CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Le Iniziative di CardioLink Scientific News
Studio GLAGOV: evolocumab protagonista nella regressione della placca ateromasica

La riduzione del C-LDL correla con la regressione della placca

Nello studio GLAGOV (The Global Assessment of Plaque Regression With a PCSK9 Antibody as Measured by Intravascular Ultrasound) sono stati studiati 968 pazienti con malattia coronarica (età media 59.8 anni, 27.8% donne, LDL-C 92.5 mg/dL) in 197 ospedali ubicati in Nord America, Europa, Sud America, Asia, Australia e Sud Africa; tutti i pazienti erano in terapia con statine al momento dell’arruolamento (60% ad alta intensità, 40% ad intensità moderata). I partecipanti allo studio sono stati randomizzati a ricevere evolocumab una volta al mese (420 mg) o placebo per via sottocutanea per 76 settimane in aggiunta alle statine. Dei pazienti arruolati, 846 hanno effettuato l'imaging al follow-up.
Scopo dello studio è stato quello di valutare la variazione nella percentuale di volume dell'ateroma (PAV) e dopo 78 settimane, tramite la tecnica IVUS (IntraVascular Ultrasound System)...

Spazio a evolocumab nella lotta all’ipercolesterolemia

Dall’ESC 2016 nuovi dati su efficacia e sicurezza del nuovo inibitore della proteina PCSK9 in diversi scenari clinici!

Al Congresso Europeo di Cardiologia (ESC), che si è tenuto a Roma a fine agosto 2016, i riflettori sono stati puntati sulla lotta all’ipercolesterolemia. Le nuove Linee Guida sulle dislipidemie introducono, nella rosa delle opzioni terapeutiche disponibili, la nuova classe degli inibitori della proteina PCSK9 in pazienti:

a rischio molto elevato, con persistenza di livelli elevati di colesterolo LDL (C-LDL), nonostante il trattamento alla massima dose tollerata con statine, in combinazione con ezetimibe o in pazienti con intolleranza alle statine (raccomandazione di classe II b, classe di evidenza C) affetti da ipercolesterolemia familiare (FH) e malattia cardiovascolare (CV) o compresenza di altri fattori che li rendono particolarmente suscettibili al rischio di coronaropatia, come altri fattori di rischio CV, storia familiare, livelli elevati di lipoproteina a, Lp(a), o...continua a leggere
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

ABSTRACT SEMPLIFICATO DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA