Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Promuovi un tuo evento
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
DOAC REal Life Practice
Leggi il documento
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Speciale ACC 2019
Speciale AHA 2018
Speciale ESC 2018
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

Ablazione alcolica del setto in pazienti affetti da Cardiomiopatia Ipertrofica: uno studio prospettico
Fonte: J Am Coll Cardiol. 2015;65(17_S):S38-S38. doi:10.1016/j.jacc.2015.03.132 .

La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) è la malattia cardiovascolare genetica più comune causata da mutazioni multiple di geni sarcomerici cardiaci. Il gradiente a riposo e inducibile con lo sforzo, al tratto di efflusso del ventricolo sinistro (LVOT) è un forte determinante di morbilità e mortalità nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica. Le complicanze emodinamiche ed elettriche sono più comuni nei pazienti con ostruzione al LVOT rispetto ai pazienti affetti da HCM senza ostruzione al LVOT. La riduzione dell’ostruzione al LVOT migliora sia i sintomi che la sopravvivenza a lungo termine. La miectomia chirurgica è attualmente il metodo preferito per ridurre l’ostruzione al LVOT. L’ablazione alcolica del setto nei pazienti con HCM è generalmente riservata a pazienti sintomatici, non ritenuti idonei per la miectomia chirurgica. Nello scenario pratico un'altra grande parte di pazienti rifiuta l’intervento chirurgico. Abbiamo condotto uno studio prospettico in un ospedale di terzo livello in India orientale nel corso degli ultimi 10 anni, comprendente due gruppi di pazienti con l'obiettivo di studiare i risultati immediati e a lungo termine dell’ablazione alcolica del setto. Sono stati arruolati 51 pazienti con HCM ostruttiva (picco all’ LVOT ≥50 mmHg) per oltre 5 anni (da Nov 2004 ad ottobre 2009) che erano persistentemente sintomatici nonostante terapia medica. Dieci pazienti non erano idonei per la chirurgia. Tra il resto dei soggetti, 26 pazienti hanno rifiutato il trattamento chirurgico. Abbiamo incluso solo le forme ostruttive (ostruttiva) dei pazienti che erano in classe III e IV sintomatici nonostante il trattamento medico ottimale con beta bloccanti, calcio-antagonisti e disopiramide. I pazienti con ostruzione medio-ventricolare isolata sono stati esclusi dallo studio. L’ablazione alcolica del setto è stato effettuata su 36 pazienti che non erano idonei alla chirurgia o non disposti a sottoporsi ad intervento chirurgico. La procedura non è stata completata in un paziente a causa di una tachicardia ventricolare incessante, emodinamicamente instabile. Successivamente 35 pazienti sono stati seguiti per i successivi cinque anni sia clinicamente che con l'ecocardiografia. L'età media al momento dell'intervento era di 32 ± 10 anni. Il picco al LVOT dinamico pre-operatorio era 73 ± 20 mmHg. L’ablazione alcolica del setto è stata eseguita con successo in tutti i 35 pazienti con riduzione immediata deò picco all’ LVOT. Il valore post-operatorio del gradiente massimo all’LVOT è stato 13 ± 7 mm Hg. Tre pazienti hanno sviluppato blocco cardiaco completo durante la procedura, di questi 2 pazienti mostravano ripristino spontaneo del ritmo sinusale entro 72 ore. Un paziente che non mostrava ripresa del ritmo sinusale è stato impiantato con pacemaker permanente. Nei seguenti 5-8 anni di follow-up 4 pazienti sono morti (2 pazienti con scompenso cardiaco refrattario, 2 pazienti con morte cardiaca improvvisa). Tre pazienti hanno sviluppato fibrillazione atriale nel corso del follow-up. I restanti pazienti erano asintomatici e non si osservava alcuna recidiva di ostruzione all’LVOT, all’ecocardiografia. Concludendo, l’HCM è una malattia genetica complessa con diverse complicazioni a lungo termine soprattutto nella forma ostruttiva. Anche se si dice di riservare l’ablazione alcolica del setto (Classe IIa) solo a coloro che non sono candidati idonei per la miectomia chirurgica, una grossa parte di pazienti sintomatici che rifiutano l’opzione chirurgica può essere trattata con successo con ablazione alcolica del setto. Il risultato immediato e a lungo termine è buono.

