Beta bloccanti e sanguinamento delle varici esofagee in pazienti epatopatici: meglio i non selettivi!
Fonte: J Am Acad Nurse Pract. 2010 Dec; 22(12): 640-7.

Anche il personale infermieristico ha un ruolo fondamentale nella prevenzione del sanguinamento delle varici esofagee nel paziente epatopatico: a tale personale competono l’insegnamento pratico, l’individuazione dei sintomi basilari precoci, etc. Per questo, particolare interesse ha un lavoro svolto presso il Dipartimento di Endoscopia dell’Università della Pennsylvania, grazie al quale è stato svolto un programma educazionale rivolto agli allievi infermieri. Tale programma, in particolare, è stato indirizzato alla descrizione dettagliata della fisiopatologia dell’ipertensione portale e, successivamente, sull’effettivo uso di beta-bloccanti non selettivi nella prevenzione dei sanguinamenti. Ciò al fine di operare una efficace prevenzione primaria del sanguinamento e di ridurre il rischio di morte. La raccolta di articoli ricavati mediante ISI Web of Science, risalenti al periodo 2004-2009 ed utilizzando le parole-chiave “cirrosi”, “ipertensione portale”, “varici esofagee” e “beta-bloccanti” ed includendo testi accademici, review (sia da articoli di tipo retrospettivo sia da articoli di tipo prospettico) e studi prospettici randomizzati, ha portato a concludere che la cirrosi epatica rappresenta la causa principale di ipertensione portale in Europa ed in Nord America. Le varici esofagee ad essa conseguenti sono, come è noto, il risultato dello sviluppo di circoli collaterali porto-sistemici finalizzati a ridurre la pressione nel sistema portale. In conseguenza dell’anomalo determinarsi un elevato flusso in un distretto normalmente poco “abitato”, l’emorragia a livello delle varici esofagee non è rara ed, anzi, rappresenta la causa maggiore di morbilità e mortalità nell’ipertensione portale. Ciò stante, la prevenzione primaria dell’emorragia da varici esofagee rappresenta, nel paziente epatopatico, un obiettivo cruciale della terapia. In tale contesto, altrettanto cruciale è l’uso dei beta bloccanti non selettivi. L’analisi della letteratura, infatti, dimostra come l’utilizzo di beta bloccanti non selettivi conduca ad una minore pressione portale e ad una riduzione del rischio di sanguinamento da varici esofagee, con conseguente riduzione della mortalità. Ciò stante è sorprendente osservare come davvero pochi pazienti con ipertensione portale e varici esofagee risultino in terapia beta bloccante. Compito del Medico e del personale infermieristico, pertanto, è colmare questo ennesimo gap di trattamento, ottimizzando la terapia beta bloccante in pazienti non certo cardiopatici, ma esposti ad un rischio consistente di morte a causa di sanguinamento dal circolo collaterale esofago-portale.

 
GIUSEPPE CANGIANO
quali tra i più recenti beta-bloccanti possono avere la stessa efficacia del vecchio ma efficace propranololo?
inserito il: 02-02-2011 19:45
 
 
ENRICO MARIA GRECO
Interessante vedere la formazione del profilo infermieristico all' Estero circa le varici esofagee!. 40 anni fa in Canada, ad esempio, i tecnici eseguivano l' ecocardio o le anestesie in sala operatoria, sotto il controllo di un medico specialista. Da noi solo da poco è finito il "mansionario"
inserito il: 08-02-2011 13:50
 
  • La risonanza magnetica cardiaca nei pazienti oncologici in trattamento con antracicline e/o trastuzumab: qualche utilità?
    Fonte: Modi et al 10.1093/ehjci/jeaa279. Nei pazienti con cancro con cardiomiopatia tossica da antracicline/trastuzumab, i dati riguardanti la caratterizzazione tissutale ed in particolare il “late gadolinium enhancement” (LGE) alla risonanza magnetica cardiaca (RMC) sono contraddittori. Non è ancora chiaro se il trattamento con antracicline e/o trastuzumab è associato con LGE. Modi e colleghi hanno valutato alla RMC una vasta coorte di pazienti con cancro con sospetta cardiotossicità da antracicline e/o trastuzumab. I ricercatori hanno analizzato 298 pazienti, valutando la prevalenza, il pattern e il correlati del LGE. Hanno paragonato questi risultati con quelli di 100 pazienti con cancro che non ricevevano né antracicline né trastuzumab. Tra quelli che ricevevano antracicline e/o trastuzumab, 31 (10,4%) avevano...leggi la news
  • La disfunzione cardiaca e il danno subclinico nelle pazienti con cancro alla mammella in trattamento con antracicline
    Fonte: Zito 10.1093/ehjci/jeaa339. La disfunzione cardiaca è la maggiore manifestazione della cardiotossicità da terapia oncologica, ed è definita come la diminuzione di almeno 10 punti percentuale della frazione d’eiezione (FE), rispetto ad un valore <50%. L’ecocardiografia speckle tracking, permette invece di diagnosticare il danno cardiaco subclinico, attraverso la misurazione del global longitudinal strain (GLS). Attualmente, una riduzione del GLS maggiore del 15% dal valore di base è suggestiva di danno cardiaco, anche quando la FE è preservata. Zito e colleghi hanno effettuato uno studio multicentrico prospettico che coinvolgeva una coorte di 146 pazienti con cancro alla mammella. Le pazienti sono state divise in tre gruppi a seconda del trattamento che ricevevano: doxorubicina o epirubicina con...leggi la news
  • La gestione del paziente oncologico in cardiologia: quanto siamo lontani dalle linee guida?
    Fonte: 10.1093/ehjci/jeaa111 Stankovic et al. Nei paesi sviluppati, le patologie cardiovascolari e il cancro sono le cause maggiori di mortalità e morbilità. La prognosi dei pazienti affetti da diversi tipi di cancro comune è migliorata grazie alla diagnosi precoce e agli avanzamenti nella terapia. Comunque sia la tossicità precoce che tardiva è associata a molti tipi di trattamento e può complicare il decorso clinico, i benefici terapeutici e alterare la prognosi. Di conseguenza, il riconoscimento precoce, il monitoraggio e il trattamento della cardiotossicità sono diventati una parte essenziale della cura del paziente. Per tale motivo sono stati istituiti numerosi programmi multidisciplinari di cardioncologia per migliorare la gestione e la prognosi delle complicanze cardiovascolari nei pazienti...leggi la news
  • Diagnosi e trattamento dell'amiloidosi cardiaca: il position paper della società europea di cardiologia
    Fonte: Garcia-Pavia et al 10.1093/eurheartj/ehab072. Sono state recentemente pubblicate sull’ “European heart Journal” le raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento dell’amiloidosi cardiaca. L’amiloidosi cardiaca è caratterizzata dalla deposizione extracellulare di proteine mal ripiegate nel cuore. Sebbene sia una condizione rara, dati recenti suggeriscono che sia una condizione sottostimata. Grazie alle nuove tecnologie diagnostiche, e ai progressi nelle terapie alternative, il riconoscimento e il trattamento dell’amiloidosi cardiaca è migliorato. Quando sospettare l’amiloidosi cardiaca?L’amiloidosi cardiaca appare tipicamente con una serie di segni extracardiaci e non che sono molto utili nel sospetto di questa patologia. Questi segni/sintomi sono detti “red flags” ed includono la proteinuria (anche lieve), la macroglossia, la sindrome del tunnel carpale. Abbiamo inoltre dei...leggi la news
  • Il paradosso dell'attività fisica: meglio effettuarla nel tempo libero?
    Fonte: Holtermann et al 10.1093/eurheartj/ehab087. L’attività fisica è un’importante misura di prevenzione cardiovascolare. Recenti studi hanno osservato che il potenziale effetto benefico dell’attività fisica dipende dal contesto in cui essa viene effettuata. Lo sport praticato durante il tempo libero determinerebbe minor insorgenza di patologie cardiache e di mortalità da tutte le cause, mentre l’evidenza per l’attività fisica occupazionale è meno forte. Una recente revisione sistematica ha mostrato che uomini che avevano una certa attività fisica occupazionale avevano un rischio aumentato di tutte le cause di mortalità. Un altro studio invece ha mostrato che l’intensa attività fisica occupazionale è associata ad un tasso minore di cancro, malattie coronariche e diabete di tipo II, mentre c'è un...leggi la news