Trattamento dell’insufficienza mitralica severa nell’anziano: chirurgia vs terapia conservativa
Fonte: Kang DH et al. Heart. Epub ahead of print 2017, Oct 5. doi: 10.1136/heartjnl-2017-311759.

Nell’anziano con insufficienza mitralica (IM) severa, il beneficio derivante dal trattamento chirurgico non sempre è superiore al rischio operatorio. Nel 2006, le linee guida dell’American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) sottolineavano i rischi associati all’intervento nel paziente anziano e raccomandavano che il trattamento chirurgico venisse riservato a soggetti gravemente sintomatici. Negli ultimi anni, i progressi nella chirurgia della valvola mitrale hanno portato ad una riduzione della mortalità operatoria, per cui questa raccomandazione non è stata riportata nella revisione delle linee guida del 2014. Ad oggi, però, esistono pochi dati che confrontino il trattamento chirurgico precoce con un approccio basato sull’osservazione clinica fino al peggioramento della sintomatologia. Questo studio prospettico coreano ha confrontato gli outcome a lungo termine del trattamento chirurgico precoce e della terapia conservativa, in pazienti ultrasettantenni con IM severa su base degenerativa. Nello studio sono stati valutati 157 pazienti di età media pari a 74±4 anni, con IM severa lievemente sintomatica (dispnea da sforzo lieve); i pazienti arruolati erano tutti asintomatici nella deambulazione in piano e nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, l’STS score medio era 1.9±1.0%; sono stati esclusi i pazienti con disfunzione ventricolare sn o età superiore a 85 anni. 79 pazienti sono stati sottoposti a trattamento chirurgico mediante riparazione o sostituzione valvolare, mentre nei restanti 78 pazienti è stata attuata una strategia di trattamento conservativa, sulla base della decisione del medico. Le caratteristiche dei due gruppi erano sovrapponibili in termini di comorbidità (diabete mellito, ipertensione), rischio operatorio e funzione e dimensioni tele-sistoliche del ventricolo sinistro, ma i pazienti trattati chirurgicamente erano in media più giovani (72.9±2.9 vs 74.6±4.1 anni, p=0.004). Durante un follow-up mediano di 5.4 anni, nei pazienti sottoposti a trattamento chirurgico è stata osservata una ridotta mortalità, complessiva (HR 0.39; 95% CI 0.21-0.74; p=0.004) e da cause cardiache (HR 0.31; 95% CI 0.13-0.73; p=0.007), ed una riduzione degli eventi cardiaci (HR 0.26; 95% CI 0.13-0.53; p<0.001). Pertanto, in questo studio, nell’anziano con IM severa e sintomi lievi, un trattamento chirurgico precoce era associato ad una significativa riduzione della mortalità e degli eventi cardiaci a lungo termine rispetto alla terapia conservativa.

leggi anche
 
GIOVANNI STORTO
L’argomento è interessante ma mi sarei aspettato alcuni dati ecocardiografici sulla biomeccanica cardiaca
inserito il: 06-09-2021 05:34
 
  • L'anticoagulazione a dose terapeutica vs tromboprofilassi con eparina in pazienti con COVID-19 di grado severo
    Fonte: 10.1056/NEJMoa2103417. La malattia da coronavirus 2019 (Covid-19) è associata a infiammazione e trombosi. I pazienti critici con Covid-19 sono ad alto rischio di trombosi nonostante abbiano ricevuto una tromboprofilassi farmacologica a dose standard. Biomarcatori circolanti che riflettono l'infiammazione sistemica e l'attivazione della coagulazione (ad es. D-dimero e proteina C-reattiva) sono indipendentemente associati a un maggior rischio di insufficienza respiratoria, trombosi e morte nei pazienti con Covid-19. L'infiammazione e la trombosi possono quindi contribuire in modo importante agli esiti negativi. Le eparine non frazionate e a basso peso molecolare sono anticoagulanti parenterali con proprietà antinfiammatorie e possibili proprietà antivirali. Dati i dati sull’eccesso di rischio trombotico, strategie anticoagulanti a dosi potenziate sono state incorporate in...leggi la news
  • Complicanze a lungo termine del diabete mellito di tipo II ad insorgenza giovanile
    Fonte: 10.1056/NEJMoa2100165. L'incidenza del diabete di tipo 2 a esordio giovanile è aumentata parallelamente all'aumento del numero di bambini con obesità negli Stati Uniti. Nel periodo dal 2002 al 2012, l'incidenza del diabete di tipo 2 è aumentata del 4,8% ciascun anno. I processi patologici associati al diabete, compreso lo sviluppo dell'insulino-resistenza e il deterioramento della funzione delle cellule beta, progrediscono più rapidamente nel diabete di tipo 2 a esordio giovanile rispetto a quello dell’età adulta. Questi fattori determinano un peggioramento del controllo glicemico e un aumento del rischio di complicanze precoci legate al diabete. Lo studio “SEARCH for Diabetes in Youth” ed il registro canadese di Manitoba hanno mostrato una maggiore prevalenza di malattie...leggi la news
  • Il ritorno allo sport dei soggetti con patologie cardiache predisponenti alla morte improvvisa
    Fonte: Tobert et al DOI: 10.1016/j.jacc.2021.04.026. Negli ultimi 5 anni, le linee guida internazionali delle società di cardiologia hanno iniziato a riconoscere il processo decisionale condiviso (SDM) per l'atleta con malattie cardiache genetiche predisponenti alla morte cardiaca improvvisa (MCI), come la sindrome del QT lungo (LQTS), e la possibilità per quell'atleta di tornare a giocare. In precedenza, le linee guida internazionali prevedevano una squalifica per tutti questi atleti, compresi gli atleti con un solo test genetico positivo in Europa. Tobert e colleghi hanno cercato di esaminare la prevalenza e gli outcomes degli atleti con patologie cardiache predisponenti alla morte cardiaca improvvisa, in particolare LQTS, dopo il loro ritorno allo sport. Una revisione retrospettiva della cartella...leggi la news
  • L'anticoagulazione a dose terapeutica vs tromboprofilassi con eparina in pazienti con COVID-19 non critici
    Fonte: DOI: 10.1056/NEJMoa2105911. In alcuni pazienti, il decorso clinico della malattia da coronavirus 2019 (Covid-19) è caratterizzato da un periodo iniziale di sintomi da lievi a moderati, seguito da insufficienza respiratoria progressiva che porta al supporto degli organi cardiovascolari o respiratori o alla morte. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19 sono moderatamente malati e inizialmente non richiedono supporto d'organo in unità di terapia intensiva (TI). Sono disponibili terapie limitate per prevenire la progressione verso l'insufficienza d'organo e la morte tra i pazienti moderatamente malati. I pazienti ospedalizzati con Covid-19 presentano frequentemente trombosi e infiammazioni macrovascolari e microvascolari, che sono associate a un esito clinico sfavorevole. Date le proprietà antitrombotiche, antinfiammatorie...leggi la news
  • La prognosi dei pazienti asintomatici con stenosi aterosclerotiche intracraniche
    Fonte: Gutierrez et al DOI: 10.1016/j.jacc.2021.05.041. Le stenosi aterosclerotiche intracranica (SAI) sono una delle cause più comuni di ictus in tutto il mondo e conferiscono un alto rischio di recidiva, nonostante una gestione aggressiva dei fattori di rischio. Gutierrez e colleghi hanno identificato il ruolo dei fattori di rischio e del rischio di eventi vascolari in soggetti con SAI asintomatica per una migliore stratificazione del rischio. I partecipanti senza ictus dello studio NOMAS (Northern Manhattan Study), seguito prospetticamente dal 1993, sono stati sottoposti a valutazione angiografica con risonanza magnetica cerebrale. Sono state valutate le stenosi in 11 arterie cerebrali e indicate come segue: 0: nessuna stenosi; 1: <50% o irregolarità luminali; 2: 50%-69%; e 3:...leggi la news