leggi anche
  • Impiego dei biomarker cardiaci per la stima delle dimensioni dell’infarto nelle prime fasi dello STEMI
    Fonte: Tiller C et al. Eur J Intern Med. Epub ahead of print. 2019 doi: 10.1016/j.ejim.2019.03.001. La troponina T ad elevata sensibilità (hsTnT) rappresenta il biomarker di scelta per stimare le dimensioni dell’area infartuata nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI). Tuttavia, i valori di hsTnT rilevati all’ingresso presentano generalmente una scarsa correlazione con le dimensioni dell’infarto. Per questo motivo Tiller et al. hanno indagato il possibile impiego di altri biomarker che generalmente vengono dosati nei pazienti con STEMI all’inizio del ricovero e che potrebbero essere utili a questo scopo, in aggiunta alla hsTnT. E’ stato condotto uno studio osservazionale prospettico in cui sono stati arruolati 161 pazienti consecutivi ricoverati per...leggi la news
  • Il rischio di morte cardiaca improvvisa nel paziente iperteso senza malattia cardiovascolare nota
    Fonte: Verdecchia P et al. Hypertension. May 2019;73:1071–1078. https://doi.org/10.1161/HYPERTENSIONAHA.119.12684 . Questo studio ha indagato i fattori di rischio per morte cardiaca improvvisa (MI) nel paziente iperteso che non presenta malattia cardiovascolare nota. In particolare, Verdecchia et al. presentano i dati di follow-up di una coorte di 3.242 soggetti ipertesi senza evidenza di patologia coronarica o cerebrovascolare alla valutazione basale, sottoposti a ECG e monitoraggio pressorio nelle 24h e seguiti nel tempo per un periodo di durata media pari a 10.3 anni. All’arruolamento i partecipanti avevano un’età media di 50 anni; il 45% della popolazione era costituito da donne, il 61% da soggetti affetti da diabete mellito tipo 2. I partecipanti presentavano valori pressori clinici medi...leggi la news
  • La duplice terapia anti-ipertensiva nel paziente di colore: confronto tra amlodipina, idroclorotiazide e perindopril
    Fonte: Ojji DB et al. N Engl J Med. Epub ahead of print 2019. doi: 10.1056/NEJMoa1901113. Nei soggetti di colore la prevalenza di ipertensione è elevata e il trattamento anti-ipertensivo richiede generalmente due o più farmaci per il raggiungimento del target pressorio. Al momento però non è chiaro quale sia la combinazione più efficace tra quelle disponibili. Questo studio randomizzato in singolo cieco condotto in sei diversi paesi dell’Africa subsahariana ha arruolato 728 soggetti di colore con ipertensione non controllata (≥140/90 mmHg in assenza di terapia farmacologica o in monoterapia), che sono stati randomizzati a ricevere per un periodo di due mesi un trattamento anti-ipertensivo con una delle seguenti combinazioni: amlodipina 5 mg associata a...leggi la news
  • Valore prognostico della natriemia nei pazienti con scompenso cardiaco a frazione d’eiezione conservata
    Fonte: Imran TF et al. Int J Cardiol. Epub ahead of print 2019. doi: 10.1016/j.ijcard.2019.03.040. Gli autori di questo studio hanno valutato se controlli seriati della natriemia (Na) nei pazienti con scompenso cardiaco a frazione d’eiezione conservata (HfpEF) possono essere utili ad identificare i soggetti a maggior rischio di outcome avversi. Nell’analisi sono stati inclusi 50.932 soggetti con HFpEF per i quali erano disponibili 759.577 dosaggi della Na; mediante l’analisi di Cox è stata quindi analizzata l’associazione tra i dosaggi ripetuti della Na e la mortalità. Durante il follow-up, di durata mediana pari a 2.9 anni (IQR: 1.2–5.4), si sono verificati 19.011 decessi. All’analisi multivariata, dopo aggiustamento per caratteristiche demografiche, filtrato glomerulare, kaliemia e principali farmaci...leggi la news
  • Nell’ultimo decennio sia in Canada che negli Stati Uniti vi sono state riduzioni simili nei re-ricoveri per tutte le cause a 30 giorni nei pazienti ricoverati per insufficienza cardiaca
    Fonte: Samsky - JAMA Cardiol. 2019. doi: 10.1001/jamacardio.2019.0766. [Epub ahead of print]. Queste sono le conclusioni dello studio coordinato da Samsky della Duke University, Durham, USA. In questo studio I ricercatori hanno voluto esaminare i cambiamenti riguardanti la durata del ricovero in ospedale e i tassi di riammissione a 30 giorni nei pazienti ricoverati per insufficienza cardiaca verificatisi dal 1° aprile 2005 al 31 dicembre 2015 negli Stati Uniti e in Canada. Lo studio ha incluso pazienti ammessi con una diagnosi primaria di insufficienza cardiaca negli ospedali canadesi e statunitensi tra il 1° aprile 2005 e il 31 dicembre 2015. Lo studio ha esaminato i trend di durata del ricovero e di riammissioni in entrambi...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
2-2019
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk