Riavvio del trattamento anticoagulante dopo emorragia intracranica nei pazienti con fibrillazione atriale e impatto su ictus ricorrente, mortalità e sanguinamento
Fonte: Nielsen PB et al, Circulation 2015; 132: 517-525. L’emorragia intracranica è la complicanza più temuta della terapia anticoagulante orale. L'opzione di trattamento ottimale per i pazienti con fibrillazione atriale che sopravvivono ad una emorragia intracranica rimane sconosciuta. Si è ipotizzato che il riavvio del trattamento anticoagulante orale sia associato a un minore rischio di ictus e di mortalità rispetto alla mancata ripresa. Nei registri nazionali danesi nel periodo 1997-2013 sono stati identificati pazienti affetti da fibrillazione atriale in trattamento con anticoagulanti orali con emorragia intracranica incidente. I pazienti sono stati stratificati per regimi di trattamento (nessun trattamento, trattamento anticoagulante orale, o terapia antiaggregazione piastrinica) dopo emorragia intracranica. I tassi di eventi sono stati valutati 6 settimane dopo la dimissione dall'ospedale e sono stati confrontati con modelli di rischio proporzionale di Cox. In 1.752 pazienti (1 anno di follow-up), il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per qualsiasi causa (per 100 anni-persona) per i pazienti trattati con anticoagulanti orali è stato pari a 13.6 rispetto a 27.3 per i pazienti non-trattati e 25.7 per i pazienti sottoposti a terapia antiaggregante. Il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per qualsiasi causa (per 100 anni-persona) per recidiva di emorragia intracranica, il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause (per 100 anni-persona) in pazienti trattati con anticoagulanti orali è stato pari a 8.0 rispetto a 8.6 nei pazienti non-trattati e 5.3 nei pazienti in terapia antiaggregante. L'hazard ratio aggiustato (aHR) di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause è stato pari a 0.55 nei pazienti in trattamento anticoagulante orale rispetto a nessun trattamento.  Per ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause, gli hazard ratio sono stati, rispettivamente, 0.59 e 0.55. In conclusione, il trattamento anticoagulante orale è risultato associato ad una significativa riduzione dei tassi di ictus ischemico / mortalità per tutte le cause, sostenendo la reintroduzione della terapia anticoagulante orale dopo emorragia intracranica.
leggi anche
 
SANDRO DELUCA
dopo quanto tempo l'evento si riprende la tao
inserito il: 04-11-2015 13:27
 
 
ANTONIO PROVENZANO
Ma di quale terapia anticoagulante si tratta: TAO o NAO? Nell'articolo non è specificato.
inserito il: 04-11-2015 19:23
 
 
SERENA MARCHI
3-Serena Marchi
Mi associo ai colleghi DE LUCA e PROVENZANO per sapere quali sono i tempi piu'indicati per riprendere la terapia dopo una emorragia intracranica e per conoscere i farmaci testati(solo TAO o anche NAO?)
inserito il: 12-11-2015 00:23
 
 
GABRIELLO MARCHETTI
Nello studio viene specificato che il 65% riceveva antagonisti della vitamina K , il 33% vitamina K antagonisti + antiaggreganti,il 2% NOACs , e meno dell'1% NOACs+ antiaggreganti. Tutti entro sei mesi dall'evento emorragico. Non è specificato se la emorragia era subaracnoidea o intracranica.
inserito il: 14-11-2015 19:38
 

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk