Il dolore da neuropatia periferica diabetica è un predittore di depressione più forte rispetto alle altre complicanze e comorbidità dovute al diabete

Fonte: Diab Vasc Dis Res. 2016 Jun 22. pii: 1479164116653240. D'Amato C.

La prevalenza della depressione nella popolazione con diabete è doppia rispetto a quella della popolazione non diabetica. Il ‘peso’ che il soggetto con diabete sopporta, che favorisce la depressione, è generato dall’influenza della malattia sullo stile di vita e dal timore o dalla presenza delle complicanze. Un esempio di questa situazione è il link tra depressione e polineuropatia diabetica dolorosa; purtroppo una qualsiasi forma di depressione compromette il controllo della patologia metabolica favorendo quindi a sua volta lo sviluppo delle complicanze. Le poche informazioni disponibili riguardo la complessa relazione tra diabete e depressione e neuropatia e depressione non permettono tuttavia ad oggi di ipotizzare  che il trattamento della depressione possa migliorare il controllo della malattia e delle sue complicanze. L’obiettivo dello studio è stato quello di verificare l’effetto indipendente della neuropatia dolorosa (PDPN) e non (DPN) sulla depressione. A 181 soggetti con diabete di tipo 1 e 2, di età compresa tra 18-75 anni, sono stati somministrati i seguenti questionari: Michigan Neuropathy Screening Instrument (MNSI-Q), Michigan Diabetic Neuropathy Score (MDNS). È stato effettuato lo studio della conduzione nervosa con EMG e la valutazione del dolore neuropatico mediante DN4 e la Numerical Rating Scale (NRS). In base ai punteggi i soggetti sono stati classificati come PDPN+ (polineuropatia dolorosa), DPN+ (polineuropatia non dolorosa) e DPN- (assenza di polineuropatia). La depressione è stata valutata mediante il test Beck Depression Inventory II.
Dei soggetti reclutati, 25 risultavano PDPN+, 46 DPN+ e 110 DPN-. Trentasei soggetti avevano una diagnosi di depressione lieve-moderata ed erano soprattutto donne con complicanze retiniche e renali, scarso controllo glicemico ed altre comorbidità. La prevalenza di depressione era tuttavia maggiore nei soggetti con PDPN (44%) e DPN+ (26%) rispetto ai soggetti DPN- (10%). La PDPN si associava alla depressione indipendentemente da altre comorbidità e caratteristiche cliniche e biochimiche della popolazione studiata. In conclusione, la depressione era maggiore nei soggetti con PDPN e DPN. Tuttavia la sola PDPN si associava indipendentemente da altre condizioni e comorbidità alla depressione sia nel tipo 1 sia nel tipo 2 e questo dato è abbastanza originale.

leggi anche

  • Rischio di demenza vascolare particolarmente alto nel diabete di tipo 2
    Fonte: Celis-Morales C et al. EASD 2020. Le persone con diabete di tipo 2 possono essere maggiormente a rischio di sviluppare demenza vascolare rispetto ad altri tipi di demenza: lo sostiene una ricerca presentata in occasione del 56° congresso annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD). Lo studio, basato su una analisi di dati dello Swedish National Diabetes Register, ha esaminato la misura in cui il diabete di tipo 2 si associava allo sviluppo di demenza, nonché l'incidenza dei diversi sottotipi di malattia. In parallelo, sono state esaminate le possibili associazioni con il controllo glicemico ed i possibili ulteriori fattori di rischio coinvolti. Individui con diabete di tipo 2 (n. 378.299) sono stati...leggi la news
  • L’impiego di biomarcatori circolanti per individuare i diabetici a maggior rischio di insufficienza renale
    Fonte: Scarale M et al, EASD 2020. È possibile individuare in anticipo quali siano i pazienti diabetici più a rischio di insufficienza renale, così da intervenire tempestivamente per prevenirne lo sviluppo? A questa domanda risponde una ricerca italiana divulgata in occasione del 56° congresso annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD). La ricerca è stata condotta su 861 pazienti diabetici arruolati nel Gargano Mortality Study 2 (GMS2) e del Gargano Mortality Study 1 (GMS1), sottoposti al dosaggio di 188 metaboliti sierici noti come possibili predittori di comparsa di insufficienza renale. Il GMS2 (325 soggetti) è stato usato come campione per individuare i biomarcatori associati alla riduzione della funzione emuntoria renale in termini di...leggi la news
  • Contributo genetico all’esordio precoce del diabete mellito tipo 2: una ricerca italiana
    Fonte: Fonte: Pezzilli S et al, EASD 2020. Parla italiano una ricerca divulgata in occasione del meeting annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD), in cui viene valutato il ruolo di specifiche varianti geniche nell’esordio precoce del diabete mellito tipo 2. A partire da un’ampia serie di casistiche di pazienti adulti affetti da diabete mellito tipo 2, raccolte grazie alla collaborazione tra diversi centri diabetologici universitari e ospedalieri del Centro-Sud Italia e dell’area urbana di Roma, i ricercatori hanno selezionato 600 pazienti per uno studio caso-controllo 1:1, in cui i due gruppi differivano per età di esordio del diabete (≤35 anni per i casi, ≥65 anni per i controlli). Il loro DNA è...leggi la news
  • Insulina in monosomministrazione settimanale nel diabete di tipo 2 senza precedente trattamento insulinico
    Fonte: Julio Rosenstock et al, NEJM September 22, 2020 DOI: 10.1056/NEJMoa2022474 - EASD 2020. Sono stati divulgati in occasione del meeting annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) e pubblicati sul New England Journal of Medicine i dati di fase 2 relativi ad icodec, analogo sperimentale dell'insulina basale in monosomministrazione settimanale, che mostrano un'efficacia ed una sicurezza della nuova molecola comparabili a quelle dell'insulina glargine al dosaggio di 100UI una volta al giorno. L'insulina icodec si lega all'albumina per creare una forma di deposito circolante con un'emivita di 196 ore (8.1 giorni), quindi l'iniezione una volta alla settimana è progettata per coprire il fabbisogno basale di insulina di un individuo per un'intera settimana,...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
1-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk