La TC coronarica identifica la stenosi o l'ateromasia coronarica?
Fonte: EHJ 2011; 32, 637-645.

La TC multistrato ha un valore predittivo positivo limitato per l’identificazione di stenosi coronariche. E’ noto, infatti, che la TC coronarica sia in grado di visualizzare l’ateromasia coronarica ma anche che sia imprecisa nella quantificazione delle stenosi coronariche. In questo studio sono stati confrontati i risultati della TC coronarica con l’angiografia coronarica e l’ecografia intravascolare (IVUS) in 100 pazienti. La TC ha correttamente escluso la presenza di stenosi significative (definite come stenosi >50% alla coronarografia) in 53/53 pazienti; tuttavia in 9 (19%) pazienti sono state identificate stenosi significative, non confermate alla coronarografia. Globalmente la sensibilità, la specificità, il valore predittivo positivo e negativo sono risultati pari a 100, 85, 81 e 100%. La TC ha invece identificato correttamente la presenza di aterosclerosi (presenza di placche >40% all’IVUS) in 93/93 pazienti (100%). La TC coronarica sembra quindi una valida metodica per l’identificazione dell’aterosclerosi coronarica, mentre è ancora imprecisa nella valutazione del grado delle stenosi coronariche.

 
1. CESARE ALBANESE
Da questi dati sembra potersi confermare quella che è a tutt'oggi forse la principale indicazione all'esecuzione della cardioTAC: l'esclusione di patologia aterosclerotica e stenosi coronariche significative in soggetti con test provocativi non invasivi di ischemia (da eseguire preliminarmente in tutti i casi) dubbi o positivi in soggetti con bassa probabilità pretest di malattia coronarica
inserito il: 09-03-2011 11:04
 
 
2. FILIPPO DELRIO
Citazione cesare albanese:
Da questi dati sembra potersi confermare quella che è a tutt'oggi forse la principale indicazione all'esecuzione della cardioTAC: l'esclusione di patologia aterosclerotica e stenosi coronariche significative in soggetti con test provocativi non invasivi di ischemia (da eseguire preliminarmente in tutti i casi) dubbi o positivi in soggetti con bassa probabilità pretest di malattia coronarica

concordo al 100%
inserito il: 09-03-2011 11:39
 
 
3. MASSIMO BOLOGNESI
Albanese dice cose già note agli esperti che devono decidere se l'ischemia inducibile da sforzo nel test ergometrico è segno di aterosclerosi coronarica ostruttiva critica, soprattutto in caso di soggetti asintomatici, paucisintomatic i o oligosintomatic i. Sia Batkoff su Cath Cardiovac Diagn 1996, sia Hofmann su Circulation 2004, asserivano che lo scanner a 64 strati presenta un valore predittivo negativo uniformemente elevato (98-99%) per stenosi significative con angio-TC. In base all'esperienza personale degli ultimi 11 anni devo dire che la correlazione tra test di ischemia inducibile, ben fatti e ben interpretati, l'angio-Tc oggi ha nettamente superato altri esami di imaging funzionale come l'ecostress (molto dipendente dall'operatore) e così pure la scintigrafia miocardica da sforzo, che presenta ancor più limiti (di operatore e tecnico metodologico). Ho raccolto circa 50 casi su queste tematiche ed alcuni di questi sono pubblicati su tesi online con titolo "La cardiopatia ischemica silente negli atleti master competitivi". Proprio oggi invio a Cademartiri un paziente oligosintomatic o, mai riconosciuto tale da alcuni colleghi ospedalieri già nel 2008, per eseguire una angio-Tc per verificare con certezza una probabile restenosi di una Cdx rivascolarizzat a e la progressione di una aterosclerosi di una IVA con precedente diagnosi CAG di stenosi non critica. In clinica serve solo una cosa: sapere decidere correttamente.
inserito il: 09-03-2011 13:14
 
 
4. ALFIO BIANCHI
Sono i limiti della TAC. Occorre tener presenta la possibile successiva necessita' di coronarografia. Come la mettiamo con le radiazioni ?
inserito il: 10-03-2011 13:45
 
 
5. ROCCO LEONE
Condivido l'osservazione del collega Bianchi!
Che senso ha sottoporre un paziente con test provocativo dubbio per ischemia a alla TC coronarica,in considerazione della notevole quantità di radiazioni: se poi la Tc dovesse confermare la presenza di stenosi coronariche critiche,dobbia mo comunque sottoporre il paziente a coronarografia ed eventuale PTCA!! Fate un pò voi il calcolo della quantità di radiazioni a cui quel paziente si è sottoposto!
La ricerca è una cosa ma la realtà, a mio avviso, è un pò diversa...nell'interesse del paziente...
inserito il: 13-03-2011 00:30
 
 
6. MICHELE ADAMO
Vedo la TC coronarica indicata più in fase precoce al fine di una prevenzione per l'arteriosclerosi se presenti nel Pz fattori di rischio importanti. In fase sintomatica o con test da sforzo positivi penso che sia più utile per i provvedimentie e meno costosa una coronarografia.
inserito il: 13-03-2011 12:05
 
 
7. IGNAZIO MAODDI
condivido ciò che dice albanese
inserito il: 13-03-2011 16:42
 
 
8. GIUSEPPE LA ROCCA
la TC coronarica in pazienti sintomatici e con positività alla scintigrafia miocardica da sforzo ci darà indicazioni alla rivascolarizzaz ione.
inserito il: 13-03-2011 17:18
 
 
9. ALFIO STUTO
Come sostiene il collega Bolognesi "in clinica è importante saper decidere correttamente" nell'interesse del paziente (Bianchi, Leone) e della spesa pubblica.
inserito il: 14-03-2011 11:48
 
 
10. MARIO UGO MIRABELLA
la colonscopia virtuale non e' stata capace di soppiantare la colonscopia tradizionale.Perche' la cardiotac dovrebbe soppiantare la coronarografia ?Le metodiche diagnostico operative sono sicuramente da preferire nei casi di forte sospetto di patologia.
inserito il: 17-03-2011 22:38
 
 
11. ANTONIO BONORA
Credo che anche in questo campo sia fondamentale, oltre una corretta indicazione, un adeguata valutazione del rapporto costo/beneficio.
Possiamo senz'altro concordare sul fatto che un esame con un così elevato valore predittivo negativo sia in grado di evitare di sottoporre il paziente ad un esame più invasivo e rischioso, come la PTCA.
Inoltre la diffusione della TAC coronarica è conforme al generale trend di separazione fra esami puramente diagnostici ed esami operativi invasivi(vedi colangio-RM vs ERCP).
Infine ritengo che non vada agitatio lo spauracchio della dose di radiazioni. Teniamo presente che la TAC coronarica è indicata solo in paz a medio e basso rischio, nei quali è attesa una bassa percentuale di successiva indicazione a PTCA.
inserito il: 18-03-2011 11:48
 
  • Basse dosi di aspirina utilizzate per la prevenzione di eventi cardiovascolari in pazienti con Diabete mellito tipo2
    Fonte: Yoshihiko Saito - http://dx.doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.116.025760 Circulation. 2016;CIRCULATIONAHA.116.025760 Originally published November 15, 2016. L'efficacia e la sicurezza a lungo termine di basse dosi di aspirina per la prevenzione primaria di eventi cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 2, non sono ancora note. Un trial giapponese randomizzato,controllato, open-label, sulla prevenzione primaria dell’aterosclerosi con aspirina nei diabetici (JPAD) ha consentito di esaminare se basse dosi di aspirina influenzano gli eventi cardiovascolari in 2539 pazienti giapponesi con diabete di tipo 2 e senza pre-esistente malattia cardiovascolare. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere aspirina (81 mg o 100 mg al giorno, gruppo aspirina) o no aspirina (gruppo no-aspirina) nel trial JPAD. Dopo che lo studio...leggi la news
  • La fibrillazione atriale e le tachiaritmie atriali brevi non sono associate a un aumento del rischio di ictus
    Fonte: Circulation. 2016 Oct 18;134(16):1130-1140. Swiryn S. L’anticoagulazione comporta un rischio di emorragia che potrebbe superare le riduzioni del rischio di ictus nei pazienti che accusano brevi episodi di Afib (< 20 s). Disegno dello studio: Si tratto di uno studio di registro, prospettico. Sono stati arruolati 5379 di cui 3.141 pazienti con pacemaker; 2.238 con defibrillatore cardioverter impiantabile. Sono stati analizzati 37.000 ECG. Risultati principali: I pazienti che avevano solo episodi di Afib brevi (< 20 secondi) nei 2 anni di sperimentazione non presentavano un rischio maggiore di complicanze cardiovascolari, compreso ictus, rispetto alle persone senza Afib; la probabilità con episodi brevi era di fatto significativamente inferiore rispetto ai casi di assenza di Afib....leggi la news
  • Le interruzioni del sonno aumentano il rischio di comparsa di fibrillazione atriale
    Fonte: Congresso AHA 2016 - American Heart Association - New Orleans US. Queste sono le conclusioni cui sono giunti i ricercatori dell’università di San Francisco. L’ apnea ostruttiva del sonno è un rischio noto per la fibrillazione atriale, tuttavia non è noto se esista una relazione tra un sonno con frequenti interruzioni e la fibrillazione atriale. Pertanto i ricercatori hanno esaminato tre fonti di dati - ognuno dei quali utilizza un approccio diverso - per valutare e confermare gli effetti di un sonno frequentemente interrotto sulla fibrillazione atriale. Le analisi di questi studi hanno mostrato che un sonno interrotto, tra cui l'insonnia, può essere associata in modo indipendente con la fibrillazione atriale; le persone che...leggi la news
  • GLAGOV Trial: nei pazienti con malattia coronarica l’aggiunta di evolocumab alle statine determina una maggiore riduzione del volume della placca valutato mediante IVUS
    Fonte: Congresso AHA 2016 - American Heart Association - New Orleans US. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da Steve Nissen, della Cleveland Clinic. La riduzione dei livelli di LDL-Colesterolo con le statine riduce la progressione dell'aterosclerosi coronarica in proporzione ai livelli di LDL-C raggiunto. Gli inibitori del PCSK9 producono una maggiore riduzione dei livelli di LDL-C nei pazienti trattati con statine, tuttavia, gli effetti di questi farmaci sulla aterosclerosi coronarica non sono stati valutati pertanto i ricercatori hanno voluto determinare gli effetti dell’evolocumab (un inibizione del PCSK9) sulla progressione della aterosclerosi coronarica nei pazienti trattati con statine. Il GLAGOV Trial è uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato...leggi la news
  • L’acido folico riduce il rischio di ictus nei pazienti ipertesi con colesterolo alto
    Fonte: Stroke. 2016 Nov;47(11):2805-2812. Epub 2016 Oct 11 - Xianhui Qin. Studi precedenti hanno suggerito che l’acido folico può ridurre il rischio di ictus associato al colesterolo alto, ipotesi che non è stata tuttavia analizzata in una sperimentazione randomizzata. Gli autori hanno cercato di determinare se la supplementazione di acido folico può ridurre in modo indipendente il rischio di primo ictus associato con livelli di colesterolo totale in un'analisi secondaria utilizzando i dati del CSPPT (China Stroke Primary Prevention Trial), studio randomizzato, controllato, in doppio cieco. Disegno dello studio In 20.702 pazienti con ipertensione sono state analizzate le associazioni tra livelli di colesterolo totale, integrazione di acido folico e rischio di primo ictus. Risultati principali I...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2016
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
DiabeLink
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk