Infarto miocardico e ventricolo destro
Fonte: Circulation. 2010;122:1405-1412.

Un interessante studio è stato pubblicato su Circulation relativo all’incidenza di ischemia del ventricolo destro in corso di infarto miocardico acuto, valutata mediante risonanza magnetica cardiaca. Sono stati arruolati 242 pazienti consecutivi con STEMI riperfuso e sottoposti a risonanza magnetica a 1 settimana e a 4 mesi dall’evento. In fase acuta, gli autori hanno riscontrato una elevata incidenza di edema del ventricolo destro (51% dei pazienti), spesso associato a late enhancement (31%). In particolare, l’edema e il late enhancement sono stati riscontrati rispettivamente anche nel 33% e nel 12% dei pazienti con infarto miocardico anteriore. La frazione di eiezione del VD è risultata inversamente proporzionale all’estensione dell’edema e del late enhancement. Al follow up a 4 mesi, è stata osservata una netta riduzione del late enhancement (presente in circa il 10% dei pazienti). Questi dati quindi evidenziano come sia frequente un danno ischemico acuto del ventricolo destro in corso di STEMI, che non è limitato al solo infarto a sede inferiore; tuttavia, nella maggioranza dei pazienti tale danno è reversibile.

 
GIUSEPPE MARINO BENVENUTO
Che brutto avverbio usato alla fine della news: "tuttavia il danno è reversibile"(?, ma per fortuna!). Il dato poco noto ai più è la discreta incidenza di necrosi-ischemia del Vdx anche negli STEMI/NSTEMI anteriori, ma questo si sa, dipende dal particolare circolo coronarico del paziente (dominanza sinistra, circoli collaterali etero-coronarici tra Cor sx e Cor dx, rami varianti anatomici,ecc). E' affascinante vedere la diagnosi accurata con RMN nel lavoro scientifico... ma nella pratica quotidiana di UTIC credo sia sufficiente la clinica la PVC l'ECG e l'ecocardio a dare una misura non molto meno accurata della diagnosi e nella risposta emodinamica alle terapie in acuto del caso (ie. nitrati, furosemide, ecc)
inserito il: 13-10-2010 09:37
 
 
CESARE ROMEO
E' un dato estremamente interessante per chi si trova a lavorare in PS...; esso non è forse un invito alla prudenza durante l'attuazione di determinate terapie in urgenza ogni qual volta esse , non tengano in debita considerazione l'eventualità di un concomitante infarto destro ?
inserito il: 15-10-2010 15:55
 
 
LUISA BORGESE
Sono d'accordo sull'attenzione da porre alla terapia d'urgenza (equindi alla diagnosi) tenuto conto che la disfunzione (e quindi l'infarto) destra sembra emergente, forse proprio perché si cerca di più.
inserito il: 15-10-2010 21:32
 
 
ERNESTO MURENA
Mi sembrano molto interessanti i dati sulla presenza di edema e di late enhancement per gli infarti in sede anteriore ,in quanto in questo sottogruppo ,potrebbero essere proprio questi pazienti ad alto rischio di ischemia residua a beneficiare di una trategia interventistica piu' aggressiva.
inserito il: 16-10-2010 11:47
 
  • Il prelievo dell'arteria mammaria interna durante bypass aorto-coronarico: due tecniche a confronto
    Fonte: Lamy 10.1001/jamacardio.2021.1686. Il bypass aorto-coronarico (BPAC) è una delle procedure chirurgiche più comunemente effettuate e migliora l’outcome clinico in pazienti selezionati in modo appropriato. La vena safena è spesso usata nel BPAC, ma condotti arteriosi, come l’arteria mammaria interna sinistra (AMIS), sono utilizzati di routine, per la loro maggiore pervietà nel lungo termine. L’uso dell’arteria mammaria destra (AMID) sta aumentando di popolarità ed è stato testato in molti trials come l’ “Arterial Revascularization Trial (ART)”, il "Randomized Comparison of the Clinical Outcome of Single vs Multiple Arterial Grafts (ROMA)”. Tradizionalmente, l’arteria mammaria interna (sia AMIS che AMID) viene prelevata sotto diretta osservazione come un peduncolo (en bloc) con l’aiuto di incisioni lineari lungo il...leggi la news
  • Stiamo trattando bene l'ipercolesterolemia? I risultati dello studio GOULD
    Fonte: Cannon et al 10.1001/jamacardio.2021.1810. Le precedenti linee guida per i pazienti con malattia aterosclerotica cardiovascolare raccomandavano la terapia con statine ad alta intensità e di utilizzare una terapia di combinazione se il colesterolo LDL si manteneva al di sopra di 70 mg/dl. Le ultime linee guida europee, raccomandano invece dei target ancora più restrittivi nei pazienti con rischio cardiovascolare molto alto (LDL <55 mg/dl). Ma spesso la compliance nei confronti delle linee guida è bassa. Negli Stati Uniti, Cannon e collaboratori hanno effettuato uno studio durato due anni e chiamato “Getting to an Improved Understanding of LowDensity Lipoprotein Cholesterol and Dyslipidemia Management (GOULD)” per valutare in trattamento dell’ipercolesterolemia. Il GOULD è un registro prospettico...leggi la news
  • L'ipotermia nell'arresto cardiaco resuscitato extra-ospedaliero: migliora la prognosi?
    Fonte: Dankiewicz ET AL 10.1056/NEJMoa2100591. Le linee guida internazionali raccomandano la gestione della temperatura corporea per prevenire il danno ipossico ischemico cerebrale nei pazienti in coma dopo arresto cardiaco. Le evidenze a supporto di questa raccomandazione originano da trials che hanno coinvolto pazienti rianimati in ambito extra-ospedalieri da una presunta causa cardiaca e con iniziale ritmo defibrillabile. Questi studi suggeriscono un aumento della sopravvivenza e della prognosi neurologica nei pazienti sottoposti a ipotermia a 33°C. Recentemente, Dankiewicz e colleghi hanno pubblicato lo studio “Targeted Hypothermia versus Targeted Normothermia after Out-of-Hospital Cardiac Arrest (TTM2)” per valutare gli effetti benefici e dannosi dell’ipotermia comparati con la normotermia e il trattamento precoce della febbre dopo arresto cardiaco. 1900...leggi la news
  • L'incremento del calcio coronarico nelle malattie neoplastiche
    Fonte: Dzaye et al 10.1093/ehjci/jeab099. Il calcio coronarico (CC) è un conosciuto strumento per quantificare il rischio cardiovascolare usando la tomografia computerizzata senza mezzo di contrasto. Livelli elevati di CC sono anche associati ad incremento del rischio di cancro e della mortalità per cancro. L’associazione con i vari tipi di cancro è sconosciuta. Numerosi fattori sono associati sia al cancro che alle malattie cardiovascolari, come il tabagismo e l’obesità. Recentemente, alcuni studiosi hanno valutato l’associazione tra CC e tipologia di cancro, utilizzando i dati del MultiEthnic Study of Atherosclerosis (MESA). Nello studio hanno incluso 6.271 partecipanti, di età tra i 45-84 anni e senza patologie cardiovascolari conosciute. Si sono verificati 777 casi di cancro durante...leggi la news
  • La morte cardiaca improvvisa nei pazienti HIV positivi
    Fonte: Tseng et al 10.1056/NEJMoa1914279. Sono presenti dati in letteratura che attestano che i pazienti con HIV abbiano una maggiore incidenza di arresto cardiaco e aritmie. L’incidenza di morte cardiaca improvvisa causata da aritmia, testata all’autopsia, in persone con infezione da HIV non è stata ancora determinata. Recentemente è stato pubblicato sul celebre “New england journal medicine”, un articolo riguardante questa tematica. Tseng e collaboratori hanno identificato, da febbraio 2011 a settembre 2016, tutte le morti dovute ad arresto cardiaco extraospedaliero, in persone tra i 18 e i 90 anni d’età, con o senza infezione da HIV, per effettuare l’autopsia e i test tossicologici ed istologici. Hanno poi comparato il tasso di morte cardiaca improvvisa...leggi la news