Il blocco di branca sinistra (left bundle branch block, LBBB) con frazione di eiezione (ejection fraction, EF) lieve/moderatamente ridotta è associato a una prognosi molto peggiore

Fonte: JACC Heart Fail. 2016 Nov;4(11):897-903. doi: 10.1016/j.jchf.2016.07.002. Epub 2016 Sep 7. Witt CM.

Il blocco di branca sinsitra (BBS) è associato ad esiti peggiori nei pazienti con insufficienza cardiaca in un quadro di gravemente ridotta FEVS. Il livello di morbilità e la mortalità associate con BBS nella cornice di un lieve a moderatamente ridotta FEVS (36% al 50%) non è stato chiaramente caratterizzato. Questo studio ha lo scopo di definire la prognosi per i pazienti con blocco di branca sinistra (BBS) e una frazione di eiezione ventricolare sinistra da lieve e moderatamente ridotta (FEVS) (36% al 50%), così come per chiarire se BBS è rimasto un marcatore prognostico negativo nel questo gruppo. Questa conoscenza è importante chiarire il potenziale beneficio della terapia di risincronizzazione cardiaca in questo gruppo.

Disegno dello studio
Sono stati arruolati1.436 pazienti con scompenso cardiaco; la LVEF media era del 44%.

Risultati principali

  • I pazienti di controllo avevano più coronaropatie (coronary artery disease, CAD); i pazienti con LBBB avevano più stenosi aortica.
  • La LBBB era associata a un rischio di mortalità maggiore del 17%, un rischio maggiore del 34% di sviluppare grave LVEF e un rischio maggiore del 50% di subire un impianto di defibrillatore cardiaco.
  • Dopo controllo per insufficienza cardiaca, CAD e stenosi aortica, la mortalità era ancora significativamente maggiore per LBBB + LVEF ridotta (P=0,004) rispetto ad assenza di LBBB.

Conclusioni
I pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra (left ventricular ejection fraction, LVEF) lieve/moderatamente ridotta e blocco di branca sinistra (LBBB) presentano esiti molto peggiori rispetto a quelli senza alcuna anomalia della conduzione.

leggi anche

 
ORESTE BRAMANTI
Il blocco di branca sinistra è associatO, non associatA
inserito il: 14-12-2016 00:10
 
 
REDAZIONE CARDIOLINK
Grazie per la cortese e corretta precisazione
inserito il: 14-12-2016 09:02
 
 
GIANFRANCO BAGGIONI
Non sappiamo dal lavoro se la resincronizzazione e' vantaggiosa in questi pazienti. In realta' non lo sappiamo neanche dai tanti lavori pubblicati anche se le linee guida pare lo abbiano spinto meno .
inserito il: 14-12-2016 21:09
 
 
GIOVANNI STORTO
Il BBSx in questi pz con riduzione della FE e' correlabile ad una malattia di Lev Lenegre?
inserito il: 18-12-2016 15:34
 
 
VINCENZO SIRAGUSA
Ma questi pazienti muoiono più per scompenso o per aritmie maligne ?
inserito il: 26-02-2019 22:27
 
  • Lo scompenso cardiaco è associato con una più rapida progressione della malattia minerale ossea legata all’età
    Fonte: Acta Cardiol - doi: 10.1080/00015385.2020.1771885. La sindrome associata ad insufficienza cardiaca (HF) è associata ad attivazione neuro-ormonale, a malattia renale cronica (CKD), ad infiammazione cronica ed alle alterazioni del metabolismo del fosforo, tutte coinvolte nella regolazione della densità minerale ossea. Tuttavia, il ruolo dell'HF come fattore indipendente associato alla malattia ossea su base metabolica (MBD) non è ancora chiaro. I pazienti affetti da HF sottoposti a DEXA sono stati abbinati in modo 1:2 contro i controlli di età e sesso senza HF, per determinare la proporzione di osteoporosi (T-score < -2,5). Lo stato HF è stato testato contro i predittori noti di MBD. L'analisi di correlazione e l'analisi Z-score sono state utilizzate per valutare...leggi la news
  • I costi della malattia renale cronica in presenza ovvero assenza di comorbidità
    Fonte: J Am Soc Nephrol - ASN.2019121308. doi: 10.1681/ASN.2019121308. La CKD è associata a costi sanitari più elevati che aumentano con la progressione della malattia. Tuttavia, manca una ricerca sul tipo di costi sanitari associati alla CKD in tutti gli stadi per una popolazione generale con un notevole carico di comorbidità. Utilizzando le cartelle cliniche elettroniche di un sistema di somministrazione integrato, sono stati valutati i costi dell'assistenza sanitaria per tipo di spesa in generale e nei pazienti con CKD in presenza di comorbidità. Sono stati classificati 146.132 pazienti (dei quali si conoscevano i valori di eGFR) nel 2016/2017 ed esaminati gruppi non mutualmente esclusivi in base alla presenza di diabete mellito, malattie cardiovascolari o...leggi la news
  • La malattia renale nel paziente con cardiopatia
    Fonte: Interv Cardiol Clin - doi: 10.1016/j.iccl.2020.03.002. Le malattie cardiovascolari e renali hanno in comune apsetti fisiopatologici, fattori di rischio e strategie terapeutiche. Le 2 entità sono strettamente interconnesse e spesso coesistono. La prevalenza di malattie renali tra i pazienti con patologia cardiaca è in aumento. I pazienti hanno una presentazione clinica atipica e una manifestazione variabile della malattia rispetto alla popolazione generale. La compromissione renale limita le opzioni terapeutiche e peggiora la prognosi. Un trattamento meticoloso e un attento monitoraggio sono necessari per garantire la sicurezza ed evitare il deterioramento delle funzioni renali e cardiache. Questa revisione della letteratura evidenzia i recenti progressi nella diagnosi e nel trattamento delle patologie cardiache, tra cui la...leggi la news
  • Controllo aggressivo della funzione renale e progressione delle malattie croniche in pazienti anziani
    Fonte: J Am Geriatr Soc - doi: 10.1111/jgs.16558. Online ahead of print. A causa dei costi elevati e dell'eccesso di mortalità associata alle comorbifità, è necessario sviluppare approcci per ritardarne la progressione della cardionefropatia ipertensiva. L'ipertensione arteriosa (BP) è una condizione cronica comune e un fattore di rischio per molte altre condizioni croniche, che la rende un obiettivo ideale per l'intervento. Lo scopo di questa metanalisi era di determinare l'associazione tra il livello di controllo sostenuto della BP e la progressione della comorbidità. Si tratta di uno studio di coorte retrospettivo riguardante il trattamento per l’ipertensione arteriosa e la dislipidemia allo scopo di prevenire l'attacco cardiaco (ALLHAT) basate sulle richieste di accesso a Medicare. Un...leggi la news
  • Associazione tra livelli di fattore di crescita dei fibroblasti – 23 (FGF-23) ed eventi cardiovascolari ricorrenti in pazienti con pregressa sindrome coronarica acuta
    Fonte: JAMA Cardiol - doi: 10.1001/jamacardio.2018.0653. Elevate concentrazioni del fattore di crescita dei fibroblasti 23 (FGF-23) sono associate alla fibrosi miocardica ed all’ up – regulation del sistema renina-angiotensina, fornendo potenzialmente informazioni prognostiche distinte da quelle fornite dai biomarcatori cardiovascolari (CV) standard. L’obiettivo dello studio era quello di valutare l'associazione tra livelli di FGF-23 ed eventi CV ricorrenti nei pazienti dopo episodio di sindrome coronarica acuta (ACS). L’end point primario dello studio Il punto finale primario era un composito di morte CV ovvero ospedalizzazione per insufficienza cardiaca. In questo studio, le concentrazioni di base di FGF-23 erano disponibili per 4947 pazienti (età mediana di 64 anni e percentuale di pazienti di sesso maschile pari al...leggi la news

Primo Piano

Attendi...
loading
3-2020
DiabeLink
ANTICOAGULANTI ORALI? MAI STATI COSÌ SICURI!
AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO E TERAPIA DEL DIABETE
Guida Sicura
Speciale
BBMAX
Best Practice
OpenLab
Experience Desk