Scarica App MyGFR
Scarica App MyGFR Scarica App MyGFR
Scarica PDF di questo numero
Promuovi un tuo evento
Calcolatore Vascular Age
Entra in MyCardioLink - il Cardio social
Elderly Lab
DOAC REal Life Practice
Leggi il documento
High Pressure
Heart & Brain
Thrombosis Clinic
Misura
Entra in OPEN LAB
Entra nella sezione di DiabeLink
Entra in EXPERIENCE DESK
Entra in BEST PRACTICE
Speciale ESC 2019
Speciale ACC 2019
Speciale AHA 2018
Richiedi Cartaceo di CardioLink e DiabeLink

Prossimi Congressi

Miocardite atriale a cellule giganti...
Fonte: Circulation 2013; 127: 39-47.

La miocardite a cellule giganti (GCM) provoca in genere insufficienza cardiaca acuta, aritmie, arresto cardiaco e richiede immunosoppressione aggressiva, dispositivo di assistenza ventricolare od il trapianto cardiaco. Esiste una variante di GCM, che interessa principalmente gli atri, e che presenta distintive caratteristiche cliniche e segue un decorso più benigno di GCM ventricolare. Sono stati identificati 6 pazienti (età media 67,5 anni, 4 maschi) con GCM atriale dal 2010 al 2012. Clinicamente, 4 pazienti avevano fibrillazione atriale, 1 insufficienza cardiaca acuta e 1 un riscontro di malattia incidentale all'autopsia. Tra i 5 pazienti viventi, l'ecocardiografia ha rivelato una grave dilatazione atriale (5 casi), rigurgito mitrale/tricuspide (5), trombi murali atriali (3), ispessimento della parete atriale (2) e ipocinesia atriale (2). La funzione ventricolare è stata preservata in tutti i 5 soggetti. L'esame istologico ha mostrato cellule giganti ed infiltrati linfocitari, focolai di miocardite linfocitica, necrosi dei cardiomiociti ed ipertrofia dei cardiomiociti in tutti i casi. Altre caratteristiche erano: fibrosi interstiziale (5), granulomi (4), eosinofili (4), neutrofili (1) e vasculite (1). Il trattamento consisteva in steroidi e ciclosporina (1), il posizionamento di pacemaker per la sindrome del seno malato (1) e la terapia di supporto (3). Tutti i 5 pazienti viventi sono tornati a tollerare l'esercizio a basso regime dopo 6 fino a 16 settimane di follow-up.

 
GIANFRANCO BAGGIONI
Studio interessante anche se include sei pazienti.Cio' fa pensare che sia una forma rara di miocardite.Se dagli Autori fosse
stato indicato quando deve nascere il sospetto di una forma cosi 'rara ,sarebbe stato molto interessante . Pare che la diagnosi definitiva sia stata ottenuta con la biopsia atriale .E' difficile infatti pensare a una forma di miocardite a cellule giganti atriale dalla presenza di una fibrillazione atriale con scompenso.
inserito il: 11-01-2013 21:37
 
 
SERENA MARCHI
Serena Marchi
Sinceramente non conosco questa forma di miocardite a cellule giganti e dato che la clinica non differisce da quella di altre malattie più comuni,vorrei anch'io, come il dr.Baggioni,conoscere gli elementi che ci possono indurre a pensare a questo tipo di miocardite e quindi a porre l'indicazione alla biopsia cardiaca .
inserito il: 12-01-2013 01:42