Riavvio del trattamento anticoagulante dopo emorragia intracranica nei pazienti con fibrillazione atriale e impatto su ictus ricorrente, mortalità e sanguinamento
Fonte: Nielsen PB et al, Circulation 2015; 132: 517-525. L’emorragia intracranica è la complicanza più temuta della terapia anticoagulante orale. L'opzione di trattamento ottimale per i pazienti con fibrillazione atriale che sopravvivono ad una emorragia intracranica rimane sconosciuta. Si è ipotizzato che il riavvio del trattamento anticoagulante orale sia associato a un minore rischio di ictus e di mortalità rispetto alla mancata ripresa. Nei registri nazionali danesi nel periodo 1997-2013 sono stati identificati pazienti affetti da fibrillazione atriale in trattamento con anticoagulanti orali con emorragia intracranica incidente. I pazienti sono stati stratificati per regimi di trattamento (nessun trattamento, trattamento anticoagulante orale, o terapia antiaggregazione piastrinica) dopo emorragia intracranica. I tassi di eventi sono stati valutati 6 settimane dopo la dimissione dall'ospedale e sono stati confrontati con modelli di rischio proporzionale di Cox. In 1.752 pazienti (1 anno di follow-up), il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per qualsiasi causa (per 100 anni-persona) per i pazienti trattati con anticoagulanti orali è stato pari a 13.6 rispetto a 27.3 per i pazienti non-trattati e 25.7 per i pazienti sottoposti a terapia antiaggregante. Il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per qualsiasi causa (per 100 anni-persona) per recidiva di emorragia intracranica, il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause (per 100 anni-persona) in pazienti trattati con anticoagulanti orali è stato pari a 8.0 rispetto a 8.6 nei pazienti non-trattati e 5.3 nei pazienti in terapia antiaggregante. L'hazard ratio aggiustato (aHR) di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause è stato pari a 0.55 nei pazienti in trattamento anticoagulante orale rispetto a nessun trattamento.  Per ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause, gli hazard ratio sono stati, rispettivamente, 0.59 e 0.55. In conclusione, il trattamento anticoagulante orale è risultato associato ad una significativa riduzione dei tassi di ictus ischemico / mortalità per tutte le cause, sostenendo la reintroduzione della terapia anticoagulante orale dopo emorragia intracranica.
leggi anche
 
SANDRO DELUCA
dopo quanto tempo l'evento si riprende la tao
inserito il: 04-11-2015 13:27
 
 
ANTONIO PROVENZANO
Ma di quale terapia anticoagulante si tratta: TAO o NAO? Nell'articolo non è specificato.
inserito il: 04-11-2015 19:23
 
 
SERENA MARCHI
3-Serena Marchi
Mi associo ai colleghi DE LUCA e PROVENZANO per sapere quali sono i tempi piu'indicati per riprendere la terapia dopo una emorragia intracranica e per conoscere i farmaci testati(solo TAO o anche NAO?)
inserito il: 12-11-2015 00:23
 
 
GABRIELLO MARCHETTI
Nello studio viene specificato che il 65% riceveva antagonisti della vitamina K , il 33% vitamina K antagonisti + antiaggreganti,il 2% NOACs , e meno dell'1% NOACs+ antiaggreganti. Tutti entro sei mesi dall'evento emorragico. Non è specificato se la emorragia era subaracnoidea o intracranica.
inserito il: 14-11-2015 19:38
 
  • Rischio di demenza vascolare particolarmente alto nel diabete di tipo 2
    Fonte: Celis-Morales C et al. EASD 2020. Le persone con diabete di tipo 2 possono essere maggiormente a rischio di sviluppare demenza vascolare rispetto ad altri tipi di demenza: lo sostiene una ricerca presentata in occasione del 56° congresso annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD). Lo studio, basato su una analisi di dati dello Swedish National Diabetes Register, ha esaminato la misura in cui il diabete di tipo 2 si associava allo sviluppo di demenza, nonché l'incidenza dei diversi sottotipi di malattia. In parallelo, sono state esaminate le possibili associazioni con il controllo glicemico ed i possibili ulteriori fattori di rischio coinvolti. Individui con diabete di tipo 2 (n. 378.299) sono stati...leggi la news
  • L’impiego di biomarcatori circolanti per individuare i diabetici a maggior rischio di insufficienza renale
    Fonte: Scarale M et al, EASD 2020. È possibile individuare in anticipo quali siano i pazienti diabetici più a rischio di insufficienza renale, così da intervenire tempestivamente per prevenirne lo sviluppo? A questa domanda risponde una ricerca italiana divulgata in occasione del 56° congresso annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD). La ricerca è stata condotta su 861 pazienti diabetici arruolati nel Gargano Mortality Study 2 (GMS2) e del Gargano Mortality Study 1 (GMS1), sottoposti al dosaggio di 188 metaboliti sierici noti come possibili predittori di comparsa di insufficienza renale. Il GMS2 (325 soggetti) è stato usato come campione per individuare i biomarcatori associati alla riduzione della funzione emuntoria renale in termini di...leggi la news
  • Contributo genetico all’esordio precoce del diabete mellito tipo 2: una ricerca italiana
    Fonte: Fonte: Pezzilli S et al, EASD 2020. Parla italiano una ricerca divulgata in occasione del meeting annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD), in cui viene valutato il ruolo di specifiche varianti geniche nell’esordio precoce del diabete mellito tipo 2. A partire da un’ampia serie di casistiche di pazienti adulti affetti da diabete mellito tipo 2, raccolte grazie alla collaborazione tra diversi centri diabetologici universitari e ospedalieri del Centro-Sud Italia e dell’area urbana di Roma, i ricercatori hanno selezionato 600 pazienti per uno studio caso-controllo 1:1, in cui i due gruppi differivano per età di esordio del diabete (≤35 anni per i casi, ≥65 anni per i controlli). Il loro DNA è...leggi la news
  • Insulina in monosomministrazione settimanale nel diabete di tipo 2 senza precedente trattamento insulinico
    Fonte: Julio Rosenstock et al, NEJM September 22, 2020 DOI: 10.1056/NEJMoa2022474 - EASD 2020. Sono stati divulgati in occasione del meeting annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) e pubblicati sul New England Journal of Medicine i dati di fase 2 relativi ad icodec, analogo sperimentale dell'insulina basale in monosomministrazione settimanale, che mostrano un'efficacia ed una sicurezza della nuova molecola comparabili a quelle dell'insulina glargine al dosaggio di 100UI una volta al giorno. L'insulina icodec si lega all'albumina per creare una forma di deposito circolante con un'emivita di 196 ore (8.1 giorni), quindi l'iniezione una volta alla settimana è progettata per coprire il fabbisogno basale di insulina di un individuo per un'intera settimana,...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk