Verapamil efficace come antidiabetico? Sembrerebbe di sì!
Fonte: Diabetes 2012; 61(4): 848-856.

Sebbene la perdita di massa β-cellulare sia uno dei processi più importanti nella progressione del diabete, non ci sono terapie che rallentino questo processo. È stato recentemente identificato un recettore TXNIP che potrebbe avere un ruolo a riguardo. La glicemia e il diabete regolano l’espressione di TXNIP, e la sua iper-produzione provoca l’apoptosi β-cellulare. Trovare un farmaco che inibisca l’espressione di TXNIP sarebbe un passo molto importante; questi autori hanno scoperto che il calcio antagonista verapamil inibisce l’espressione di TXNIP nelle cellule INS-1 e nelle insule umane, aumentando i livelli endogeni di insulina. Verapamil sembra anche promuovere la sopravvivenza β-cellulare e migliorare la sensibilità all’insulina nei topi. Quindi, per la prima volta, è stato identificato un farmaco che può inibire espressione di TXNIP, aumentare la sopravvivenza β-cellulare e prevenire, e persino migliorare, l’andamento del diabete.

 
FRANCESCO CANEPA
Sarebbe opportuno conoscere il dosaggio di
verapamil usato dagli AA.
inserito il: 28-03-2012 11:17
 
 
SANDRO MORINI
SOLO IL VERAPAMIL O TUTTI I NUOVI CALCIOANTAGONISTI E QUALE DOSAGGIO IDEALE
inserito il: 29-03-2012 09:41
 
 
GIORGIO MARINGHINI
e' un farmaco unpo' obsoleto, lo usiamo soltanto nelle tachiaritmie parossistiche sopraventricolari...
inserito il: 30-03-2012 22:03
 
 
LEONARDO SARACINO
io preferisco i farmaci obsoleti perchè usati da molto e x molti paz.in +dimimuisce la pr.art,e la angina pectoris;ora anche il diabete:vi pare poco?
inserito il: 31-03-2012 08:13
 
 
GIUSEPPE MEMOLI
Quando, fino a qualche anno fa, utilizzavano più frequentemente il verapamil nei pazienti diabetici per abbassare i valori pressori o per le aritmie sopraventricolari, non ricordo della necessità di dover aggiustare la terapia ipoglicemizzante per il rischio di abbassamenti glicemici.
Staremo a vedere....!
inserito il: 31-03-2012 09:05
 
 
GIOVANNI INARDI
Non penso che sia un farmaco obsoleto !
Ci fu però un periodo in cui si disse che rallentava l'insorgenza della nefropatia diabetica poi tutto ciò scomparve ( a parte il fatto che se si riduce la PA si rallenta comunque la progressione della nefropatia).
Speriamo che il buon vecchio verapamil questa volta riesca nell'intento.
inserito il: 31-03-2012 17:09
 
 
LUCIANO PETRETTO
Il verapamil è un buon compagno. In molte lotte contro la tachiaritmia da fibrillazione atriale permanente. Se poi si rivelerà a cneh un buon antidiabetico, che dire? gallina vecchia....
inserito il: 31-03-2012 18:01
 
 
PASQUALE COLELLA
ottimo spunto per ulteriori approfondimenti di ricerca, troppi farmaci sono diventati obsoleti in modo forse un pò superficiale sotto la sollecitazione delle lobby farmaceutiche.
Comunque l'orientamento al risparmio della beta cellula è la strada principe della ricerca sul Diabete, pertanto qualsiasi spunto è da approfondire.
inserito il: 01-04-2012 07:47
 
 
GIOVANNI ARRIGO
senza alimentare facili ottimismi, questa è una strada da approfondire seriamente per ridurre i disagi di una malattia sociale come il diabete.
inserito il: 01-04-2012 17:47
 
 
FLAVIO ACQUISTAPACE
Se fosee vero si prospetta un lancio stile ...viagra .. interssante comunque approfondire nella pratica e ricerca clinica reale . in letteratura già altri calcioantagonisti erano stati segnalati per un ruolo similare . Poi dismessi per gli effetti cardaici centrali . Potrebbe essere utile su pazienti diabetici selettivi senza insuffcienza cardiaca . Ricordiamo l'inotropismo negativo del Verapamil comunque ottimo faramconel contolloaritmico . E comnunque vero è che non perchè vecchi i farmaci non siano utilki . Spesso è vero ilo contrario non per il commercio globale magari. ...
inserito il: 07-04-2012 10:01
 
 
SALVATORE ULERI
Si tratta di una "buona notizia" che contribuisce a non mettere da parte un vecchio farmaco che ha ancora molto da dire in terapia cardiovascolare.
inserito il: 09-04-2012 22:17
 
 
DOMENICO GALASSO
Domenico Galasso E' un effetto interessante quello attribuito al Verapamil, ma aspettiamo prima di trarre conclusioni.Bene il lavoro sperimentale.
inserito il: 18-04-2012 06:16
 
 
GIUSEPPE G
È davvero entusiasmante apprendere che il calcio antagonista verapamil potrebbe rappresentare una svolta nella gestione del diabete, agendo attraverso l'inibizione dell'espressione di TXNIP. La scoperta che il verapamil non solo inibisce TXNIP, ma aumenta anche i livelli endogeni di insulina e promuove la sopravvivenza β-cellulare è notevole.

Sarà interessante vedere come questa scoperta possa essere sviluppata ulteriormente e se il verapamil si confermerà come un farmaco efficace nel prevenire e migliorare il decorso del diabete.

A proposito, potete trovare i medicinali della migliore qualità a prezzi accessibili in una farmacia europea di successo e di fiducia: global-service247.com
inserito il: 24-01-2024 16:01
 
  • Morte cardiaca improvvisa nello sportivo: il doping non c’entra!
    Fonte: Hansen, et al. 10.1016/j.jacep.2023.11.006. La conoscenza tra morte cardiaca improvvisa correlata allo sport (sport-related sudden cardiac death, SrSCD) e i risultati degli esami tossicologici negli atleti è scarsa. In questo studio gli autori hanno quindi analizzato i risultati tossicologici post mortem in una coorte multinazionale di giovani vittime di SrSCD. A tale scopo, i casi di SCD con età compresa tra i 12 e i 49 anni con esame post mortem completo sono stati inclusi, coinvolgendo Danimarca, Spagna e Australia. I risultati sono stati confrontati tra SrSCD e non-SrSCD, valutando il ruolo dei risultati tossicologici nei casi di SrSCD. Sono stati inclusi 3.189 casi di SCD, di cui 219 (7%) erano correlati allo sport....leggi la news
  • Terapia anti-aritmica associata a rischio accresciuto di sincope e installazione di pacemaker in pazienti con fibrillazione atriale
    Fonte: Kim YG, Lee HS, Kim H, et al. J Am Coll Cardiol. 2024;83:1027-1038. Uno studio pubblicato sul “Journal of the American College of Cardiology” ha rivelato che i pazienti con fibrillazione atriale di nuova insorgenza e trattati con farmaci antiaritmici presentano un rischio significativamente maggiore di richiedere l’impianto di un pacemaker o di presentare episodi sincopali. La ricerca, basata sui dati del sistema di assicurazione sanitaria nazionale coreano, ha esaminato le diagnosi di fibrillazione atriale di nuova insorgenza tra il 2013 e il 2019, focalizzandosi sui pazienti trattati con farmaci antiaritmici entro un anno dalla diagnosi. Tra i 770.977 casi, 142.141 sono stati trattati con antiaritmici. Dopo aver tenuto conto di possibili fattori confondenti,...leggi la news
  • Benefici delle gliflozine: la risposta è nel muscolo scheletrico?
    Fonte: Wood, et al. 10.1002/ejhf.3192. I pazienti con scompenso cardiaco a frazione d’eiezione ridotta (HFrEF) spesso presentano alterazioni strutturali a livello del muscolo scheletrico, che contribuiscono ai sintomi e alla riduzione della qualità della vita. Gli inibitori del cotrasportatore sodio–glucosio 2 (SGLT2i) migliorano gli endpoint clinici nei pazienti con HFrEF, ma il loro meccanismo d'azione rimane poco compreso. In questo studio, gli autori hanno quindi valutato l’influenza degli SGLT2i sul muscolo scheletrico nei pazienti con HFrEF. A tale scopo, sono stati confrontati campioni di biopsia muscolare di 28 pazienti maschi con HFrEF (classe NYHA I–III) trattati con SGLT2i (>12 mesi) o senza SGLT2i. Sono state eseguite analisi di immunocitochimica, trascrittomica, metabolomica e dei markers infiammatori....leggi la news
  • Un’occhiata al rene: edema maculare predice l’insufficienza renale nel diabete
    Fonte: Ou S, JCEM. 2024; doi.org/10.1210/clinem/dgad581. Nonostante i progressi nel trattamento del diabete mellito (DM), le complicanze persistono, tra cui la retinopatia diabetica (DR), l'edema maculare diabetico (DME) e la nefropatia diabetica (DKD), derivanti dal danno vascolare indotto da iperglicemia cronica. Il DME si verifica a seguito della rottura della barriera emato-retinica, causando accumulo di liquidi e perdita della vista. Studi precedenti collegano la gravità della DR con la progressione della DKD, ma la relazione tra DME e DKD rimane inesplorata. Uno studio retrospettivo ha indagato se il DME predice l'insufficienza renale nei pazienti affetti da DM e CKD. Lo studio ha analizzato i dati di circa 90 milioni di pazienti provenienti da 120 organizzazioni...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk