Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Promuovi un tuo evento
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
Elderly Lab
DOAC REal Life Practice
Leggi il documento
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di CardioLink
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Speciale ESC 2019
Speciale ACC 2019
Speciale AHA 2018
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

Ablazione alcolica del setto in pazienti affetti da Cardiomiopatia Ipertrofica: uno studio prospettico
Fonte: J Am Coll Cardiol. 2015;65(17_S):S38-S38. doi:10.1016/j.jacc.2015.03.132 .

La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) è la malattia cardiovascolare genetica più comune causata da mutazioni multiple di geni sarcomerici cardiaci. Il gradiente a riposo e inducibile con lo sforzo, al tratto di efflusso del ventricolo sinistro (LVOT) è un forte determinante di morbilità e mortalità nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica. Le complicanze emodinamiche ed elettriche sono più comuni nei pazienti con ostruzione al LVOT rispetto ai pazienti affetti da HCM senza ostruzione al LVOT. La riduzione dell’ostruzione al LVOT migliora sia i sintomi che la sopravvivenza a lungo termine. La miectomia chirurgica è attualmente il metodo preferito per ridurre l’ostruzione al LVOT. L’ablazione alcolica del setto nei pazienti con HCM è generalmente riservata a pazienti sintomatici, non ritenuti idonei per la miectomia chirurgica. Nello scenario pratico un'altra grande parte di pazienti rifiuta l’intervento chirurgico. Abbiamo condotto uno studio prospettico in un ospedale di terzo livello in India orientale nel corso degli ultimi 10 anni, comprendente due gruppi di pazienti con l'obiettivo di studiare i risultati immediati e a lungo termine dell’ablazione alcolica del setto. Sono stati arruolati 51 pazienti con HCM ostruttiva (picco all’ LVOT ≥50 mmHg) per oltre 5 anni (da Nov 2004 ad ottobre 2009) che erano persistentemente sintomatici nonostante terapia medica. Dieci pazienti non erano idonei per la chirurgia. Tra il resto dei soggetti, 26 pazienti hanno rifiutato il trattamento chirurgico. Abbiamo incluso solo le forme ostruttive (ostruttiva) dei pazienti che erano in classe III e IV sintomatici nonostante il trattamento medico ottimale con beta bloccanti, calcio-antagonisti e disopiramide. I pazienti con ostruzione medio-ventricolare isolata sono stati esclusi dallo studio. L’ablazione alcolica del setto è stato effettuata su 36 pazienti che non erano idonei alla chirurgia o non disposti a sottoporsi ad intervento chirurgico. La procedura non è stata completata in un paziente a causa di una tachicardia ventricolare incessante, emodinamicamente instabile. Successivamente 35 pazienti sono stati seguiti per i successivi cinque anni sia clinicamente che con l'ecocardiografia. L'età media al momento dell'intervento era di 32 ± 10 anni. Il picco al LVOT dinamico pre-operatorio era 73 ± 20 mmHg. L’ablazione alcolica del setto è stata eseguita con successo in tutti i 35 pazienti con riduzione immediata deò picco all’ LVOT. Il valore post-operatorio del gradiente massimo all’LVOT è stato 13 ± 7 mm Hg. Tre pazienti hanno sviluppato blocco cardiaco completo durante la procedura, di questi 2 pazienti mostravano ripristino spontaneo del ritmo sinusale entro 72 ore. Un paziente che non mostrava ripresa del ritmo sinusale è stato impiantato con pacemaker permanente. Nei seguenti 5-8 anni di follow-up 4 pazienti sono morti (2 pazienti con scompenso cardiaco refrattario, 2 pazienti con morte cardiaca improvvisa). Tre pazienti hanno sviluppato fibrillazione atriale nel corso del follow-up. I restanti pazienti erano asintomatici e non si osservava alcuna recidiva di ostruzione all’LVOT, all’ecocardiografia. Concludendo, l’HCM è una malattia genetica complessa con diverse complicazioni a lungo termine soprattutto nella forma ostruttiva. Anche se si dice di riservare l’ablazione alcolica del setto (Classe IIa) solo a coloro che non sono candidati idonei per la miectomia chirurgica, una grossa parte di pazienti sintomatici che rifiutano l’opzione chirurgica può essere trattata con successo con ablazione alcolica del setto. Il risultato immediato e a lungo termine è buono.

leggi anche
  • Il volume atriale sinistro come predittore di scompenso cardiaco nei pazienti con fibrillazione atriale
    Fonte: Am J Cardiol. Epub ahead of print 2019, Aug 7. doi: 10.1016/j.amjcard.2019.07.049. Il volume dell'atrio sinistro è noto come un importante predittore di scompenso cardiaco (SC) nei pazienti in ritmo sinusale, mentre il suo valore predittivo non è stato indagato nei pazienti con fibrillazione atriale (FA). Lo scopo di questo studio era quello di indagare il ruolo del volume atriale sinistro nel predire la comparsa di SC in pazienti con FA. Nello studio sono stati arruolati pazienti adulti sottoposti ad ecocardiogramma che si presentavano con FA, i quali sono stati seguiti in follow-up per rilevare la comparsa di SC. Sono stati esclusi i pazienti con cardiopatia valvolare significativa, cardiopatia congenita o ridotta frazione di...leggi la news
  • Prevalenza e impatto clinico della carenza marziale nei pazienti sottoposti a TAVI
    Fonte: Rheude T et al. Am J Cardiol. 2019 Aug 7. doi: 10.1016/j.amjcard.2019.07.051. I pazienti per i quali viene posta indicazione all'impianto transcatetere della valvola aortica (TAVI) sono in genere anziani che presentano diverse comorbilità, le quali possono influenzare negativamente la prognosi nonostante il buon esito della procedura. Inoltre, in questi pazienti è comune il riscontro di una carenza marziale. La prevalenza e l'impatto clinico della carenza di ferro nei pazienti sottoposti a TAVI sono ancora poco conosciuti e sono stati oggetto di questo studio, condotto da Rheude e colleghi su 495 pazienti trattati con TAVI transfemorale per una stenosi aortica grave sintomatica. L'endpoint primario dello studio era rappresentato dal composito di mortalità da tutte...leggi la news
  • Impatto del trattamento con statina sul rischio di sostituzione valvolare nel paziente con stenosi aortica lieve-moderata asintomatica
    Fonte: Greve AM et al. Am J Cardiol, in press, September 2019. https://doi.org/10.1016/j.amjcard.2019.08.037. Lo scopo di questo studio era quello di determinare se i livelli pretrattamento delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) e la gravità della stenosi aortica alterano l'efficacia della terapia ipolipemizzante sulla riduzione del rischio di sostituzione della valvola aortica (SVAo). Nello studio sono stati arruolati 1.687 pazienti con stenosi aortica asintomatica di grado da lieve a moderato, che sono stati randomizzati con rapporto 1:1 a ricevere simvastatina/ezetimibe 40/10 mg o placebo nel trial simvastatin and ezetimibe in Aortic Stenosis (SEAS). In base ai livelli di LDL pretrattamento (> 4mmol / L) e alla velocità di picco del getto aortico (3m/s) i partecipanti...leggi la news
  • Impiego della serelaxina nello scompenso cardiaco acuto
    Fonte: Metra M et al. N Engl J Med. 2019 Aug 22;381(8):716-726. doi: 10.1056/NEJMoa1801291. La serelaxina è una forma ricombinante della relaxina 2, un ormone vasodilatatore che contribuisce ai fenomeni di adattamento cardiovascolare e renale che si verificano durante la gravidanza. Precedenti studi suggeriscono che il trattamento con serelaxina potrebbe associarsi ad un miglioramento dei sintomi e degli outcome nei pazienti con scompenso cardiaco (SC) acuto. In questo studio multicentrico in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati arruolati pazienti ricoverati in ospedale per SC acuto con dispnea, congestione vascolare alla radiografia del torace, aumento delle concentrazioni plasmatiche di peptidi natriuretici, insufficienza renale da lieve a moderata e pressione arteriosa sistolica di almeno 125 mmHg....leggi la news
  • Rivascolarizzazione completa vs trattamento del vaso culprit nei pazienti con STEMI e coronaropatia multivasale
    Fonte: Mehta SR et al. N Engl J Med. N Engl J Med 2019;381:1411-1421. doi: 10.1056/NEJMoa1907775. Nell’infarto miocardico associato a sopraslivellamento del tratto ST (STEMI), il trattamento del vaso interessato (“culprit”) mediante angioplastica percutanea riduce il rischio di morte cardiovascolare e infarto miocardico. Tuttavia, non è chiaro se il trattamento degli altri vasi eventualmente interessati dalla coronaropatia riduca ulteriormente il rischio di tali eventi. Questo studio ha arruolato pazienti con STEMI e coronaropatia multivasale sottoposti ad angioplastica del vaso “culprit”, randomizzati a ricevere due diverse strategie di trattamento: la prima prevedeva la rivascolarizzazione completa con angioplastica di tutti i vasi che presentavano stenosi emodinamiche, la seconda non prevedeva invece alcuna ulteriore rivascolarizzazione. La randomizzazione è...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2019
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk