Alcol e fibrillazione atriale – Una sintesi sobria
Fonte: Voskoboinik A - J Am Coll Cardiol 2016;68:2567-2576 - doi: 10.1016/j.jacc.2016.08.07.

L’alcol è popolare nella cultura occidentale, supportato dalla percezione che una modesta assunzione di bevande alcoliche sia cardioprotettiva. Tuttavia, l’eccesso di alcol ha implicazioni negative per le patologie cardiovascolari. La fibrillazione atriale (FA) che segue un’ubriacatura, ovvero la cosiddetta “sindrome del cuore in vacanza” (holiday heart syndrome), è ben caratterizzata. Tuttavia, anche livelli più modesti di assunzione di bevande alcoliche su base regolare possono aumentare il rischio di FA. I meccanismi fisiopatologici responsabili della correlazione fra alcol e FA possono includere una tossicità diretta e un contributo favorente dell’alcol per obesità, disturbi respiratori del sonno e ipertensione. Tre metanalisi di ampie dimensioni hanno dimostrato che una regolare e moderata assunzione di alcol, anche dopo correzione per episodi di ubriacatura, aumenta l’incidenza di FA in maniera dose-dipendente (4-6), in assenza di differenze fra sesso maschile e sesso femminile. Il consumo di alcol è stato definito come segue: leggero (<7 BAS/settimana); moderato (da 7 a 21 BAS/settimana); elevato (>21 BAS/settimana). L’alcol può agire come fattore scatenante la FA, ma può anche agevolare un progressivo rimodellamento atriale con il suo consumo regolare sul lungo termine. Un consumo sostenuto a breve termine di alcol può indurre un rimodellamento elettrico atriale, che genera a sua volta un substrato aritmogeno. Nei conigli, un’infusione di alcol per 5 giorni ha ridotto in maniera significativa la densità delle correnti di calcio di tipo L (ICa,L) e di sodio (INa) (7). In atri di ratti esposti all’etanolo e al suo metabolita acetaldeide è stata osservata un’induzione dell’espressione proteica del canale per il potassio sensibile all’acetilcolina Kir3.1 (IKACh). Un aumento dell’attività di IKACh accorcia il potenziale d’azione promuovendo la ripolarizzazione. In maniera simile, la somministrazione di alcol ha accorciato la durata del potenziale delle vene polmonari di coniglio, sebbene non alterasse l’automatismo e l’attività triggerata di queste cellule. In un modello suino a torace chiuso, Anadon et al. hanno dimostrato che l’intossicazione acuta da alcol aumentava la suscettibilità alla FA dopo la stimolazione atriale programmata. L’effetto diretto dell’alcol, che accorcia il potenziale d’azione atriale e conseguentemente la lunghezza dell’onda atriale, fornisce la base elettrofisiologica per il circuito di rientro della FA. Gli effetti cardiaci acuti dell’alcol nella specie umana sono stati descritti per la prima volta in 14 pazienti sottoposti a studio elettrofisiologico prima e dopo circa 5 bicchieri di whiskey. Come nei modelli animali, l’alcol ha comportato un accorciamento del periodo refrattario effettivo e ha anche rallentato la conduzione intra-atriale (11). In uno studio su bevitori abituali di quantità moderato-intense di alcol, l’ingestione di circa 6 bicchieri di whiskey comportava un allungamento dell’intervallo His-ventricolo (H-V) e un accorciamento del tempo di recupero del nodo del seno, oltre a un’inducibilità di tachiaritmie sopraventricolari e ventricolari nel 71% dei casi (12). La conduzione interatriale, determinata mediante la durata dell’onda P sinusale con ECG signal-averaged, è significativamente superiore nei pazienti con una storia di FA dopo un’ubriacatura rispetto ai controlli di età corrispondente. Tuttavia, dopo assunzione di 1,5 g/kg di etanolo, la durata dell’onda P era prolungata nel gruppo di controllo senza storia di FA (13), il che suggerisce che l’alcol rallenta in maniera diretta la conduzione interatriale in tutti i soggetti. Il ritardo elettromeccanico atriale è stato documentato anche mediante ecocardiografia con Doppler tissutale. In 48 pazienti con FA, i periodi refrattari effettivi atriali erano significativamente più brevi fra i bevitori rispetto ai non bevitori. Il rallentamento della conduzione, in combinazione con l’accorciamento delle refrattarietà atriali, riduce la lunghezza dell’onda di depolarizzazione atriale e facilita il rientro. Al momento in cui si scrive, le variazioni elettrofisiologiche durante il periodo di washout non sono state ben caratterizzate. Nei bevitori cronici è anche frequente l’ipokaliemia, mediata primariamente da una kaliuresi inappropriata per la concomitante ipomagnesiemia presente nel 30% dei forti bevitori. La perdita di potassio può essere precipitata dal vomito che si ha a seguito di un’ubriacatura e predispone alla FA per un aumento dell’eccitabilità, dal momento che l’iperpolarizzazione cellulare riduce il potenziale di membrana a riposo, con un conseguente incremento del reclutamento dei canali del sodio e quindi una più rapida fase di salita del potenziale d’azione.

leggi anche
 
ERMETE TRIMEGISTO
Bello studio e titolo intelligentemente ironico.... riesce a vedere il bicchiere "mezzo pieno" dato l'argomento!
inserito il: 13-02-2017 13:08
 
 
LEONARDO SARACINO
si parla di 6 bicchieri di wiskey e di forti bevitori ,ma come si sà la dieta mediterranea include il vino rosso che alle nostre latitudini non supera i 14.15°,e contiene il resveratrolo respsonsabile del famoso paradosso francese...ci sono studi che confutano la bontà di un bicchiere di vino a pasto?dobbiamo togliere a noi stessi e ad i ns pazienti anche questo piacere?
inserito il: 13-02-2017 16:38
 
 
ENRICO CARIOLI
sono d' accordo con il collega Saracino: mentre è ormai accertato e accettato da tutti che forti quantità di alcool (e specialmente superalcoolici) siano dannose, non c'è evidenza attendibile che MODESTE o men che modeste (< 7 BAS per settimana = < 1/2 bicchiere a pasto) quantità di vino siano ancora dannose, o al contrario siano benefiche.
inserito il: 18-03-2017 15:29
 
  • La risonanza magnetica cardiaca nei pazienti oncologici in trattamento con antracicline e/o trastuzumab: qualche utilità?
    Fonte: Modi et al 10.1093/ehjci/jeaa279. Nei pazienti con cancro con cardiomiopatia tossica da antracicline/trastuzumab, i dati riguardanti la caratterizzazione tissutale ed in particolare il “late gadolinium enhancement” (LGE) alla risonanza magnetica cardiaca (RMC) sono contraddittori. Non è ancora chiaro se il trattamento con antracicline e/o trastuzumab è associato con LGE. Modi e colleghi hanno valutato alla RMC una vasta coorte di pazienti con cancro con sospetta cardiotossicità da antracicline e/o trastuzumab. I ricercatori hanno analizzato 298 pazienti, valutando la prevalenza, il pattern e il correlati del LGE. Hanno paragonato questi risultati con quelli di 100 pazienti con cancro che non ricevevano né antracicline né trastuzumab. Tra quelli che ricevevano antracicline e/o trastuzumab, 31 (10,4%) avevano...leggi la news
  • La disfunzione cardiaca e il danno subclinico nelle pazienti con cancro alla mammella in trattamento con antracicline
    Fonte: Zito 10.1093/ehjci/jeaa339. La disfunzione cardiaca è la maggiore manifestazione della cardiotossicità da terapia oncologica, ed è definita come la diminuzione di almeno 10 punti percentuale della frazione d’eiezione (FE), rispetto ad un valore <50%. L’ecocardiografia speckle tracking, permette invece di diagnosticare il danno cardiaco subclinico, attraverso la misurazione del global longitudinal strain (GLS). Attualmente, una riduzione del GLS maggiore del 15% dal valore di base è suggestiva di danno cardiaco, anche quando la FE è preservata. Zito e colleghi hanno effettuato uno studio multicentrico prospettico che coinvolgeva una coorte di 146 pazienti con cancro alla mammella. Le pazienti sono state divise in tre gruppi a seconda del trattamento che ricevevano: doxorubicina o epirubicina con...leggi la news
  • La gestione del paziente oncologico in cardiologia: quanto siamo lontani dalle linee guida?
    Fonte: 10.1093/ehjci/jeaa111 Stankovic et al. Nei paesi sviluppati, le patologie cardiovascolari e il cancro sono le cause maggiori di mortalità e morbilità. La prognosi dei pazienti affetti da diversi tipi di cancro comune è migliorata grazie alla diagnosi precoce e agli avanzamenti nella terapia. Comunque sia la tossicità precoce che tardiva è associata a molti tipi di trattamento e può complicare il decorso clinico, i benefici terapeutici e alterare la prognosi. Di conseguenza, il riconoscimento precoce, il monitoraggio e il trattamento della cardiotossicità sono diventati una parte essenziale della cura del paziente. Per tale motivo sono stati istituiti numerosi programmi multidisciplinari di cardioncologia per migliorare la gestione e la prognosi delle complicanze cardiovascolari nei pazienti...leggi la news
  • Diagnosi e trattamento dell'amiloidosi cardiaca: il position paper della società europea di cardiologia
    Fonte: Garcia-Pavia et al 10.1093/eurheartj/ehab072. Sono state recentemente pubblicate sull’ “European heart Journal” le raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento dell’amiloidosi cardiaca. L’amiloidosi cardiaca è caratterizzata dalla deposizione extracellulare di proteine mal ripiegate nel cuore. Sebbene sia una condizione rara, dati recenti suggeriscono che sia una condizione sottostimata. Grazie alle nuove tecnologie diagnostiche, e ai progressi nelle terapie alternative, il riconoscimento e il trattamento dell’amiloidosi cardiaca è migliorato. Quando sospettare l’amiloidosi cardiaca?L’amiloidosi cardiaca appare tipicamente con una serie di segni extracardiaci e non che sono molto utili nel sospetto di questa patologia. Questi segni/sintomi sono detti “red flags” ed includono la proteinuria (anche lieve), la macroglossia, la sindrome del tunnel carpale. Abbiamo inoltre dei...leggi la news
  • Il paradosso dell'attività fisica: meglio effettuarla nel tempo libero?
    Fonte: Holtermann et al 10.1093/eurheartj/ehab087. L’attività fisica è un’importante misura di prevenzione cardiovascolare. Recenti studi hanno osservato che il potenziale effetto benefico dell’attività fisica dipende dal contesto in cui essa viene effettuata. Lo sport praticato durante il tempo libero determinerebbe minor insorgenza di patologie cardiache e di mortalità da tutte le cause, mentre l’evidenza per l’attività fisica occupazionale è meno forte. Una recente revisione sistematica ha mostrato che uomini che avevano una certa attività fisica occupazionale avevano un rischio aumentato di tutte le cause di mortalità. Un altro studio invece ha mostrato che l’intensa attività fisica occupazionale è associata ad un tasso minore di cancro, malattie coronariche e diabete di tipo II, mentre c'è un...leggi la news