Infarto miocardico e ventricolo destro
Fonte: Circulation. 2010;122:1405-1412.

Un interessante studio è stato pubblicato su Circulation relativo all’incidenza di ischemia del ventricolo destro in corso di infarto miocardico acuto, valutata mediante risonanza magnetica cardiaca. Sono stati arruolati 242 pazienti consecutivi con STEMI riperfuso e sottoposti a risonanza magnetica a 1 settimana e a 4 mesi dall’evento. In fase acuta, gli autori hanno riscontrato una elevata incidenza di edema del ventricolo destro (51% dei pazienti), spesso associato a late enhancement (31%). In particolare, l’edema e il late enhancement sono stati riscontrati rispettivamente anche nel 33% e nel 12% dei pazienti con infarto miocardico anteriore. La frazione di eiezione del VD è risultata inversamente proporzionale all’estensione dell’edema e del late enhancement. Al follow up a 4 mesi, è stata osservata una netta riduzione del late enhancement (presente in circa il 10% dei pazienti). Questi dati quindi evidenziano come sia frequente un danno ischemico acuto del ventricolo destro in corso di STEMI, che non è limitato al solo infarto a sede inferiore; tuttavia, nella maggioranza dei pazienti tale danno è reversibile.

 
GIUSEPPE MARINO BENVENUTO
Che brutto avverbio usato alla fine della news: "tuttavia il danno è reversibile"(?, ma per fortuna!). Il dato poco noto ai più è la discreta incidenza di necrosi-ischemia del Vdx anche negli STEMI/NSTEMI anteriori, ma questo si sa, dipende dal particolare circolo coronarico del paziente (dominanza sinistra, circoli collaterali etero-coronarici tra Cor sx e Cor dx, rami varianti anatomici,ecc). E' affascinante vedere la diagnosi accurata con RMN nel lavoro scientifico... ma nella pratica quotidiana di UTIC credo sia sufficiente la clinica la PVC l'ECG e l'ecocardio a dare una misura non molto meno accurata della diagnosi e nella risposta emodinamica alle terapie in acuto del caso (ie. nitrati, furosemide, ecc)
inserito il: 13-10-2010 09:37
 
 
CESARE ROMEO
E' un dato estremamente interessante per chi si trova a lavorare in PS...; esso non è forse un invito alla prudenza durante l'attuazione di determinate terapie in urgenza ogni qual volta esse , non tengano in debita considerazione l'eventualità di un concomitante infarto destro ?
inserito il: 15-10-2010 15:55
 
 
LUISA BORGESE
Sono d'accordo sull'attenzione da porre alla terapia d'urgenza (equindi alla diagnosi) tenuto conto che la disfunzione (e quindi l'infarto) destra sembra emergente, forse proprio perché si cerca di più.
inserito il: 15-10-2010 21:32
 
 
ERNESTO MURENA
Mi sembrano molto interessanti i dati sulla presenza di edema e di late enhancement per gli infarti in sede anteriore ,in quanto in questo sottogruppo ,potrebbero essere proprio questi pazienti ad alto rischio di ischemia residua a beneficiare di una trategia interventistica piu' aggressiva.
inserito il: 16-10-2010 11:47
 
  • Non vi è associazione tra uso ACEI o ARB e positività al test COVID-19
    Fonte: Neil Mehta - JAMA Cardiol. May 5, 2020. doi:10.1001/jamacardio.2020.1855. Queste sono le conclusioni dello studio coordinato da Neil Mehta della Western Reserve University, Cleveland Clinic, Ohio, USA. il ruolo degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACEI) e dei bloccanti del recettore dell'angiotensina II (ARB) nel contesto della pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19) è oggetto di accesi dibattiti. A tal proposito i ricercatori hanno voluto studiare l'associazione tra l'uso di ACEI / ARB e la probabilità di test positivo per COVID-19 e studiare i dati sugli esiti in sottogruppi di pazienti che assumevano ACEI / ARB e che sono risultati positivi per COVID-19 con condizione clinica grave (ad es. ricovero, ricovero in terapia intensiva e...leggi la news
  • I pazienti con insufficienza cardiaca con una FE conservata e anemia hanno un rischio maggiore di mortalità e ricovero in ospedale
    Fonte: Kartik Gupta - Am J Cardiol. 2020;125(9):1347-1354. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordianta da Kartik Gupta dell’Università dell’Alabama a Birmingham,USA. In questa analisi post-hoc dello studio TOPCAT, è stato valutato il ruolo prognostico dell'anemia negli esiti cardiovascolari avversi (CV) nei pazienti con insufficienza cardiaca con una frazione di eiezione conservata (HFpEF). L'anemia è stata definita come emoglobina <12 g / dl nelle femmine e <13 g / dl nei maschi. L'outcome primario era un composto di mortalità CV, arresto cardiaco resuscitato (ACA) e ricovero per insufficienza cardiaca (HF). Gli esiti secondari erano i componenti dell'outcome primario, mortalità per tutte le cause, sia CV che non CV, ricovero per tutte...leggi la news
  • L’evolocumab riduce maggiormente il rischio cardiovascolare assoluto nei pazienti con un infarto miocardico recente rispetto a quelli con infarto miocardio pregresso
    Fonte: AMA Cardiol. May 20, 2020. doi:10.1001/jamacardio.2020.0882. Le linee guida dell’AHA/ACC del 2018 sulle dislipidemie ha identificato i pazienti con infarto miocardico (MI) recente (entro 12 mesi) come a rischio molto elevato, in cui è ragionevole aggiungere un inibitore del PCSK9 alla massima dose di statina tollerata combinata con ezetimibe se il loro livello di LDL colesterolo è di 70 mg / dL o maggiore o il livello di colesterolo non HDL è di 100 mg / dL o maggiore. A tal proposito i ricercatori hanno voluto esaminare l'efficacia clinica di evolocumab in pazienti con infarto miocardico recente. E’ stata eseguita un'analisi secondaria prespecificata sul FOURIER trial, in cui 27 564 pazienti con malattia cardiovascolare...leggi la news
  • Un rischio cardiovascolare più alto porta ad un maggiore declino della memoria episodica, della memoria di lavoro e della velocità percettiva ed è associato a neurodegenerazione e a lesioni vascolari nel cervello
    Fonte: Ruixue Song - JACC 2020, 75, 20, 2525-2534. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da Ruixue Song, del Tianjin Medical University, China. L'impatto del del rischio cardiovascolare sulle funzioni cognitive e sui cambiamenti della struttura del cervello rimane poco chiaro pertanto i ricercatori hanno voluto esaminare se il rischio cardiovascolare valutato dal punteggio di rischio cardiovascolare di Framingham (FGCRS) sia associato al declino cognitivo e alle differenze strutturali del cervello. All'interno del Rush Memory and Aging Project, 1.588 partecipanti senza demenza (età media: 79,5 anni) sono stati seguiti per un massimo di 21 anni. Il FGCRS è stato valutato al basale e classificato in terzili (più basso, medio e...leggi la news
  • Non vi sono differenze tra uomini e donne negli eventi ischemici dopo PCI nei pazienti con un alto rischio di sanguinamento, ma le donne sembravano mostrare un sanguinamento precoce maggiore e sanguinamento maggiore dal sito di accesso vascolare
    Fonte: Roxana Mehran - JAMA Cardiol. May 20, 2020. doi:10.1001/jamacardio.2020.0285. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori coordinati da Roxana Mehran del Mount Sinai Hospital di New York, USA. Il sesso femminile è stato identificato come fattore di rischio per sanguinamento dopo intervento coronarico percutaneo (PCI) e potrebbe aver contribuito al sottoutilizzo di stent a rilascio di farmaco nelle donne. Questo rischio può essere ulteriormente aumentato tra i pazienti con un alto rischio di sanguinamento. Partendo da questo presupposto i ricercatori hanno voluto valutare gli esiti a 2 anni per sesso nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento che sono stati arruolati nello studio LEADERS FREE. Questo studio è un'analisi secondaria prespecificata,...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk