1996, sia Hofmann su Circulation 2004, asserivano che lo scanner a 64 strati presenta un valore predittivo negativo uniformemente elevato (98-99%) per stenosi significative con angio-TC. In base all'esperienza personale degli ultimi 11 anni devo dire che la correlazione tra test di ischemia inducibile, ben fatti e ben interpretati, l'angio-Tc oggi ha nettamente superato altri esami di imaging funzionale come l'ecostress (molto dipendente dall'operatore) e così pure la scintigrafia miocardica da sforzo, che presenta ancor più limiti (di operatore e tecnico metodologico). Ho raccolto circa 50 casi su queste tematiche ed alcuni di questi sono pubblicati su tesi online con titolo "La cardiopatia ischemica silente negli atleti master competitivi". Proprio oggi invio a Cademartiri un paziente oligosintomatic o, mai riconosciuto tale da alcuni colleghi ospedalieri già nel 2008, per eseguire una angio-Tc per verificare con certezza una probabile restenosi di una Cdx rivascolarizzat a e la progressione di una aterosclerosi di una IVA con precedente diagnosi CAG di stenosi non critica. In clinica serve solo una cosa: sapere decidere correttamente.
inserito il: 09-03-2011 14:14
 
 
4. ALFIO BIANCHI
Sono i limiti della TAC. Occorre tener presenta la possibile successiva necessita' di coronarografia. Come la mettiamo con le radiazioni ?
inserito il: 10-03-2011 14:45
 
 
5. ROCCO LEONE
Condivido l'osservazione del collega Bianchi!
Che senso ha sottoporre un paziente con test provocativo dubbio per ischemia a alla TC coronarica,in considerazione della notevole quantità di radiazioni: se poi la Tc dovesse confermare la presenza di stenosi coronariche critiche,dobbia mo comunque sottoporre il paziente a coronarografia ed eventuale PTCA!! Fate un pò voi il calcolo della quantità di radiazioni a cui quel paziente si è sottoposto!
La ricerca è una cosa ma la realtà, a mio avviso, è un pò diversa...nell'interesse del paziente...
inserito il: 13-03-2011 01:30
 
 
6. MICHELE ADAMO
Vedo la TC coronarica indicata più in fase precoce al fine di una prevenzione per l'arteriosclerosi se presenti nel Pz fattori di rischio importanti. In fase sintomatica o con test da sforzo positivi penso che sia più utile per i provvedimentie e meno costosa una coronarografia.
inserito il: 13-03-2011 13:05
 
 
7. IGNAZIO MAODDI
condivido ciò che dice albanese
inserito il: 13-03-2011 17:42
 
 
8. GIUSEPPE LA ROCCA
la TC coronarica in pazienti sintomatici e con positività alla scintigrafia miocardica da sforzo ci darà indicazioni alla rivascolarizzaz ione.
inserito il: 13-03-2011 18:18
 
 
9. ALFIO STUTO
Come sostiene il collega Bolognesi "in clinica è importante saper decidere correttamente" nell'interesse del paziente (Bianchi, Leone) e della spesa pubblica.
inserito il: 14-03-2011 12:48
 
 
10. MARIO UGO MIRABELLA
la colonscopia virtuale non e' stata capace di soppiantare la colonscopia tradizionale.Perche' la cardiotac dovrebbe soppiantare la coronarografia ?Le metodiche diagnostico operative sono sicuramente da preferire nei casi di forte sospetto di patologia.
inserito il: 17-03-2011 23:38
 
 
11. ANTONIO BONORA
Credo che anche in questo campo sia fondamentale, oltre una corretta indicazione, un adeguata valutazione del rapporto costo/beneficio.
Possiamo senz'altro concordare sul fatto che un esame con un così elevato valore predittivo negativo sia in grado di evitare di sottoporre il paziente ad un esame più invasivo e rischioso, come la PTCA.
Inoltre la diffusione della TAC coronarica è conforme al generale trend di separazione fra esami puramente diagnostici ed esami operativi invasivi(vedi colangio-RM vs ERCP).
Infine ritengo che non vada agitatio lo spauracchio della dose di radiazioni. Teniamo presente che la TAC coronarica è indicata solo in paz a medio e basso rischio, nei quali è attesa una bassa percentuale di successiva indicazione a PTCA.
inserito il: 18-03-2011 12:48
 
  • Relazione inversa (U-shape) tra spessore parietale massimo e morte improvvisa nella Cardiomiopatia ipertrofica con estrema ipertrofia ventricolare
    Fonte: Circ Arrhythm Electrophysiol. 2016;9:e003818 originally published May 23, 2016, doi:10.1161/CIRCEP.115.003818 - Constantinos O’Mahony. E’ stato condotto uno studio di coorte multicentrico, retrospettivo di 3.673 pazienti adulti (≥16 anni) già precedentemente analizzati per la validazione dello score di di morte improvvisa attualmente previsto dalle linee guida correnti. E’ stata osservata un relazione inversa tra lo spessore parietale massimo (SPM) e la stima del rischio a 5 anni di morte improvvisa. Nei pazienti con SPM ≥35 mm (n = 47; età media, 33 anni; 81% uomini), c'era un unico evento di morte improvvisa (tasso annuo, 0,2%; 95% intervallo di confidenza, 0,03-1,60) e 3 morti cardiovascolari aggiuntivo durante un follow-up medio di 9,5 anni. Rispetto ai pazienti...leggi la news
  • Determinanti di outcome nel rigurgito mitralico alla RMN
    Fonte: CIRCULATIONAHA.115.017888 - Published online before print May 17, 2016 - doi: 10.1161/CIRCULATIONAHA.115.017888 - Saul G. Myerson. 109 pazienti asintomatici con Insufficienza mitralica moderata o severa sono stati sottoposti a RMN e seguiti per 8 anni (media di 2,5 ± 1,9 anni). Il 91% dei soggetti con volume di rigurgito ≤55ml sono sopravvissuti a 5 anni senza intervento chirurgico rispetto a solo il 21% con un volume di rigurgito >55 ml (p <0,0001); separazione simile è stata osservata per la frazione di rigurgito sotto e sopra il 40%. L’ indice del volume telediastolico ha mostrato una più debole associazione con l’outcome (percentuale di sopravvivenza senza intervento chirurgico a 5 anni: 90% per LVEDVi leggi ancheleggi la news
  • Rivascolarizzazione ed eventi aritmici ventricolari in pazienti infartuati con FE preservata
    Fonte: Heart Rhythm - June 2016 Volume 13, Issue 6, Pages 1221–1227 - DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.hrthm.2016.01.019 - Blandine Mondésert, MD. Un totale di 274 pazienti (età media 66,1 ± 9,7 anni, 85,4% maschi, significa FEVS 48,3% ± 7,2%) sono stati inclusi nello studio per valutare l'impatto della rivascolarizzazione sulla comparsa di eventi aritmici. Ottantotto pazienti (32,1%) sono stati sottoposti a rivascolarizzazione coronarica. Durante follow-up medio di 6,2 ± 5,1 anni, 140 (51,1%) sono morti o hanno VA sostenuti ricorrenti o terapia da defibrillatore impiantabile cardioverter-appropriata. La rivascolarizzazione non è stata associata con un tasso significativamente più basso di VA ricorrenti o di morte (hazard ratio multivariato [HR] 0.86, 95% intervallo di confidenza [CI] 0,60-1,24, P =...leggi la news
  • Caratteristiche cliniche e fenotipiche della cardiomiopatia ipertrofica nei soggetti di razza caucasica e nera
    Fonte: The American Journal of Cardiology - June 1, 2016 Volume 117, Issue 11, Pages 1815–1820 - DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.amjcard.2016.03.017 - Lars L. Sorensen, MD, PhD. In questo studio sono state indagate le differenze nella presentazione della CMI tra neri e bianchi. Sono stati inclusi 441 pazienti consecutivi (76 neri con 365 bianchi). I pazienti neri presentavano più spesso un elettrocardiogramma anomalo (93% vs 80%, p = 0,009), con una differenza significativa nelle anomalie della ripolarizzazione (79% vs 56%, p <0,001). Il fenotipo apicale era più comune nei neri (26% vs 9%, p <0,001); tuttavia, essi presentavano una entità minore di SAM e avevano gradienti all’efflusso significativamente inferiori a riposo (9 mmHg; range interquartile [IQR] 7...leggi la news
  • Parametri doppler e rischio di scompenso cardiaco nella cardiomiopatia ipertrofica
    Fonte: The American Journal of Cardiology - June 1, 2016 Volume 117, Issue 11, Pages 1808–1814 - DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.amjcard.2016.03.018 - Ankur Kalra, MD. Sono stati analizzati i parametri di funzione diastolica in 274 pazienti adulti consecutivi con CMI valutati dal 2003 al 2007 al fine di individuare determinanti prognostici di insufficienza cardiaca (morte per scompenso, trapianto cardiaco, progressione della classe funzionale NYHA III / IV e morte improvvisa / intervento ICD) . Gli end point sono stati raggiunti in 19 dei 274 pazienti (7%) nel corso di un periodo di follow-up di 4,0 ± 2,3 anni. Le variabili significativamente associate (alla analisi univariata) con l’outcome hanno incluso il sesso maschile,classe NYHA II, frazione di eiezione...leggi la news
Ricerca nelle nostre news



Primo Piano

Loading images
loading
DiabeLink
1-2016
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
Fibrillazione Atriale e...
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk